"I VITALIZI? SONO GIUSTI. LA GENTE MI AGGREDISCE PER STRADA PER COLPA DI GILETTI" - PARLA IL PRESIDENTE DELL’ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA GIANFRANCO MICCICHÈ: "SENZA VITALIZI SAREI TORNATO A VIVERE DA MIO PADRE DI 97 ANNI"- E SUL FRATELLO GAETANO, EX SUPER-BANCHIERE…

-

Condividi questo articolo

MICCICHE BERLUSCONI MICCICHE BERLUSCONI

Da la Zanzara

 

“Quando ho finito di fare il deputato sono rimasto totalmente senza una lire. Per vent’anni ho fatto il parlamentare senza rubare, rinunciando al mio lavoro. Ho smesso a 59 anni. Se avessi dovuto aspettare fino a 67 che facevo? Dovevo andare a vivere a casa di mio padre di 97 anni oppure a chiedere l’elemosina davanti a una chiesa”. Lo dice Gianfranco Miccichè, presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana a La Zanzara su Radio 24. Ma se hai una famiglia ricca, tuo fratello è uno dei più grandi banchieri italiani, dicono i conduttori:

SCONTRO TRA MASSIMO GILETTI E ITALO BOCCHINO SCONTRO TRA MASSIMO GILETTI E ITALO BOCCHINO

 

“Ma andate a fare in culo. Che dovevo fare? Chiedere i soldi a mio fratello? Ho culo ad avere qualcuno che magari mi avrebbe dato una mano, però siamo due persone distinte. Magari gli avrei chiesto un prestito…”. “Ieri sera – racconta – ho finito di lavorare e un signore mi ha aggredito verbalmente con una faccia incazzata: bravo, bravo, vi state aumentando lo stipendio. La colpa è anche di Giletti e dei programmi che fa”

Gianfranco Micciche Gianfranco Micciche gaetano micciche' gaetano micciche' Gianfranco Micciche Grande Sud Gianfranco Micciche Grande Sud gaetano micciche' gaetano micciche'

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal