IL PRIVATO È PUBBLICO - CALENDA: ''MIA MOGLIE HA AVUTO UNA RECIDIVA DELLA LEUCEMIA, PER QUESTO NON MI VEDETE ALLE FESTE DELL'UNITÀ O AGLI INCONTRI PUBBLICI. MI OCCUPO DI LEI E DEI TRE FIGLI. HO SCOPERTO CHE SPESSO IL TUMORE VIENE TRATTATO COME SE FOSSIMO NELL'800, TENENDOLO NASCOSTO COME FOSSE UNA COLPA. NOI INVECE ABBIAMO SEMPRE PARLATO APERTAMENTE, ANCHE DI FRONTE AI BAMBINI. E QUANDO UNA PERSONA SOTTO CHEMIO RIESCE...''

-

Condividi questo articolo

 

 

Valentina Santarpia per www.corriere.it

 

Non deve essere stato semplice scrivere nero su bianco quelle parole, un sabato mattina qualsiasi, eppure lo ha fatto con il consueto garbo, la semplicità e la solidità a cui ci ha abituato negli anni in cui lo abbiamo visto condurre le trattative azienda li più spinose. L’ex ministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda, che ha seguito da vicino il caso Ilva anche nelle ultime settimane, ha rivelato il motivo-dolorosamente privato- per cui nelle ultime settimane non ha più partecipato ad incontri pubblici sul territorio e ha rifiutato gli inviti alle feste dell’Unità. Sua moglie, scrive su Twitter, «ha avuto una recidiva della Leucemia ed è in ospedale per trapianto».

 

carlo calenda con la moglie viola carlo calenda con la moglie viola

Per cui lui deve seguire «i tre bimbi» (che hanno 5, 9 e 12 anni) e non può naturalmente «allontanarsi da Roma». Già ad aprile, partecipando all'iniziativa di komenitalia, Calenda, che ha 45 anni, aveva confessato che sua moglie Violante Guidotti era appena stata curata per un tumore, e insieme si erano fatti fotografare come testimonial per la prevenzione. Ma nell'ultimo anno purtroppo la moglie era stata colpita anche da una leucemia, che sembrava debellata e che invece è tornata.

 

Per questo la prossima settimana dovrà sottoporsi ad un trapianto: «Sarà un momento faticoso, ma lei è una leonessa, e noi tutti combattiamo: è stato un anno di tragedia, ma anche di grande amore», ci confida al telefono. Un lettore sottolinea, commosso, «dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna».

 

E lui ne approfitta subito per raccontare il coraggio e la forza con cui la sua famiglia sta affrontando la malattia: sua moglie, più che dietro, spiega Calenda, «è davanti»: «Viola vale dieci me. Quando una persona sotto chemio ablativa e in isolamento totale riesce a controllare compiti e lavaggio dei denti dei figli via Skype (anche perché non si fida del marito) siamo su un altro pianeta».

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

 

 

Carlo Calenda

@CarloCalenda

 Devo una spiegazione, ora che ILVA è chiusa, ai tanti che chiedono perché non vado alle feste dell’unità o a incontri sul territorio. Mia moglie ha avuto una recidiva della Leucemia ed è in ospedale per trapianto. Seguo i tre bimbi e lei e non posso allontanarmi da Roma.

07:33 - 8 set 2018

 

 

«Non è una colpa, perché tenerla nascosta?»

Uno spaccato intimo e commovente: anche troppo, secondo i follower che temono che poi tutti «chiedano in continuazione» e «magari qualche imbecille ci fa il titolo sul giornale». Ma Calenda non teme gli assalti, e anzi spiega che, «finché eravamo nella battaglia ILVA», ha preferito non dirlo. Ma adesso che la vicenda è conclusa, e non c’è il rischio che qualcuno strumentalizzi le sue vicende familiari per attaccarlo su piani professionali, è anzi «fondamentale che chi ha un cancro non lo viva come una “menomazione” da tenere nascosta. Così ci regoliamo io e Viola, nel rapporto tra di noi, con i bambini e con gli altri».

 

carlo calenda tessera pd con maurizio martina carlo calenda tessera pd con maurizio martina

Per l’ex ministro, dirigente d’azienda, la chiarezza è un baluardo: sentiva il bisogno di dire la verità a tutti quelli a cui aveva dato «buca» nelle scorse settimane, non potendo partecipare a diversi incontri di settembre e «scomodando molta gente». Del resto, spiega, «io e Viola abbiamo da tempo deciso di parlare apertamente della sua malattia e di non tenerla nascosta come fosse una colpa».

 

Un esempio di compostezza, anche per tutte le altre migliaia di persone che vivono malattie terribili nel silenzio e nella inconsapevole vergogna. «Ho scoperto che spesso il tumore viene trattato come se fossimo nell'800: e questo crea anche grandissime fratture nelle famiglie. Noi invece abbiamo sempre parlato apertamente, anche di fronte ai bambini, di quello che stava succedendo: questo ci aiuta anche a mantenere un clima di normalità in famiglia», ci spiega.

 

Ed è proprio la normalità, ciò a cui aspira ora Calenda: «Non voglio spettacolarizzazioni o drammatizzazioni», chiede con fermezza. Del resto, la loro è sempre stata una famiglia molto riservata, che si è tenuta lontana dalla mondanità, non per snobismo, ma proprio per garantire ai figli una vita equilibrata e tranquilla: lui e Violante sono insieme da quando avevano 18 anni, e hanno condiviso gioie e dolori, sempre rimanendo lontani dai riflettori. Ed è quello che faranno anche in questo momento.

 

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

 «Oh ma non è che sparisco- conclude Calenda rispondendo alle preoccupazioni di chi lo segue- Continuo a combattere per le mie idee e contro questo governo. Dopo figli e moglie e con qualche limitazione in più rimane una priorità . Adelante».

 

Condividi questo articolo

politica