ALBA AZZURRA – SCONCERTI: "IL PEGGIO È ALLE SPALLE, NON SIAMO GLI ULTIMI UNA SQUADRA CHE PUÒ FAR PARTIRE BELOTTI DALLA PANCHINA, FORSE ANCHE CHIESA E VERRATTI, NON PUÒ ESSERE UNA BRUTTA NAZIONALE" – POI ESALTA MANCINI (CHE NEL 2001 DA AD DELLA FIORENTINA SCELSE COME ALLENATORE DELLA VIOLA): "È UN VALORE AGGIUNTO"- ECCO PERCHE' - STASERA L'ESORDIO IN "NATIONS LEAGUE" CONTRO LA POLONIA 

-

Condividi questo articolo

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

roberto mancini roberto mancini

L' Italia che gioca stasera è una buona squadra, forse il peggio è alle spalle. Non sto parlando di miracoli, solo di una buona guida (Mancini) molto rispettata dentro il gruppo, e di un momento particolare: nessuno sale di questi tempi, tutti si adattano.

 

Per la prima volta non si può più crescere tecnicamente, non si può più giocare molto meglio degli altri. Ci sono troppi muscoli nel mezzo, la differenza ormai esisterà soprattutto dal punto di vista fisico. Cosa fra l' altro profetizzata dallo stesso Mancini al congresso internazionale di Belgrado una decina di anni fa. In questa vastità uniforme forse non siamo più gli ultimi. Non abbiamo fuoriclasse, ma non li hanno nemmeno gli altri.

mancini belotti mancini belotti

 

Una Nazionale che può far partire Belotti dalla panchina, forse anche Chiesa, anche Verratti, non può essere una brutta Nazionale. Basta non mandarla fuori giri. Oggi tutto è fuori giri. Quando si parla per esempio di giovani, ci si dimentica in che modo vengono proiettati nel grande calcio eventuale. Due giorni dopo il debutto sono già un' azienda. Il procuratore diventa più importante del padre e non sempre è un buon padre. Non basta saper giocare a calcio.

 

Credo comunque che siamo davanti a un inizio.

mancini 7 mancini 7

Giocatori come Bernardeschi, Belotti, Insigne, Chiesa, Bonucci, Chiellini non sono da piccola Nazionale. Sono da buona squadra. Rispetto al ciclo di Ventura hanno due anni in più, altri si sono aggiunti. Non è obbligatorio essere ottimisti, ma nemmeno continuare a pensare che non si può cambiare.

 

SCONCERTI 4 SCONCERTI 4

Mancini è infine un valore aggiunto: nessun c.t. (a parte Deschamps) è stato un giocatore che ha conosciuto il calcio come lui. In un ambito equilibrato come quello attuale è anche questa una differenza. Gli avversari sono i polacchi Lewandowski, Milik e Piatek, capocannoniere (con Benassi) del nostro campionato. È una squadra molto fisica, quindi attuale. È andata ai Mondiali ma ha fatto male.

Siamo tutti gente da serie B del mondo, ma siamo forse pronti per fare un passo avanti.

roberto mancini e gianluca vialli alla sampdoria roberto mancini e gianluca vialli alla sampdoria mancini mancini mancini mancini mario sconcerti mario sconcerti mancini mancini mancini mancini mancini balotelli mancini balotelli mancini italia olanda mancini italia olanda balotelli mancini balotelli mancini mancini oriali mancini oriali

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute