ANVEDI IL “TOTTINO” – LA LEZIONE DI FAIR PLAY E DI INGLESE DEL FIGLIO DI TOTTI, 13 ANNI A NOVEMBRE - IL PORTIERE AVVERSARIO FINISCE KO E LUI RINUNCIA A SEGNARE PER SOCCORRERLO (UN GESTO SIMILE A QUELLO CHE FECE DI CANIO COL WEST HAM) – “MI INTERESSAVA SOLO CHE STESSE BENE” - L’INTERVISTA IN PERFETTO INGLESE: CRISTIAN FREQUENTA UNA SCUOLA INTERNAZIONALE – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Gianluca Lengua per sport.leggo.it

 

cristian totti cristian totti

Ha rinunciato a un gol per accertarsi delle condizioni di un avversario e poi ha raccontato il fatto alle telecamere sfoggiando un inglese impeccabile. Cristian Totti ha partecipato con la maglia della Roma alla Madrid Football Cup, torneo riservato alle migliori squadre Under 14 d’Europa, e si è preso gli applausi a scena aperta della Spagna per un "doppio" merito.

 

I fatti: durante una partita il figlio dell’ex numero 10 giallorosso ha rinunciato a segnare un gol, dopo essersi scontrato con il portiere avversario che è rimasto infortunato alla testa. D’istinto Cristian si è fermato ed è andato a verificare le condizioni del pari età, mentre i compagni approfittavano della pausa per rinfrescarsi. Nel dopo gara il racconto.

totti col figlio totti col figlio

 

 

«Gli ho chiesto scusa. Per me l’importante era che lui stesse bene, non il gol che dovevo segnare. Lui mi ha risposto che non importava, era felice che fossi andato da lui. Il mister è stato orgoglioso di me, mi ha detto che ho fatto un buon lavoro», ha detto in un’intervista nel post gara. In un video diffuso sull’account Twitter dell’organizzazione, il giovane Cristian comprende senza problemi l'inglese parlato della giornalista e risponde con altrettanta scioltezza a tutte le domande. 

totti e il figlio cristian totti e il figlio cristian totti e il figlio cristian totti e il figlio cristian

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

ROMPERSI GLI UNICORNI! – SECONDO GOLDMAN SACHS E MORGAN STANLEY UBER VALE 120 MILIARDI DI DOLLARI (SIC!), PIÙ DI FCA, FORD E GM MESSE INSIEME – LA STIMA PER L’EVENTUALE SBARCO A WALL STREET MANDA IN PENSIONE TUTTI GLI UNICORNI E DECACORNI (LE SOCIETÀ VALUTATE PIÙ DI UNO O 10 MILIARDI) – PER ORA PERDE UN MILIARDO A TRIMESTRE E NON FARÀ PROFITTI PER ALTRI 3 ANNI. MA È UNA SCOMMESSA SULLA CRESCITA DELLE ATTIVITÀ COLLATERALI (CIBO, DRONI, ECC). E I SAUDITI, CHE CONTROLLANO UBER...

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute