AGNELLI SULLA GRATICOLA – CASO BIGLIETTI AGLI ULTRA’, IL PROCURATORE FEDERALE GIUSEPPE PECORARO TORNA ALL'ATTACCO DEL NUMERO 1 BIANCONERO E INSISTE SULL’AGGRAVANTE “MAFIOSA” DI FRONTE AI GIUDICI DELLA CORTE D'APPELLO – LA SENTENZA IL 18 DICEMBRE - IN PRIMO GRADO AGNELLI ERA STATO INIBITO PER UN ANNO, LA DIFESA CHIEDE L'ASSOLUZIONE

-

Condividi questo articolo

agnelli agnelli

Alessandro Catapano per la Gazzetta dello Sport

 

 Entra che non è ancora venuta sera, le auto incolonnate nel traffico, la città che si avvia nervosamente ad archiviare un' altra giornata di deliri. Esce tre ore dopo, i romani sono già a cena, le strade finalmente libere, anche l' ultimo volo per Atene andato. Andrea Agnelli è sereno. Gli avvocati Luigi Chiappero e Franco Coppi, i suoi legali, non hanno perso un colpo.

 

pecoraro pecoraro

La lunga, agguerrita requisitoria del procuratore federale Giuseppe Pecoraro - «Soltanto lui ha parlato quasi due ore, che esagerazione», sbotta a un certo punto Leandro Cantamessa, che difende Francesco Calvo - rispedita al mittente, punto su punto, fanno intendere anche meglio del 1° grado, quando già riuscirono a smontare un bel pezzo del teorema accusatorio.

 

Si vedrà il 18 dicembre, data prevista per la sentenza, quanto Agnelli sia stato responsabile e consapevole di quei pacchi di biglietti finiti in modo un po' troppo disinvolto agli ultrà. La Corte d' appello federale - collegio composto dal presidente Santoro e dai presidenti di sezione Ronzani, Sferrazza, Greco e Cirillo - si è presa tutto il tempo previsto dal codice. «Il caso è complesso e corposo: abbiamo letto 1.200 pagine», racconta Pierluigi Ronzani.

andrea agnelli andrea agnelli

 

FIDUCIOSI Tre ore di corpo a corpo, animati dalla coerenza con cui Pecoraro ha insistito sull' aggravante mafiosa dei comportamenti dei dirigenti juventini - erano consapevoli della natura criminale dei soggetti con cui interloquivano - già cassata dal Tribunale federale. Una linea che non ha colto impreparata la difesa juventina, che ha provato a smontare anche la tesi che Agnelli - condannato in 1° grado insieme ad Alessandro D' Angelo, Stefano Merulla e l' ex responsabile marketing Francesco Calvo - fosse del tutto consapevole delle mani in cui finivano i biglietti.

 

«Nulla di nuovo, ce lo aspettavamo - racconta l' avvocato Coppi - la ricostruzione dell' accusa è la stessa del primo grado, restiamo ottimisti e fiduciosi». Il presidente della Juventus, che il 18 dicembre avrà già scontato quasi tre dei dodici mesi di inibizione cui è stato condannato in 1° grado, punta almeno a grattare via un' altra porzione di squalifica. Dopo, resterà solo il Collegio di garanzia del Coni.

ANDREA AGNELLI ANDREA AGNELLI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

ATTENTI AI NARCISISTI, SONO DEI DISTURBATI MENTALI - MELANIA RIZZOLI: “IL NARCISISMO RIVELA ELITARISMO E INDIFFERENZA NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI - INCLUDE L'EGOCENTRISMO, INDICA VANITÀ E PROBLEMI NEGLI SCAMBI INTERPERSONALI, NEL MANTENERE RELAZIONI SODDISFACENTI, IPERSENSIBILITÀ ALLE CRITICHE E INCAPACITÀ DI VEDERE IL MONDO DA UN PUNTO DI VISTA DIFFERENTE. IL NARCISISTA CREDE DI ESSERE PIÙ IMPORTANTE DI QUANTO LO SIA REALMENTE, SI VANTA DEI SUOI RISULTATI SPESSO ESAGERANDOLI, DETESTA COLORO CHE NON LO AMMIRANO”