"I FINTI PALADINI DELLA SOLIDARIETA’ SONO I VERI PROFUGHI" - SGARBI INFILZA MARTINA, BOLDRINI, BOSCHI E FASSINA: "LA NAVE DICIOTTI COME UNA GIOSTRA. TUTTI IN FILA PER UN GIRO A BORDO. CON FOTO DI GRUPPO SUL PONTE. IN CERCA DI VISIBILITÀ TRA DISPERATI" – E POI ANNUNCIA, DOPO LE DIMISSIONI DA SINDACO DI SUTRI, CHE SI CANDIDERA’A SIRMIONE…

-

Condividi questo articolo

Luisa De Montis per il Giornale

sgarbi sgarbi

 

"La nave Diciotti come una giostra. Tutti in fila per un giro a bordo. Con foto di gruppo sul ponte. In cerca di visibilità tra disperati. I veri profughi sono questi finti paladini della solidarietà". Così su Facebook Vittorio Sgarbi, deputato di Forza Italia, interviene sul caso dei migranti bloccati sulla nave Diciotti.

 

laura boldrini a bordo della diciotti laura boldrini a bordo della diciotti

Il critico d'arte intanto ha annunciato che le sue dimissioni da sindaco di Sutri "sono irrevocabili, per la piena consapevolezza della impossibilità di potere governare democraticamente in un paese dominato da infiltrazioni fasciste con arroganza e in mancanza di visione, subordinata a interessi particolari. Per questo Vittorio Sgarbi ha già scelto di candidarsi sindaco di Sirmione, città che ha bellezze non inferiori a Sutri, ma una reale propensione allo sviluppo culturale e turistico.

SGARBI A SUTRI SGARBI A SUTRI

 

Sgarbi ha già preso contatto con gli esponenti politici della città, fra i quali l'ex sindaco ,ora consigliere regionale, Alessandro Martinzoli, e l'assessore alla cultura della Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli,che gli hanno manifestato solidarietà per l'aggressione di Sutri e disponibilità per il nuovo progetto".

 

 

VITTORIO SGARBI VITTORIO SGARBI sgarbi capra sgarbi capra

 

laura boldrini a bordo della diciotti 1 laura boldrini a bordo della diciotti 1

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - I DEMOCRATICI PROVANO AD ABBATTERE IL GIUDICE KAVANAUGH A COLPI DI ''METOO'', CHE METTE UN PO' DI INSANO TIMORE PERSINO A TRUMP. MA LA PRESUNTA VITTIMA DICE: ''AVEVO 15 ANNI, LUI 17, NON MI RICORDO GIORNO NÉ LUOGO, PROVÒ A SPOGLIARMI MA GLI SFUGGII PERCHÉ ERA TROPPO UBRIACO E IMBRANATO, HO TACIUTO PER 36 ANNI E ORA NON VOGLIO TESTIMONIARE IN SENATO, MA NON DEVE DIVENTARE GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA''. EPPURE AI VERTICI DELLA GIUSTIZIA C'ERA GIÀ, SENZA CHE LA FERVENTE DEMOCRATICA AVESSE DETTO UNA SILLABA…