PARLA LA ‘FIRST LADY’ ISOARDI: ‘SONO ORGOGLIOSA DI MATTEO (SALVINI) MA PER AMOR SUO RESTERÒ NELL’OMBRA. UNA DONNA, PER QUANTO IN VISTA, DEVE SEMPRE DARE LUCE AL SUO UOMO. E IL SOSTEGNO SPESSO SI DÀ ARRETRANDO’ - ‘ORA IN RAI SONO POTENTE? NO, A VOLTE LE DONNE DI UOMINI INFLUENTI SONO DANNEGGIATE, GLI METTONO ADDOSSO L’ETICHETTA DEL PRIVILEGIO’

-

Condividi questo articolo

oggi isoardi salvini oggi isoardi salvini

 

Dall’intervista di Alberto Dandolo per ‘Oggi’ in edicola domani

 

«Sono orgogliosa dei risultati e dei successi di una persona che fa parte di me. È il suo momento. Ho il dovere di non confondere i piani. Per rispetto. Per amore. Una donna, per quanto in vista, deve sempre dare luce al suo uomo. E la luce, il sostegno, la vicinanza spesso si danno arretrando. Stando nell’ombra».

 

Così dice Elisa Isoardi, conduttrice televisiva e fidanzata di Matteo Salvini, al settimanale OGGI. Nel numero in edicola da domani, OGGI riporta anche una confidenza fatta ad alcuni amici: «Non è detto che il potere aiuti. A volte le donne di uomini influenti sono meno privilegiate di quel che si pensi. Devono dimostrare più di altri. Devono scrollarsi di dosso l’etichetta del privilegio. Ma, alla fine, chi fa bene e con amore il proprio lavoro verrà sempre premiato. La qualità vince sempre».

salvini isoardi 15 salvini isoardi 15 SALVINI ISOARDI SALVINI ISOARDI matteo salvini elisa isoardi 6 matteo salvini elisa isoardi 6 matteo salvini elisa isoardi 5 matteo salvini elisa isoardi 5 matteo salvini elisa isoardi 1 matteo salvini elisa isoardi 1 matteo salvini elisa isoardi 3 matteo salvini elisa isoardi 3 matteo salvini elisa isoardi 2 matteo salvini elisa isoardi 2 salvini isoardi 25 salvini isoardi 25

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - I DEMOCRATICI PROVANO AD ABBATTERE IL GIUDICE KAVANAUGH A COLPI DI ''METOO'', CHE METTE UN PO' DI INSANO TIMORE PERSINO A TRUMP. MA LA PRESUNTA VITTIMA DICE: ''AVEVO 15 ANNI, LUI 17, NON MI RICORDO GIORNO NÉ LUOGO, PROVÒ A SPOGLIARMI MA GLI SFUGGII PERCHÉ ERA TROPPO UBRIACO E IMBRANATO, HO TACIUTO PER 36 ANNI E ORA NON VOGLIO TESTIMONIARE IN SENATO, MA NON DEVE DIVENTARE GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA''. EPPURE AI VERTICI DELLA GIUSTIZIA C'ERA GIÀ, SENZA CHE LA FERVENTE DEMOCRATICA AVESSE DETTO UNA SILLABA…