TRAVAGLIO AVVISA DI MAIO: SFANCULA SALVINI, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI – ‘’I 5STELLE NON POSSONO LASCIARSI LOGORARE DA UN PARTNER CHE NON HA ALCUNA INTENZIONE DI GOVERNARE E OGNI GIORNO, CINICAMENTE, LI SPUTTANA - PRIMA O POI, SE NULLA CAMBIA, DI MAIO & C. DOVRANNO PORSI SERIAMENTE IL PROBLEMA DEL CHE FARE: CIOÈ SE E QUANDO STACCARE LA SPINA. ANCHE PERCHÉ PRESTO O TARDI, PIÙ PRESTO CHE TARDI, PRIMA DELLE EUROPEE 2019 O SUBITO DOPO, LO FARÀ SALVINI’’

-

Condividi questo articolo

Marco Travaglio per il Fatto Quotidiano - Estratto

 

DI MAIO E TRAVAGLIO DI MAIO E TRAVAGLIO

………..

La riuscita e la durata del Salvimaio, che unisce due forze popolari, ma con idee e basi sociali diverse se non opposte, dipendevano dalla fedeltà al contratto. Ma soprattutto dalla capacità di Salvini di uscire dalla sua campagna elettorale permanente. E di mettersi a fare le cose, profittando delle mani libere dell' alleato non (o non ancora) lobbyzzato.

 

In questi tre mesi, quella condizione non si è verificata. Salvini non ha alcuna intenzione di risolvere i problemi, ma solo di usarli. È sempre in giro a farsi propaganda. In questo somiglia spaventosamente a B. e Renzi: l' amministrazione, primo dovere di un ministro-vicepremier, forse lo annoia, forse non gl' interessa proprio. Vinta un' elezione, già pensa a come stravincere quella successiva.

 

Genova - applausi a Di Maio e Salvini Genova - applausi a Di Maio e Salvini

Fermarsi a lavorare sui dossier è un' inutile perdita di tempo che lo distoglie dal perenne giro d' Italia per conquistare altri voti a suon di sparate. E anche di errori grossolani. Come l' assurdo braccio di ferro sulla Diciotti, che alla fine l' ha visto cedere dopo aver inflitto a quei 167 disperati un inutile surplus di sofferenze; ma, quando finalmente avrebbe dovuto spiegare la retromarcia ai suoi fan, è arrivata provvidenziale l' arma di distrazione di massa.

 

matteo salvini luigi di maio matteo salvini luigi di maio

Cioè l' incriminazione giudiziaria, ottimo pretesto per parlar d' altro. O come la tragicomica alleanza col fascista ungherese Viktor Orbán, un Salvini senza porti e senza mare: lui i migranti non li vuole a casa sua, li preferisce a casa nostra. Se la nuova Europa passa da quell' asse, peggio per noi, ma anche per Salvini. Altro che "prima gli italiani": semmai, prima gli ungheresi e i loro compari di Visegrad.

 

I 15mila milanesi in piazza a Milano a fine agosto, al seguito di una sinistra che pareva morta, dovrebbero suggerirgli qualche pensiero. Anche molti elettori di centrodestra non vogliono aver nulla a che fare con quel truce e trucido figuro e mai hanno sognato - se non come incubo - un' alleanza con certa gentaglia.

 

TRAVAGLIO DI MAIO TRAVAGLIO DI MAIO

Intanto Conte e Moavero tessono pazientemente, fra mille difficoltà, la tela diplomatica e ottengono ogni tanto qualche piccolo risultato per risalire la china degli accordi-capestro firmati dagli scriteriati predecessori, sui migranti e non solo. E la linea dura sull' immigrazione, pur fra mille contraddizioni e forzature, ha portato a un nuovo crollo delle partenze dei barconi e dunque delle morti in mare, anche se le condizioni dei campi-lager in Libia restano agghiaccianti.

 

SALVINI DI MAIO CONTE SALVINI DI MAIO CONTE

Ma le cose buone fatte da un governo che è anche il suo e dalla maggioranza che è anche la sua (taglio dei vitalizi alla Camera, dl Dignità, un Dg indipendente alla Rai, revisione delle concessioni di beni pubblici a partire da quella regalata ad Autostrade&Benetton) sembrano non interessare Salvini. Che anzi le vive come un fastidio e un inciampo alla sua scorribanda demagogica e solitaria di Cazzaro Verde solo contro tutti.

SALVINI DI MAIO FLINSTONES SALVINI DI MAIO FLINSTONES

 

A questo punto è evidente che la maionese è impazzita. I 5Stelle non possono passare il loro tempo a fermare la mano dell' alleato e a prenderne le distanze. Né lasciarsi logorare da un partner che non ha alcuna intenzione di governare e ogni giorno, cinicamente, li sputtana. La catastrofe di Genova, poi, ha dimostrato che le lobby - orfane dei vecchi sponsor e complici - puntano tutto sulla Lega per salvare i loro privilegi: infatti i governatori nordisti Fontana, Zaia, Fedriga e Toti han subito fatto cambiare idea a Salvini sulla ri-nazionalizzazione di Autostrade: preferiscono tenersi buono il mondo confindustriale, che li usa come ultimo baluardo per le sue greppie. Prima o poi, anzi più prima che poi, se nulla cambia, Di Maio & C. dovranno porsi seriamente il problema del che fare: cioè se e quando staccare la spina. Anche perché presto o tardi, più presto che tardi, prima delle Europee 2019 o subito dopo, lo farà Salvini.

luigi di maio matteo salvini luigi di maio matteo salvini

 

copertina internazionale salvini di maio copertina internazionale salvini di maio salvini di maio prima di essere attaccati salvini di maio prima di essere attaccati salvini di maio salvini di maio SALVINI DI MAIO PROVA COSTUME SALVINI DI MAIO PROVA COSTUME luigi di maio matteo salvini luigi di maio matteo salvini

 

 

Condividi questo articolo

politica

GIUSEPPE CONTE BLINDA CASALINO, DOPO L’AUDIO IN CUI EVOCA UN REPULISTI AL MEF, MA AL GOVERNO CRESCE L’INSOFFERENZA PER IL PORTAVOCE: C'È CHI LAMENTA I SUOI ATTEGGIAMENTI “DA PRIMA DONNA” E CHI LO DESCRIVE COME “PIÙ POTENTE DEL CAPO POLITICO DEL MOVIMENTO, O QUASI” - TUTTE LE ATTIVITÀ DI GOVERNO DEVONO PASSARE DALLA SUA CHAT E DIVERSI MINISTRI HANNO DATO SEGNI DI DISAGIO. CON INDIPENDENTI DEL CALIBRO DI ENZO MOAVERO STA ATTENTO A NON INVADERE IL CAMPO MA CON GLI ALTRI...