IL BRASILE NON FA SCHERZI: DUE GOL ALLA SERBIA E PRIMO POSTO NEL GIRONE: ORA AGLI OTTAVI SFIDERA' IL MESSICO – A SEGNO PAULINHO E THIAGO SILVIA, QUALCHE ESITAZIONE DIFENSIVA - NEYMAR IN CRESCITA, DELUSIONE MILINKOVIC-SAVIC – LA SVIZZERA PASSA E TROVA LA SVEZIA

-

Condividi questo articolo

Valerio Clari per gazzetta.it

 

brasile 3 brasile 3

Una sorpresa al giorno, non esageriamo. Il Brasile non va a casa, il Brasile vince il gruppo. Affronterà il Messico a Samara: è più solido della Germania, lo ha dimostrato stasera, lo dovrà rifare agli ottavi contro la “Tri” che ha aperto la crisi tedesca. Contro la Serbia 2-0, un gol per tempo: il primo sull’asse del Barça Coutinho-Paulinho, il secondo dalla testa di Thiago Silva, leader difensivo ritrovato. E’ una delle note più liete di questa prima fase verdeoro. Con lui Coutinho, il primo brasiliano da Pelé nel 1958 a fare gol o assist in ognuna delle prime tre gare. La Serbia saluta: gli ottavi sono volati via con le “aquile” svizzere. Qualcosa è mancato, forse un ulteriore gradino da salire di Milinkovic Savic.

 

La Serbia vive di solidità, di compattezza, il Brasile vive di accelerazioni: quelle di Neymar squassano la struttura serba. Esagera quando cade, quando rotola, quando accentua falli: però visto da vicino (qui allo stadio Spartak si può) è una delizia. La collaborazione con Coutinho è totale, quella con Gabriel Jesus più saltuaria. Arriva dal 9 una palla sporca che potrebbe essere l’1-0: grande Stojkovic. Arriva ancora dal suo “erede” al Barça la palla decisiva. Coutinho la lavora a centrocampo, Jesus porta via i centrali, Paulinho si infila nel buco, Kostic lo perde. La palla è perfetta, l’ex “cinese” ci mette il piede destro in allungo sul portiere in uscita: 1-0. Cou illuminerà anche ad inizio ripresa, mettendo in porta Neymar, ma il tiro è parato.

brasile 1 brasile 1

 

Il 4-3-3 di Tite ha meccanismi che sembrano oliati, anche se ha cambiato natura appena prima del Mondiale. Coutinho parte sulla linea di Casemiro, ma è libero di avanzare e svariare: i verdeoro però “ruotano” di squadra e coprono i buchi. Non si sbilanciano mai, anche se il terzino destro è la riserva (Danilo out) e se quello sinistro esce infortunato dopo 10’ (Marcelo sostituito da Filipe Luis). Quando soffre, e nella ripresa gli succede, è perché perde palloni a metà campo: errori individuali che prova ad assorbire di squadra.

 

La Serbia comunque non è disposta ad andare a casa senza nemmeno provare a fare paura. Matic apre gli alettoni per fare a sportellate, Rukavina inizia a scendere sulla destra, i rossi premono, Milinkovic, piuttosto timido, almeno ci prova. Da un cross del terzino destro nasce l’occasione migliore. Alisson smanaccia male, Mitrovic colpisce a porta vuota, Thiago Silva respinge. Il centrale del Psg in meno di 10’ trasforma il match da “assalti serbi fino al 90’ e rischio eliminazione” a “avanti il prossimo”. Al 25’ sull’angolo di Neymar lascia lì Matic, anticipa MileNkovic e di testa fa 2-0. Finisce lì: il resto è accademia, è la ricerca infruttuosa del gol di Neymar, sono giocate e spettacolo brasiliano. Li vedremo ancora, è una fortuna.

thiago silva 45 thiago silva 45 neymar neymar svizzera dzemaili svizzera dzemaili

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - BETO O'ROURKE È L'ASTRO NASCENTE DEI DEM, IL PERDENTE DI SUCCESSO SCONFITTO DA TED CRUZ MA AMATO DAI GIORNALI CHE CONTANO. HA RACCOLTO UN MUCCHIO DI SOLDI, VA SULLO SKATE, SUONA LA CHITARRA, CORRE LE MARATONE - DIETRO DI LUI SI AGITANO L'ETERNA CLINTON, I VECCHIETTI BIDEN-BLOOMBERG-SANDERS, LE PASIONARIE TIPO KAMALA HARRIS, E IL MILIARDARIO ECOLOGISTA TOM STEYER, CHE HA SPESO CENTINAIA DI MILIONI CONTRO TRUMP ED È PRONTO A COMPRARSI UN POSTO SULLA SCHEDA DELLE PRIMARIE

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute