STRADE PERDUTE – SI DIMETTE L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ANAS GIANNI VITTORIO ARMANI, IN POLEMICA CON LA DECISIONE DI TONINELLI DI NON PROSEGUIRE NELLA FUSIONE CON FERROVIE – DECADE ANCHE IL CDA. IL MINISTRO SI GASA: “IL VENTO STA CAMBIANDO. AL PASSATO LASCIAMO SPRECHI, STIPENDIFICI E MANOVRE MERAMENTE FINANZIARIE” (AUGURI)

-

Condividi questo articolo

Da www.tgcom24.mediaset.it

 

GIANNI VITTORIO ARMANI GIANNI VITTORIO ARMANI

Si è dimesso l'amministratore delegato dell'Anas, Gianni Vittorio Armani, dopo la decisione da parte del ministro Danilo Toninelli di non proseguire nel processo di fusione con le Ferrovie. Il titolare del dicastero dei Trasporti aveva chiesto le dimissioni dell'intero Consiglio di amministrazione. Armani "ha preso atto della decisione e dell'apprezzamento a lui rivolto per il lavoro svolto", e ha quindi ritenuto opportuno lasciare l'incarico.

danilo toninelli danilo toninelli

 

E subito dopo le dimissioni di Armani anche i consiglieri Vera Fiorani e Antonella D'Andrea, espressione del gruppo Fs, hanno rassegnato le dimissioni facendo cosi' decadere il cda composto da cinque membri. La prossima settimana è attesa l'indicazione sul nuovo consiglio che deve arrivare da Fs con la condivisione del ministro Toninelli e del Mef.

 

gianni vittorio armani 2 gianni vittorio armani 2

"Il vento sta cambiando anche in Anas. Al passato lasciamo sprechi, stipendifici e manovre meramente finanziarie". E' il commento di Toninelli rivolgendosi ai suoi follower su un social network ribadendo la forte contrarietà all'operazione voluta dal precedente governo. "Per il futuro - continua Toninelli - lavoriamo a una nuova Anas con meno gente dietro la scrivania e più tecnici che progettano, costruiscono e mantengono sicure le nostre strade".

 

L'addio di Armani è arrivato un po' a sorpresa, ma era prevedibile, da mesi infatti si sta lavorando all'uscita di Anas da Fs. Le dimissioni, infatti, recita una nota della società sono state presentate "in considerazione del mutato orientamento del governo sull'integrazione di Fs Italiane e Anas".

 

BRUNO VESPA DANILO TONINELLI BRUNO VESPA DANILO TONINELLI

Separare le strade di Anas dalle ferrovie di Fs rientra fra le prime decisioni del Governo Giallo-Verde che appena in carica ha subito detto di voler smontare la fusione voluta dal precedente esecutivo. Un progetto che puntava a un polo integrato fra strade e ferrovie. Un colosso da 11,2 miliardi di euro, che adesso il nuovo esecutivo è deciso a smontare dopo nemmeno 9 mesi di vita.

 

gianni vittorio armani graziano delrio gianni vittorio armani graziano delrio

Il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli ha sempre considerato la fusione non appropriata. "E' una fusione - ha detto nelle scorse settimane - che sembra essere stata dettata da motivi finanziari e di tornaconto personale per tutti quei manager che si sono visti moltiplicare lo stipendio".

 

Annunciando che "sicuramente entro l'anno" Anas e Fs non saranno piu' una societa' unica. In questi mesi "il governo ha svolto un'attenta analisi avvalendosi della consultazione degli operatori interessati", ha detto ancora il ministro. Ora sembra arrivato il momento di passare alla fase operativa del divorzio programmato. Per scorporare Anas da Fs dovrebbe però essere messo in atto uno strumento normativo che abroghi la norma che ha permesso ad Anas di entrare in Fs.

danilo toninelli 1 danilo toninelli 1 gianni vittorio armani 1 gianni vittorio armani 1 DANILO TONINELLI DANILO TONINELLI danilo toninelli danilo toninelli TONINELLI AL MARE DURANTE L'EMERGENZA A GENOVA TONINELLI AL MARE DURANTE L'EMERGENZA A GENOVA gianni vittorio armani gianni vittorio armani

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - BETO O'ROURKE È L'ASTRO NASCENTE DEI DEM, IL PERDENTE DI SUCCESSO SCONFITTO DA TED CRUZ MA AMATO DAI GIORNALI CHE CONTANO. HA RACCOLTO UN MUCCHIO DI SOLDI, VA SULLO SKATE, SUONA LA CHITARRA, CORRE LE MARATONE - DIETRO DI LUI SI AGITANO L'ETERNA CLINTON, I VECCHIETTI BIDEN-BLOOMBERG-SANDERS, LE PASIONARIE TIPO KAMALA HARRIS, E IL MILIARDARIO ECOLOGISTA TOM STEYER, CHE HA SPESO CENTINAIA DI MILIONI CONTRO TRUMP ED È PRONTO A COMPRARSI UN POSTO SULLA SCHEDA DELLE PRIMARIE