SALVINI COL FIATO SUL COLLE – MATTARELLA PUNGE, PUR SENZA RIFERIMENTI ESPLICITI, IL LEADER LEGHISTA: “NESSUNO E’ AL DI SOPRA DELLA LEGGE” - LA REPLICA: "INDAGATEMI E PROCESSATEMI PURE, IO VADO AVANTI. CHIUDERO' I PORTI A SCAFISTI E TRAFFICANTI DI ESSERI UMANI"

-

Condividi questo articolo
salvini mattarella salvini mattarella

Da Libero Quotidiano

Sergio Mattarella attacca e Matteo Salvini risponde. Il Capo dello Stato, pur senza riferimenti espliciti, ha pungolato il vicepremier leghista, affermando: "Come spesso ebbe a ricordare anche il presidente Scalfaro, la legge e le regole valgono per tutti, senza aree di privilegio per nessuno, neppure se investito di pubbliche funzioni; neppure per gli esponenti politici. Perche nessun cittadino e al di sopra della legge". Fin troppo chiaro il riferimento alla dura reazione di Salvini dopo la condanna alla Lega relativa ai 49 milioni di euro pignorabili e in relazione all'indagine per il caso-Diciotti.

 

salvini mattarella salvini mattarella

 

Il riferimento e stato ancor piu chiaro quando Mattarella ha affermato che "nel nostro ordinamento non esistono giudici elettivi: i giudici traggono la loro legittimazione dalla Costituzione". Il leghista, infatti, aveva affermato che lui era stato eletto dal popolo italiano, al contrario dei magistrati. Dunque, ecco piovere la replica di Salvini stesso, che evidentemente si e sentito chiamato in causa. Su Facebook, ha scritto: "Il presidente oggi ha ricordato che nessuno e al di sopra della legge, ha ragione. Per questo io, rispettando la legge, la Costituzione e l'impegno preso con gli italiani ho chiuso e chiudero i porti a scafisti e trafficanti di esseri umani. Indagatemi e processatemi, io vado avanti".

salvini mattarella salvini mattarella

 

Condividi questo articolo

politica

CURIA D’URTO – IL PAPA HA SPRETATO THEODORE MCCARRICK, L’ARCIVESCOVO EMERITO DI WASHINGTON ACCUSATO DI PEDOFILIA. LA SENTENZA INAPPELLABILE DI BERGOGLIO ERA NELL’ARIA DA GIORNI ED È UN ATTO DOVUTO DI FRANCESCO ALLA VIGILIA DEL MEGA SUMMIT SUGLI ABUSI. LE VOCI SULLE VIOLENZE DELL’EX PORPORATO RISALGONO AGLI ANNI ’90, MA LA DENUNCIA PUBBLICA È ARRIVATA SOLO NEL 2018 – GLI INSABBIAMENTI, LA RIABILITAZIONE DOPO LE SANZIONI DI RATZINGER E IL DOSSIER VIGANÒ: TUTTE LE QUESTIONI APERTE

TRA NORI E TRIDICO SPUNTA IL “TRAGHETTATORE”? – GUERRA FREDDA TRA LEGA E 5 STELLE PER IL VERTICE DELL’INPS, SI MEDIA SU UNA FIGURA DI BASSO PROFILO CHE NON DIVENTI AUTOMATICAMENTE PRESIDENTE MA CONSENTA LA PARTENZA DI REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100 – È SOLO UN TENTATIVO DELLA BUROCRAZIA INTERNA DI MANTENERE I RUOLI? PIÙ PROBABILE UNO SCAMBIO: TRIDICO PRESIDENTE E NORI DG, COSÌ LA LEGA SI PUÒ PRENDERE L’INAIL – MA IL TEMPO STRINGE: L’ISTITUTO RISCHIA LA PARALISI DA LUNEDÌ