IL MINISTRO DEL LAVORO DI TRUMP PERDE IL LAVORO PRIMA DI INIZIARLO - ANDREW PUZDER SI RITIRA PRIMA DELLE AUDIZIONI IN SENATO: LE ACCUSE DI ABUSI DA PARTE DELLA MOGLIE E LE TASSE NON PAGATE SUI DIPENDENTI CLANDESTINI DELLA SUA CATENA DI FAST FOOD NON ERANO UN OTTIMO BIGLIETTO DA VISITA

Condividi questo articolo

Paolo Guzzanti per il Giornale

 

hamburger carls junior di andrew puzder hamburger carls junior di andrew puzder

Il centro dello scontro politico negli Stati Uniti è diventato la questione russa, ma Donald Trump ha anche un altro problema: i suoi uomini al vertice che perdono il posto. Abbiamo già visto cadere la testa del generale in pensione ex consigliere per la sicurezza nazionale - Michael Flynn, licenziato dopo settimane di tormenti per aver mentito al vicepresidente Pence sui suoi rapporti con l' ambasciatore russo.

 

Adesso anche Andrew Puzder, ministro del Lavoro, deve andarsene: l' accusa di abusi avanzata dalla moglie ed il mancato pagamento di tasse su dipendenti clandestini - già un controsenso in sé per un uomo di Trump - della sua catena di fast food lo hanno spinto a un passo indietro prima che il Senato fosse chiamato a una improbabile ratifica della sua nomina.

 

Ma l' intreccio di rapporti sospetti con la Russia rimane il problema del momento per il nuovo presidente. Adesso si scopre che tutte le agenzie di spionaggio e in più l' Fbi che svolge un servizio soltanto interno, da un anno a questa parte non fanno che raccogliere dossier su incontri, telefonate e contatti fra Donald Trump e tutti i suoi associates e i russi. È diventata giorno dopo giorno una caccia alle streghe perché non emergono fatti concreti ma soltanto la trama di un' intensa attività d' affari e di contatti personali.

donald trump andrew puzder donald trump andrew puzder

 

Tutto ciò ha messo a disagio Donald Trump, il quale si trova esposto sia a continue rivelazioni di intercettazioni che compromettono i suoi uomini, sia ai disinvolti comportamenti di alcuni personaggi russi che con allegra superficialità confermano «rapporti speciali» non meno che corretti, anche se sempre più rischiosi.

 

I democratici si sono scatenati sulla sindrome russa su cui fanno leva per mettere sotto accusa il Presidente, costretto a giocare una partita personale con i suoi imprevedibili tweet. Il partito all' opposizione è anche riuscito a far riaprire dal Fbi il dossier dell' agente segreto inglese Christopher Steele il quale consegnò al governo britannico un documento in cui si affermava che Trump è ricattato dai russi con i soliti filmini compromettenti.

 

hamburger carls junior di andrew puzder hamburger carls junior di andrew puzder

Il Bureau ha passato due mesi per indagare sulla scottante faccenda, senza arrivare a nulla. Ma intanto si scopre che l' Fbi ha usato tutte le forme di intercettazioni possibili per mettere nei guai gli uomini di Trump senza doverne rispondere ad alcun giudice.

 

Che cosa emerge da questa selva di intercettazioni? Nulla di spionistico, ma una fioritura di attività commerciali tra uomini dell' apparato presidenziale e quelli che vengono definiti senior Russian intelligence officials, cioè gente dell' apparato informativo russo.

hamburger carls junior di andrew puzder hamburger carls junior di andrew puzder

In Russia è perfettamente normale, e persino patriottico, che gli uomini d' affari e i diplomatici svolgano una doppia attività come referenti del Fsb, l' onnipotente erede del Kgb che con Vladimir Putin diventò negli anni Novanta uno strumento politico oltre che di intelligence.

 

Una tale commistione in America è vietata e anzi severamente punita, ma il gioco è tutto politico perché le agenzie di spionaggio americane vengono tutte dalla cosiddetta old School, che ha sempre considerato la Russia, non importa se comunista o capitalista, il nemico pubblico numero uno.

La partita è più che mai aperta e Trump sa bene che sul fronte russo corre dei rischi, come dimostra il fatto che sia stato proprio lui a licenziare quasi con furore Michael Flynn per non essere contaminato dalle sue cattive amicizie.

 

 

TRUMP FLYNN - 2 TRUMP FLYNN - 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA