LA ROYAL COUPLE DEI SOVRANISTI! - MARION LE PEN AMA UN GIOVANE LEGHISTA: DA UN ANNO STA CON VINCENZO SOFO, FONDATORE DE ''IL TALEBANO'', IDEOLOGO DELLA NUOVA LEGA NAZIONALISTA E CONSULENTE DELLA REGIONE LOMBARDIA - COME NELLE MONARCHIE EUROPEE DI UNA VOLTA, L'UNIONE TRA I RAMPOLLI, MA DEI PARTITI POPULISTI

-

Condividi questo articolo

 

MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO

Sul numero di Chi in edicola da mercoledì 18 luglio le prime foto in esclusiva mondiale di Marion Maréchal Le Pen, figlia della sorella di Marine Le Pen e nipote del fondatore del Front National, Jean Marie, con il fidanzato, un italiano che milita nella Lega. Marion, già deputata, esponente del Rassemblement National e fondatrice della scuola di politica di destra ispirata dall’ideologo de L’Incorrect, Jacques De Guillebon, è innamorata da un anno di Vincenzo Sofo, fondatore del laboratorio culturale Il Talebano, ideologo della nuova Lega Nazionalista e consulente della Regione Lombardia. Fidanzati in segreto, hanno partecipato a Liguria d’Autore, amoreggiato in spiaggia ai Bagni Ivana e poi sono partiti per le romanticissime Cinque Terre.

MARION MARECHAL LE PEN MARION MARECHAL LE PEN marion marechal le pen marion marechal le pen VINCENZO SOFO CON MARION E MARINE LE PEN VINCENZO SOFO CON MARION E MARINE LE PEN VINCENZO SOFO VINCENZO SOFO VINCENZO SOFO VINCENZO SOFO VINCENZO SOFO VINCENZO SOFO marion marechal le pen (2) marion marechal le pen (2) MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO MARION MARECHAL LE PEN CON VINCENZO SOFO

 

Condividi questo articolo

politica

I GIORNALI? NON SOLO SERVONO MA APPARECCHIANO IL CONSENSO AL TAVOLO DEI BENETTON - TRAVAGLIO: “CI SCUSIAMO CON I BENETTON E I LORO COMPARI POLITICI SE LI ABBIAMO OFFESI ANCHE SOLO NOMINANDOLI INVANO O PUBBLICANDO LORO FOTO SENZA ATTENDERE CHE, FRA QUINDICI ANNI, LA CASSAZIONE SI PRONUNCI SUI LORO EVENTUALI REATI. ORA SAPPIAMO DAI GIORNALONI (CORRIERE DELLA SERA, LA REPUBBLICA, LA STAMPA, IL GIORNALE) CHE ESSI NON SOLO NON VANNO INCOLPATI, MA NEPPURE NOMINATI. AL MASSIMO - CI INSEGNA EZIO MAURO - SI PUÒ PARLARE DI "UNA DELLE PIÙ GRANDI SOCIETÀ AUTOSTRADALI PRIVATE DEL MONDO" CHE, "IN ATTESA CHE LA MAGISTRATURA FACCIA LUCE", NON PUÒ DIVENTARE "IL CAPRO ESPIATORIO DI PROCESSI SOMMARI E RITI DI PIAZZA", "SCIACALLAGGINE  E BARBARIE TIPICI DEL POPULISMO"