PORTO IL CANE A FARE LA BIBÌ - BRIGITTE BARDOT CANDIDATA ALLE EUROPEE PER IL PARTITO ANIMALISTA - L’ATTRICE HA CRITICATO ASPRAMENTE LE POSIZIONI DEL PRESIDENTE MACRON SULLA CACCIA E QUELLE DELLA PRINCIPESSA STEPHANIE DI MONACO SUL CIRCO: “GLI ANIMALI SONO IL MIO COINVOLGIMENTO VITALE” - QUANDO LA BARDOT MOSTRAVA LA "PELLICCIA" - FOTOGALLERY PELOSETTA

-

Condividi questo articolo



Giulio Gavino per www.lastampa.it

 

BARDOT BARDOT

Brigitte Bardot candidata alle elezioni europee di maggio. BB ha scelto di scendere in campo con il partito animalista. A farle rompere gli indugi è stata l’ultima lite con il ministro francese dell’Ecologia Rugy. La decisione l’ha presa nel suo rifugio di Le Garrigue, a Saint Tropez. Un riavvicinamento, quello al partito animalista francese, che arriva dopo l’aperto sostegno, ma evidentemente non politico, al movimento dei gilet gialli. La Bardot, di recente, ha criticato aspramente le posizioni del presidente Macron sulla caccia e quelle della principessa Stephanie di Monaco sul circo. Posizioni intransigenti a difesa degli animali che sono il «mio coinvolgimento vitale» - ha sostenuto.

 

brigitte bardot brigitte bardot brigitte bardot brigitte bardot

 

Condividi questo articolo



politica

ROMA È “L’EPICENTRO DELLA COSPIRAZIONE” – STA PER USCIRE “DEEP STATE TARGET”, IL LIBRO DI GEORGE PAPADOPOULOS CHE RACCONTA IL TENTATO SABOTAGGIO DELLA CAMPAGNA PRESIDENZIALE AMERICANA – IL SOGNO DELL’EX CONSIGLIERE DI TRUMP DI FAR INCONTRARE “THE DONALD” CON PUTIN E I “CONSIGLI” DI JOSEPH MIFSUD – L'OSCURO PROFESSORE MALTESE DELLA “LINK CAMPUS UNIVERSITY” DI VINCENZO SCOTTI SOSTENEVA DI POTER PROCURARE “ROBA SPORCA” SU HILLARY, POI, UNA VOLTA SCOPPIATO IL CASO, SCOMPARE NEL NULLA, INSIEME ALLE TRACCE DEL SUO PASSAGGIO ALL'ATENEO ROMANO – I TWEET MISTERIOSI DI PAPADOPOULOS

POLVERE DI (CINQUE) STELLE – COME MAI I LEADER GRILLINI NON STREPITANO PIÙ SUI SOCIAL? SEMPLICE, HANNO PAURA DELLE BORDATE DELLA BASE – DAL 10 AL 20 FEBBRAIO I POST FACEBOOK GIORNALIERI DI LUIGINO DI MAIO SONO CALATI DI UN QUARTO E DIBBA DOPO IL DISASTRO IN ABRUZZO NON SI FA SENTIRE. MENTRE SALVINI CONTINUA A MACINARE SELFIE E “REACTIONS”– LA RIDUZIONE DELLA COMUNICAZIONE PERÒ È UN BOOMERANG, PERCHÉ IL CONSENSO VIRTUALE È FLUIDO, E RAPIDO COM’È ARRIVATO PUÒ ANDARSENE