TU QUOQUE, ALFONSINA! - SENZA SAPERLO, SIGNORINI AIUTA LA PROCURA DI MILANO E AFFONDA LE TESI DIFENSIVE DEL CAVALIER POMPETTA - NELLA FAMOSA INTERVISTA, CHIESE A RUBY SE SAPEVA DI ESSERE SPACCIATA PER LA NIPOTE DI MUBARAK, E LEI CANDIDAMENTE: “MACCHÉ, L’HO LETTO SUI GIORNALI” - QUESTO CONTRADDICE LA STRATEGIA DI GHEDINI, E MEDIASET SI AFFRETTA A LEVARE IL VIDEO DA YOUTUBE - MA INTERNET È PERFIDO, E IL VIDEO RIAPPARE PRIMA DA FAZIO, POI SUL SITO DELL’“ESPRESSO”…

Condividi questo articolo

1 - IL VIDEO IN CUI SIGNORINI CHIEDE A RUBY DI MUBARAK
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/signorini-il-video-suicida/2144647

2 - SIGNORINI, IL VIDEO \'SUICIDA\'...
Telesio Malaspina per \"espresso.repubblica.it\"

E\' il 19 gennaio 2011 quando, scoppiato il caso Ruby, gli strateghi mediatici di Berlusconi decidono che bisogna contrapporre una versione \'ufficiale\' dei fatti a quella che inizia ad emergere dall\'inchiesta. E così su Canale 5 viene allestita una puntata di Kalispera, il programma condotto da Alfonso Signorini, per far parlare Karima El Mahroug. E\' la sua prima apparizione televisiva e alterna momenti strappalacrime sull\'infanzia infelice alla difesa di Berlusconi («Lo stimo come persona, gli sono riconoscente a vita, non mi ha mai toccato con un dito», eccetera).

RubyRuby e il fidanzato Luca Risso RUBYRUBY A KALISPERA DA SIGNORINI

Tuttavia, come si suol dire, il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Perché a quel punto dell\'indagine - appena resa pubblica - non è ancora chiaro ai difensori di Berlusconi quale possa essere la strategia migliore. Soprattutto, non è chiaro che nel giro di poche settimane l\'unico appiglio possibile per sottrarsi al giudizio del tribunale di Milano sarà appellarsi al conflitto di attribuzione: sostenere cioè che il Cavaliere aveva telefonato in questura «nell\'esercizio delle sue funzioni» di premier, per evitare un incidente diplomatico con l\'Egitto, convinto che Ruby fosse la nipote di Mubarak.

Infatti solo se quella telefonata fosse stata fatta in \"buona fede\", credendo alla parentela di Karima con un capo di Stato estero, regge la tesi che la concussione sia un reato ministeriale, quindi non giudicabile dal tribunale ordinario.

signorinisignorini kalispera

Ma quel giorno Ghedini e Longo non hanno ancora pensato a questa scappatoia, e quindi mandano Ruby in tivù senza istruirla in merito.

Il risultato è che proprio quella trasmissione televisiva, quella puntata di Kalispera, adesso è una pistola puntata contro il presidente del Consiglio. Perché a domanda specifica di Signorini («Gli hai detto che eri la nipote di Mubarak?»), Karima risponde, testualmente: «No, gli ho detto che ero egiziana ma non che ero la nipote di Mubarak».

RUBYRUBY A KALISPERA DA SIGNORINI

Insomma, a smentire l\'attuale teorema ricusatorio del premier per il reato di concussione, paradossalmente, è proprio Ruby in una trasmissione confezionata per difendere Berlusconi in una tivù di sua proprietà, intervistata da un suo fedelissimo.

Ma il contrappasso non finisce qui. Perché a confermare che mai Ruby si era presentata come «nipote di Mubarak» all\'entourage milanese del premier è un\'altra intervista difensiva in un altro medium del premier: quella che Stefano Zurlo fa con Nicole Minetti sul \'Giornale\' il 29 gennaio. In cui la Minetti conferma che Karima le aveva detto fin dall\'inizio di essere «figlia di una cantante egiziana»: nessuna parentela con l\'allora Rais.

L\'intervista della Minetti in Rete si trova ancora, sul sito del Giornale.

1998,1998, QUANDO SIGNORINI ERA ETERO E FIDANZATO

Il video di Kalispera invece è stato tolto da YouTube su richiesta di Mediaset, formalmente per «violazione di copyright». Lo ha però ritrasmesso Massimo Gramellini su Raitre, ospite di Fabio Fazio, e di lì ha ripreso a circolare. E a mostrare come la presunta «buona fede del premier che voleva evitare un incidente diplomatico» sia un\'ennesima bugia.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - UN ATTORE NERO GAY CHE FINGE DI ESSERE MENATO DA SUPREMATISTI BIANCHI, IN REALTÀ DUE NERI PAGATI PER RECITARE? LA CAMPAGNA 2020 SARÀ TUTTA SULLE BUGIE E LE ACCUSE DI DIRE BUGIE. MA TRA LOTTE INTESTINE DEL DEEP STATE CONTRO IL PRESIDENTE, CRIMINI DI ODIO INVENTATI, SCORREGGE DELLE MUCCHE, SPIE RUSSE CHE ALEGGIANO SENZA MATERIALIZZARSI, NUOVI ASTRI NASCENTI DEL SOCIALISMO IGNORANTI COME CAPRE, UOMINI PIÙ RICCHI DEL MONDO CHE SI FANNO IL SELFIE DEL PISELLO…