SCONTRINO-GATE: CHIESTI IN APPELLO DUE ANNI E MEZZO PER SOTTO-MARINO (ASSOLTO IN PRIMO GRADO) – L’EX SINDACO DI ROMA: “MAI USATO DENARO PUBBLICO. SE SONO UN LADRO SONO UN LADRO SCEMO: HO LASCIATO 80 MILA EURO NELLE CASSE PUBBLICHE”

-

Condividi questo articolo

 

Michela Allegri per Il Messaggero

 

ignazio marino ignazio marino

L' ex sindaco Ignazio Marino torna sul banco degli imputati per lo scandalo delle cene private pagate con la carta di credito del Comune, costatogli un' inchiesta, il posto in Campidoglio e un' indagine contabile ancora pendente. Ieri, durante il processo d' appello, il sostituto procuratore generale Vincenzo Saveriano ha chiesto di ribaltare l' assoluzione di primo grado e condannare il chirurgo dem a 2 anni e 6 mesi di reclusione per falso e peculato.

 

Il pg ha chiesto ai giudici della terza corte, presieduta da Raffaele Montaldi, di condannare l' ex primo cittadino per 54 delle 56 cene contestate dalla procura e di confermare l' assoluzione per la terza accusa: la presunta truffa legata ai compensi per collaboratori fittizi della onlus «Imagine», fondata da Marino. Il processo riprenderà l' 11 gennaio, con la discussione del difensore dell' imputato, l' avvocato Enzo Musco.

ignazio marino presenta il suo libro 7 ignazio marino presenta il suo libro 7

 

LA DIFESA

Durante l' udienza, il chirurgo si è alzato in piedi e ha ribadito ai giudici la sua innocenza: «Mai nella mia vita e nelle funzioni di sindaco ho utilizzato denaro pubblico per motivi personali». Marino ha detto anche di aver donato nel 2014 diecimila euro alla città, scalandoli dal suo stipendio, e di non aver chiesto rimborsi al Campidoglio per alcuni appuntamenti istituzionali, come quello con il presidente della Roma, James Pallotta, e con il sindaco di New York, quando cancellò una vacanza negli Stati Uniti trasformandola in incontri di lavoro.

 

«Mi sono presentato in procura spontaneamente - ha aggiunto - e ho dato le chiavi della mia agenda elettronica». Ha anche ricordato di aver rinunciato allo stipendio da senatore prima di essere eletto sindaco, lasciando più di 80mila euro nelle casse pubbliche. «Se sono ladro sono un ladro scemo e incapace di intendere e di volere», ha concluso.

 

ignazio marino renzi ignazio marino renzi

Il pg aveva chiesto di riaprire l' istruttoria e di riascoltare sette testimoni, tra cui Silvia Decina e Claudia Cirillo, collaboratrici dell' ex sindaco, finite a loro volta sotto inchiesta rispettivamente per falso e per false dichiarazioni al pm. La corte, però, ha deciso di procedere direttamente con le discussioni, considerando sufficienti le circostanze emerse nel primo grado di giudizio, che si era svolto con rito abbreviato.

marino ignazio marino ignazio

 

IL PRIMO GRADO

All' epoca, la procura aveva chiesto una condanna a 3 anni e 4 mesi, accusando Marino di aver spacciato per incontri istituzionali 56 cene private avvenute tra il 2013 e il 2015 e costate al Comune 12mila e 700 euro. A Roma, le mete preferite dell' ex sindaco erano alcuni ristoranti nei pressi di casa sua e dell' abitazione della madre. Da Sapore di Mare al Vero Girarrosto Toscano, passando per Archimede a Sant' Eustachio e arrivando a La Taverna degli Amici, in piazza Margana. Poi l' assoluzione.

ignazio marino (6) ignazio marino (6)

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal