TUTTI CONTRO TRUMP! CIA, FBI E NSA PORTANO LE PROVE DELL’ATTACCO HACKER VOLUTO DA PUTIN PER INFLUENZARE LA CAMPAGNA ELETTORALE USA SCREDITANDO HILLARY- “THE DONALD” SE NE FOTTE E TWITTA: “SOLO GLI STUPIDI SONO NEMICI DELLA RUSSIA” - LA CASA BIANCA CONTRO LA GIOVANE HACKER BONA ALISA ESAGE SHEVCHENKO: “E’ AL SERVIZIO DI PUTIN” (FOTO)

Condividi questo articolo

trump putin obama trump putin obama

1 - COSÌ PUTIN HA SPINTO TRUMP

Giuseppe Sarcina per il “Corriere della Sera”

 

Ecco il capo d' accusa contro Vladimir Putin. Con un documento senza precedenti i tre principali servizi segreti del Paese, Cia, Fbi e Nsa, ricostruiscono l'offensiva ordinata dal presidente russo per influenzare la campagna elettorale americana del 2016. Putin in persona dà il via libera ai cyber attack fin dalla primavera del 2015. Vuole destabilizzare gli Stati Uniti, alimentando lo scetticismo dei cittadini.

putin trump putin trump

 

Poi, a partire dal marzo del 2016, il presidente russo affina gli obiettivi: Aiutare Donald Trump, screditando Hillary Clinton. Il fascicolo di 15 pagine diffuso l' altro ieri è la versione declassificata di un lavoro più complesso consegnato al presidente Barack Obama.

 

I vertici dei servizi, però, l’altro giorno ne hanno parlato per circa due ore con Trump. I due, ieri, hanno reagito in modo opposto. Il vincitore del 9 novembre sbeffeggia su Twitter la grossolana negligenza del partito democratico che ha lasciato campo aperto agli hacker. Trump rimarca poi che non viene inficiato il risultato delle elezioni.

 

E, infine, conferma l'apertura verso Mosca: Solo gli "stupidi" non capiscono che avere buone relazioni con la Russia è una buona cosa. In un' intervista tv Obama replica: Putin non gioca nella nostra squadra.

 

IL DISEGNO DELLO ZAR

TRUMP PUTIN TRUMP PUTIN

L'ostilità di Putin verso l'allora Segretario di Stato Hillary Clinton risale agli anni tra il 2011 e il 2012. Il leader del Cremlino è convinto che sia Hillary a fomentare le proteste di massa contro il suo regime. Nel giugno 2016 Putin comincia a rilasciare commenti pubblici sulle elezioni Usa, ma evita di indicare un' esplicita preferenza verso Trump, temendo che potesse diventare controproducente negli Stati Uniti. Cia, Fbi e Nsa descrivono l'affinità elettiva tra Vladimir e Donald: Putin ha avuto esperienze positive lavorando con leader politici occidentali che avevano interessi d' affari in Russia, come l' ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi e l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder.

 

HILLARY TRUMP PUTIN HILLARY TRUMP PUTIN

Per questo motivo Cia e Fbi ritengono che sia altamente probabile, mentre per la Nsa è moderatamente probabile, che Putin abbia cercato di favorire l'elezione di Trump. Gli hacker russi, però, non hanno truccato il voto, manipolando le preferenze degli americani. La strategia era quella di screditare la candidata democratica.

 

L'ATTACCO A HILLARY

ASSANGE PUTIN TRUMP ASSANGE PUTIN TRUMP

I pirati digitali penetrano nella rete del Comitato nazionale del partito democratico già nel luglio del 2015 e ci resteranno fino al giugno 2016. Le operazioni sono supervisionate dal Gru, il servizio segreto russo. Le mail trafugate sono quelle dei collaboratori più stretti di Hillary. I canali usati per disseminare su Internet le informazioni rubate sono tre: Guccifer 2.0, un soggetto che si dichiara un hacker indipendente rumeno, ma che sarebbe invece un russo; il sito DCLeaks.com e, soprattutto, WikiLeaks, la piattaforma fondata da Julian Assange.

murale putin e trump murale putin e trump

 

Il materiale, però, e questo il report non lo dice, viene ripreso da tutti i media del mondo. Le mail svelano i legami di Hillary Clinton con i finanzieri di Wall Street; i rapporti ambigui della Fondazione di famiglia con Paesi come l'Arabia Saudita; le manovre contro Sanders.

 

LA PROPAGANDA MULTIMEDIALE

Gli agenti di Putin mettono in campo più strumenti per alimentare lo scontento negli Stati Uniti. Un allegato descrive l'attività dell' emittente tv RT America , canale finanziato direttamente dal Cremlino e diretto da Margarita Simonyan, ex capo della campagna di Putin nel 2012. Sul web operano blogger fiancheggiatori e provocatori, i troll. Mosca proverà a condizionare anche le elezioni nei Paesi alleati degli Usa.

ALISA ESAGE SHEVCHENKO ALISA ESAGE SHEVCHENKO

 

2 - ALISA, LA GIOVANE HACKER RUSSA NELLA LISTA NERA DI WASHINGTON

Dal “Corriere della Sera”

 

Sembra uscita da un romanzo di Stieg Larsson. La giovane hacker russa Alisa Shev-chenko è stata inserita, con la sua società, nella lista nera della Casa Bianca. A guardare il suo profilo Twitter viene facile pensare a Lisbeth Salander, l'hacker uscita dalla penna di Stieg Larsson. Ma secondo Obama, la giovane russa Alisa Esage Shevchenko, quando si mette alla tastiera, non sta dalla parte dei buoni.

 

ALISA ESAGE SHEVCHENKO ALISA ESAGE SHEVCHENKO

Anzi. La sua società informatica, la ZorSecurity (nota anche come Esage Lab), è stata inserita dalla Casa Bianca nella lista nera dei colpevoli di hackeraggio ai danni degli Stati Uniti con l'obiettivo di influenzare il risultato delle elezioni. Secondo il presidente uscente, Alisa Shevchenko sarebbe al servizio di Putin. Accuse pesanti che lei, però, tra un tweet ironico e l' altro - uno dei più condivisi quello in cui ha postato l'immagine di sua nonna seduta in un salotto post sovietico con un tablet in mano - ha rispedito al mittente.

 

ALISA ESAGE SHEVCHENKO ALISA ESAGE SHEVCHENKO

Non faccio malware per il governo russo, ha dichiarato a Forbes. Mi hanno contattato ma non ho mai accettato di collaborare, ha nicchiato con il Guardian. Difficile capire dove stia la verità in tempi di fake news e cyberwarfare. Eppure, secondo gli analisti dell'intelligence, Alisa è un vero prodigio della propaganda informatica. Tutto falso? Lei, intanto, sui social preferisce altri titoli, da geek introversa a Miss Robot.

ALISA ESAGE SHEVCHENKO ALISA ESAGE SHEVCHENKO ALISA ESAGE SHEVCHENKO ALISA ESAGE SHEVCHENKO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA