MANCANO MESI ALLE SCADENZE, MA SONO PARTITE LE GRANDI MANOVRE PER I VERTICI DELLA DIFESA: ECCO I NOMI IN LIZZA PER PRENDERE IL POSTO DI TOSCHI COME COMANDANTE GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA, E DI GRAZIANO COME CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA, DA CUI DIPENDONO TUTTI GLI ALTRI CORPI. PER OGNUNO DEI DUE RUOLI CI SONO DUE GENERALI IN PRIMA FILA E UN OUTSIDER…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

giorgio toschi giorgio toschi

Mancano mesi alle scadenze dei vertici dell'apparato militare italiano, ma le grandi manovre sono già iniziate. L'anno prossimo scade il mandato del generale Giorgio Toschi, Comandante generale della Guardia di Finanza, e i nomi in prima fila per prendere il suo posto sono due, più un outsider: il generale Luciano Carta, vicedirettore dell'Aise (i servizi segreti esteri) e il generale Vincenzo delle Femmine, vicedirettore Aisi (servizi interni). Il terzo nome è il Capo di Stato Maggiore, generale Giuseppe Zafarana.

 

giuseppe zafarana giuseppe zafarana

Per il ruolo più importante, quello di Capo di Stato Maggiore della Difesa attualmente occupato dal generale Graziano, sono in ballo i Capi di Stato Maggiore dell'Aeronautica, generale Enzo Vecciarelli, e quello della Marina, ammiraglio di squadra Valter Girardelli. Anche qui c'è un terzo nome, che è quello del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, generale Salvatore Farina. Deluse invece le speranze del generale Carlo Magrassi, Segretario Generale della Difesa, già consigliere militare di Renzi.

generale salvatore farina generale salvatore farina generale luciano carta generale luciano carta enzo vecciarelli enzo vecciarelli DELLE FEMMINE DELLE FEMMINE GRAZIANO PINOTTI GRAZIANO PINOTTI generale carlo magrassi generale carlo magrassi valter girardelli valter girardelli

 

Condividi questo articolo

politica

"MALETTONISMO" - MARCELLO VENEZIANI: “I BENETTON NON HANNO PRODOTTO SOLO MAGLIONI E GESTITO AUTOSTRADE MA SONO STATI LA PRIMA FABBRICA NOSTRANA DELL'IDEOLOGIA GLOBAL E TOSCANI E’ STATO IL LORO PROFETA. SOCIETÀ MULTIRAZZIALE, VIA LE BARRIERE OVUNQUE, ECCETTO AI CASELLI, DOVE SI TRATTA DI PRENDERE PEDAGGI - SI È CEMENTATO UN BLOCCO TRA UN CETO PROGRESSISTA CHE FORNISCE IL CERTIFICATO DI BUONA COSCIENZA A UN CETO AFFARISTICO DI CAPITALISTI MARPIONI. PERÒ ALLE VOLTE INSORGE LA REALTÀ…”