RENZI? IN ESILIO A BRUXELLES! – RETROSCENA SU “POLITICO”: IL DUCETTO MOLLA IL PD E PROVA LA SCALATA ALLA COMMISSIONE UE – ASSE TRA MACRON E L’EX PREMIER CHE SAREBBE PRONTO A FONDARE UN NUOVO SOGGETTO CENTRISTA ANCHE CON I LIBERALI SPAGNOLI, PER PRENDERE IL POSTO DI JUNCKER NEL 2019

-

Condividi questo articolo

EMMANUEL MACRON MATTEO RENZI EMMANUEL MACRON MATTEO RENZI

Ivan Francese per il Giornale

 

Quindici anni dopo Romano Prodi, un altro italiano potrebbe sedere sullo scranno di presidente della Commissione Europea.

 

 

Secondo un retroscena di Politico, testata solitamente molto informata sulle cose europee, sarebbe Matteo Renzi ad ambire alla carica di successore di Jean-Claude Juncker. E sarebbe pronto a farlo con l'autorevole investitura del presidente francese Emmanuel Macron.

 

Secondo le voci dei ben informati nei palazzi del potere di Bruxelles, questa operazione sarebbe preceduta dal lancio di un nuovo soggetto politico centrista, sul modello di En Marche, la formazione alternativa a Partito socialista e Fronte nazionale che ha trionfato nelle ultime presidenziali francesi. Un nuovo soggetto in cui confluirebbero En Marche, i piddini renziani e i centristi spagnoli liberaleggianti di Ciudadanos.

 

albert rivera leader ciudadanos albert rivera leader ciudadanos

Una scommessa che tenterebbe anche lo stesso Matteo Renzi, in sintonia con Macron e preoccupato per il calo di consenso che i socialisti di tutta Europa registrano da anni in tutto il Vecchio Continente. Certo, per molti si tratta di fantapolitica ma fra i parlamentari europei dell'Alleanza dei socialisti e dei democratici non sono in pochi a scommettere su una defezione dell'ex premier.

 

"Vi è la forte preoccupazione che l'ex premier italiano possa seguire Macron su qualunque strada - spiega a Politico un parlamentare socialista italiano che chiedere di rimanere anonimo - Recentemente c'è stata una discussione interna al gruppo socialdemocratico e i parlamentari italiani hanno dovuto fronteggiare l'accusa che Renzi in realtà faccia il gioco del presidente francese".

 

juncker juncker

Per i socialisti europei sarebbe una vera e propria tragedia: la delegazione italiana, con 26 deputati su 190, è una delle più cospicue dell'intero gruppo. Il segretario Pd ha ripetutamente assicurato di non aver intenzione di abbandonare il partito, ma la posta in gioco sarebbe altissima: secondo il parlamentare di sinistra interpellato da Politico, nei palazzi della Ue gira insistentemente la voce che Renzi potrebbe essere il candidato centrista per succedere a Juncker, il cui mandato scadrà nel 2019.

 

Certo, si tratta di voci ancora da confermare ma viste le drammatiche previsioni per il Pd in vista delle elezioni politiche italiane del prossimo 4 marzo (il partito, in caduta libera, nei sondaggi è dato al di sotto del 23%), è probabile che l'attuale segretario si prepari un exit strategy. Altre ricostruzioni lo vedono possibile presidente del Senato nella XVIII legislatura; ma se questa pista non fosse percorribile, l'esilio dorato a Bruxelles sarebbe più che gradito al politico di Pontassieve.

RENZI MACRON RENZI MACRON

 

Condividi questo articolo

politica