RETROSCENA/3 - TRA TALK CHIASSOSI E TITOLI GRIDATI, QUELLO A CUI STIAMO ASSISTENDO È SOLO UN GRAN POLVERONE - L’UNICA PROPOSTA SERIA È QUELLA LANCIATA DUE GIORNI FA DA DARIO FRANCESCHINI CHE, INSIEME A GENTILONI, È IL PORTAVOCE INFORMALE DEL ‘’PARTITO DI MATTARELLA’’ - GOVERNO ISTITUZIONALE COL CAPO DELLA STATO CHE SCEGLIE UNA PERSONA DI ALTISSIMO PROFILO PER UN ESECUTIVO A TEMPO LIMITATO…

-

Condividi questo articolo

DAGONOTA

franceschini mattarella franceschini mattarella

 

Tra talk chiassosi e titoli gridati, quello a cui stiamo assistendo è solo un gran polverone di proposte con lo scopo di farsi dire no dagli interlocutori. Tutti i contendenti a Palazzo Chigi devono salvare i loro voti. Sanno benissimo che un eventuale governo non avrà vita lunga. Quindi chiacchiere e schermaglie, fumo e niente arrosto.

 

L’unica proposta di una certa serietà è quella lanciata due giorni fa da Dario Franceschini che, insieme a Gentiloni, è il portavoce informale del partito di Mattarella (che non ha mai avuti dubbi di preferire un governo centrodestra piuttosto che a 5 stelle).

MATTARELLA GENTILONI MATTARELLA GENTILONI

 

Ai primi di aprile l’orizzonte politico si schiarirà con il progetto di un governo istituzionale con il Capo della Stato che sceglie una persona di altissimo profilo costituzionale per formare un esecutivo a tempo limitato, senza un programma ambizioso ma mirato a una nuova legge elettorale, riforma del Senato e lotta agli sprechi. Un anno di vita e poi si torna alle urne insieme al voto europeo. E va precisato che nessuno partito ha bocciato la proposta Franceschini-Mattarella.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - I DEMOCRATICI PROVANO AD ABBATTERE IL GIUDICE KAVANAUGH A COLPI DI ''METOO'', CHE METTE UN PO' DI INSANO TIMORE PERSINO A TRUMP. MA LA PRESUNTA VITTIMA DICE: ''AVEVO 15 ANNI, LUI 17, NON MI RICORDO GIORNO NÉ LUOGO, PROVÒ A SPOGLIARMI MA GLI SFUGGII PERCHÉ ERA TROPPO UBRIACO E IMBRANATO, HO TACIUTO PER 36 ANNI E ORA NON VOGLIO TESTIMONIARE IN SENATO, MA NON DEVE DIVENTARE GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA''. EPPURE AI VERTICI DELLA GIUSTIZIA C'ERA GIÀ, SENZA CHE LA FERVENTE DEMOCRATICA AVESSE DETTO UNA SILLABA…