"NEL 2002 FACEMMO FINIRE NOI LA GUERRA FREDDA"-  BERLUSCONI CERCA UN RILANCIO E FORZA ITALIA PUBBLICA UNA FOTO CON IL CAV, PUTIN E GEORGE W.BUSH A PRATICA DI MARE – IL CAV CERCA UN RILANCIO GIOCANDO SULL'ESPERIENZA INTERNAZIONALE DI GOVERNO: "SONO L'UNICO LEADER DI QUESTO CENTRODESTRA A POTER FERMARE L'ESCALATION "

-

Condividi questo articolo

berlusconi berlusconi

Da repubblica.it

 

Silvio Berlusconi, messo al margine della trattativa politica per la formazione del nuovo governo dopo il brutto risultato del voto del 4 marzo, cerca ora di ritrovare una perduta centralità giocando sull'esperienza internazionale di governo, approfittando dell'esplosione delle tensioni tra Usa e Russia in Siria.

 

Un'offensiva a tutto campo per accreditarsi come il leader naturale, d'esperienza, per mediare tra i due ex protagonisti della guerra fredda. Un tweet di Forza Italia rivendica il ruolo dell'ex Cavaliere nell'aver messo fine alla Guerra Fredda con l'accordo del 2002 di Pratica di Mare. A campeggiare nel tweet una foto di Berlusconi tra Putin e George W. Bush (tutti giovanissimi).

 

berlusconi putin george w.bush berlusconi putin george w.bush

 

Ma non solo tweet. In un intervento sul Corriere della Sera, Berlusconi spiega come l'Italia abbia bisogno "di un governo autorevole sul piano interno e internazionale, interlocutore riconosciuto e capace di farsi ascoltare delle maggiori potenze". E ribadisce:  "Quindici anni fa - ricorda - il nostro governo mise intorno a un tavolo, a Pratica di Mare, Russia, Stati Uniti, Europa, in uno storico accordo che avrebbe potuto inaugurare una nuova epoca, di alleanza e non più di contrapposizione. Oggi un governo italiano autorevole potrebbe riprendere a lavorare proprio in quella direzione, perché l'Italia proprio nel Mediterraneo ha grandi interessi in gioco ma ha anche un ruolo strategico imprescindibile".

 

berlusconi berlusconi

Oltre ad accreditarsi come 'stratega' internazionale, l'altro pilastro è scavare ulteriormente il solco tra Lega e M5s che sulla crisi siriana non hanno posizioni esattamente coincidenti. Matteo Salvini ha preso le distanze da Washington più di quanto abbia fatto il MoVimento 5 Stelle, che ha confermato la vicinanza agli alleati Nato.

 

E dal Quirinale si continuano a registrare queste fibrillazioni e la preoccupazione sulla divaricazione in politica estera non è l'ultimo dei problemi in vista dell'incarico esplorativo che Mattarella dovrà dare nei prossimi giorni.

 

Ieri sera ad Isernia - dove domenica 22 si vota per le regionali - diceva: "Il problema della Siria - ha detto Berlusconi - è molto grave. La sede che se ne deve occupare è quella delle Nazioni Unite. Noi non abbiamo oggi un governo che fa contare l'Italia né in Europa né nel mondo. Quindi, non possiamo fare niente. Nella nostra situazione, adesso, è meglio non dare giudizi. Questi li deve dare l'Organizzazione delle Nazioni Unite".

berlusconi berlusconi

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL SESSO, QUELLO VERO - L’UOMO COL CAZZO PIU’ GRANDE DEL MONDO NON SCOPA QUASI MAI - QUELLA “PRESTAZIONE INCREDIBILE” CHE IL VOSTRO AMICO MILLANTA NON C'E' MAI STATA - NON PENSATE DI CONOSCERE L’IDENTITA’ SESSUALE DI UNA PERSONA – DIECI LEZIONI CHE UNA SEX-WRITER HA IMPARATO DURANTE LA SUA CARRIERA

Più di quattro anni fa ho iniziato a scrivere articoli sul sesso e mi sono ritrovata in un sacco di situazioni strane: da una caccia alla volpe erotica a una seduta di terapia sessuale che portò una donna a eiaculare dritto sui miei mocassini. Ho testato un vibratore d’inizio secolo così come i più moderni robot erotici…

politica

business

cronache

sport

cafonal