VOCI DAL COLLE - MATTARELLA CALZA L’ELMETTO: DOPO LE EUROPEE LA SITUAZIONE DELL’ECONOMIA ITALIANA RISCHIA DI PEGGIORARE ULTERIORMENTE E CI TROVEREMO A GIUGNO CON UN GOVERNO NON IN GRADO DI AFFRONTARE UNA NUOVA FINANZIARIA - DI PIÙ: IL RAPPORTO DEL COLLE CON IL PREMIER “BURATTINO” GIUSEPPE CONTE E COL IL MINISTRO DEGLI ESTERI "RIPORTINO" MOAVERO HA TOCCATO IL FONDO…

-

Condividi questo articolo

DAGOREPORT

ignazio visco sergio mattarella ignazio visco sergio mattarella

Voci dal colle: Mattarella ai suoi più stretti collaboratori ha fatto capire che subito dopo le elezioni europee sarà necessario un’azione del Quirinale più incisiva rispetto alla politica economica del governo. La Mummia Sicula ha spiegato che nei suoi vari contatti istituzionali – vedi Bankitalia, Confindustria, BCE, etc – la situazione dell’economia italiana rischia di peggiorare ulteriormente e ci troveremo a giugno con un governo non in grado di affrontare una nuova finanziaria da presentare a fine anno.

MACRON MATTARELLA MACRON MATTARELLA

 

Di più: il rapporto del Colle con il premier “burattino” Giuseppe Conte – vedi la crisi diplomatica con la Francia risolta dal Capo dello Stato chiamando personalmente Macron -  è ai minimi termini. Infine, Mattarella non è per soddisfatto (eufemismo) di come il ministro degli Esteri si sta muovendo sullo scacchiere internazionale.

 

MATTARELLA E CONTE MATTARELLA E CONTE

E qui il rimprovero a Moavero -imposto dal Colle - ha origine dalla sua partecipazione alla riunione di Varsavia sull’atteggiamento da avere con l’Iran, che è stata disertata da mezza Europa, a partire dai paesi fondatori: Germania, Francia e Spagna. E chi ha partecipato, come Grecia e Gran Bretagna, i rappresentanti se ne sono andati dopo mezza giornata. Riportino Moavero è rimasto fino alla fine.

MOAVERO DI MAIO SALVINI CONTE MATTARELLA MOAVERO DI MAIO SALVINI CONTE MATTARELLA

 

Condividi questo articolo

politica

MA NON ERANO QUELLI DELL’ONESTA’? IL GRILLINO MARCELLO DE VITO ARRESTATO PER CORRUZIONE: PER I GIUDICI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AVREBBE INTASCATO “SOLDI” IN CAMBIO DELLA PROMESSA DI PORTARE AVANTI IL PROGETTO DEL NUOVO STADIO DELLA ROMA A TOR DI VALLE: “ERA A DISPOSIZIONE DEI COSTRUTTORI PARNASI, TOTI E STATUTO” – E' UNA BOMBA CHE SCUOTE IL CINQUE STELLE ROMANO E L'AMMINISTRAZIONE RAGGI – ALTRI TRE IN MANETTE- IN CORSO PERQUISIZIONI IN CAMPIDOGLIO E NEGLI UFFICI DI ACEA

SPIA MA NON LASCIA SPIARE - XI ARRIVA A ROMA GIOVEDÌ E L'OBIETTIVO È TENERLO IL PIÙ LONTANO POSSIBILE DA VIA VENETO, SEDE DELL'AMBASCIATA AMERICANA, DOVE LA LEGGENDA VUOLE CHE SIANO INSTALLATE ANTENNE COSÌ POTENTI DA CAPTARE QUALSIASI CONVERSAZIONE - QUANDO GIRERÀ IN CITTÀ OCCHIO AI SUOI ''JAMMER'', CHE FARANNO SALTARE LE CONNESSIONI DI TUTTI I TELEFONI INTORNO ALL'AUTO DEL PRESIDENTE CINESE - LUI, LA MOGLIE E LA DELEGAZIONE DORMIRANNO AL PARCO DEI PRINCIPI, A POCHI METRI DA VILLA TAVERNA (MA L'HOTEL E' SCHERMATO A DOVERE)