BONIEK, MAGNA TRANQUILLO! DISASTRO SZCZESNY, IL SENEGAL TRASCINATO DA NIANG LIQUIDA LA POLONIA 2-1 E REGALA LA PRIMA VITTORIA A UNA SQUADRA AFRICANA IN QUESTO MONDIALE – ECCO COSA AVEVA DETTO IL PRESIDENTE DELLA FEDERCALCIO POLACCA, ZIBI’ BONIEK: “PENSIAMO A PASSARE IL TURNO. POI PRENDEREMO OGNI GARA COME UNA FINALE. E CHISSA', NOI CI SIAMO”

-

Condividi questo articolo

senegal polonia senegal polonia

Da gazzetta.it

 

E all'ultima partita della prima giornata arriva la prima sconfitta di un'europea al Mondiale di Russia 2018. E al contempo la prima vittoria di un'africana. Polonia-Senegal 1-2,in pochi se l'aspettavano. Nel primo tempo la Polonia ci prova ma non riesce a sfondare con le sue grandi bocche di fuoco: né Lewandowski, né Milik impensieriscono N'Diaye e così al 37' un tiro di Gueye senza grosse pretese beffa Szczesny grazie alla decisiva deviazione dello spallino Cionek.

 

senegal polonia senegal polonia

Nella ripresa Nawalka prova a rimediare ma becca il secondo dopo un clamoroso errore collettivo dei suoi: il retropassaggio scriteriato di Krychowiak, l'attesa incomprensibile di Bednarek che si fa anticipare da Niang e l'uscita folle e suicida di Szczesny che lascia la porta sguarnita.

 

La velocità del granata fa il resto e gli africani volano sul 2-0. Qualche minuto dopo lo stesso Niang, infortunato, lascia il campo. Milik sfiora il gol che riaprirebbe la partita (e poi viene sostituito), Krychowiak all'86' di testa sorprende la retroguardia africana e la riapre ma è troppo tardi. E obiettivamente questa Polonia ha fatto davvero troppo poco per meritarsi anche solo un pareggio.

boniek boniek

 

 

 

2. BONIEK

Matteo Dalla Vite per gazzetta.it

 

Presidente presente. Da subito, dal primo momento e fino a quando non si sa «perché questo Mondiale, a parte 5 squadre, lo possono vincere tutte». Polonia compresa, fa intuire Zibì Boniek, numero 1 della Federcalcio polacca al seguito dal primissimo istante dei suoi discepoli. Questa Polonia, che debutta oggi contro il Senegal, ha la più folta rappresentanza di giocatori della A, 7.

 

Nessun' altra nazionale ne ha così tanti. I prescelti sono Szczesny (Juve), Cionek (Spal), Linetty (Samp), Bereszynski (Samp), Kownacki (ancora Samp), Milik e Zielinski (Napoli), «e il Genoa credo prenderà Piatek, centravanti vero: non è con noi ma so che il vostro calcio scoprirà un altro bel nostro prodotto».

senegal polonia senegal polonia

 

Ecco Zibì: perché i polacchi piacciono tanto ai nostri club?

«Perché abbiamo fatto sempre bene da voi. Erano passati un po' di anni dalla prima volta in cui c' ero io all' ultima in cui poco alla volta ne sono arrivati tanti. I "miei" non sbagliano: sono bravi, seri, hanno tecnica e voglia di fare, non danno problemi, amano lavorare, non sono montati. Possono essere un esempio per come si allenano e per come vivono l' extracalcio».

 

Quanti consigli le chiedono in ritiro?

«Abbiamo un bel rapporto, sto con loro per aiutarli. Spesso con gli italiani scherziamo: in italiano...».

 

Due anni fa consigliò alle italiane Linetty. Ed è arrivato. Oggi?

«Vi dico che Kownacki della Sampdoria non ha ancora mostrato tutto il proprio valore. In questi Mondiali lo capirete».

 

Certamente Szczesny ha dimostrato di essere l' erede di Buffon. Il titolare, dice la Juve, è lui e non Perin.

boniek boniek

«Assolutamente giusto che sia così. Si è meritato questa decisione da parte della società: il club sa benissimo che Woicjech è bravo, che ha più esperienza internazionale rispetto a Perin e che con lui potrà avere la porta a posto per i prossimi quattro-cinque anni. Qualità altissima e affidabilità».

Che non mancano nemmeno a Zielinski

«Diventerà uno dei top player.Ha tutto, ma deve acquisire maggiore sicurezza in se stesso, perché ha dei colpi straordinari: in allenamento mi lascia a bocca aperta».

 

Scusi Zibì, difetti ne avete?

«Zielinski per esempio dovrebbe diventare più furbetto».

Ancelotti è la persona giusta per dargli due malizie in più.

«Speriamo ci riesca: se Carlo gli darà più cattiveria, beh, avrà completato il lavoro su un top mondiale».

 

Ha un giocatore polacco da consigliare a Di Francesco?

«Non sto a consigliare nessuno ma sono convinto che la Roma farà un altro grande campionato, crescerà, perché mi fido molto sia di Monchi e sia di Di Francesco, bravo davvero».

 

Da quattro anni a questa parte il più bravo è Allegri: ha fatto bene a restare alla Juve?

«Benissimo. E' un ottimo tecnico e quindi, come tale, se ha preso questo tipo di scelta è perché sa di poter vincere ancora. Però...».

 

Prego: però?

«Però adesso deve provare ancora di più a vincere la Champions. Per carità, se arriverà anche l' ottavo scudetto sarà meraviglioso, ma ora deve pensare quasi solo all' Europa». Negli ultimi quattro anni lo ha fatto ma...

boniek boniek

«Questa Juve assomiglia molto a quella del 1982 quando arrivai io. C' era voglia di vincere in Europa e non pensavamo al campionato. Eppure arrivò tutto, riuscimmo ad arrivare alla Coppa Campioni. E la Juve di oggi ha uomini, qualità e il dovere di puntare a questo.Lewandowski? Parliamo di Mondiale grazie».

 

Ecco, scusi la banalità: chi lo vince?

«A parte cinque squadre, possono vincerlo tutte le altre. Noi intanto pensiamo a passare il turno e poi prenderemo ogni gara come una finale. E chissà, noi ci siamo...».

BONIEK BONIEK

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal