A CHE GIOCHI GIOCHIAMO? - MILANO SI TIRA FUORI DALLA "GESTIONE" UNITARIA PER IL 2026: “DISPONIBILI SOLO AD OSPITARE LE GARE” – IL SINDACO PD SALA SCRIVE A MALAGO’: “LE RAGIONI DELLA POLITICA STANNO PREVALENDO...” - LA SUA RABBIA DERIVA DALLA SCELTA DEL CONI DI NON INDICARE UNA CITTÀ CAPOFILA, MA TRE SULLO STESSO PIANO COSÌ DA NON SCONTENTARE TORINO (5 STELLE) E IL VENETO (LEGA)...

-

Condividi questo articolo

Andrea Rossi e Chiara Baldi per www.lastampa.it

 

sala appendino sala appendino

Nuovo colpo di scena: adesso è Milano che minaccia di sfilarsi dalle Olimpiadi delle Alpi 2026. Scottato da una estenuante trattativa in cui è stato costretto a fare non uno ma due passi indietro per volere del Coni e del governo - che ha imposto la candidatura delle Alpi in modo da non scontentare Cortina e soprattutto Torino, soddisfacendo sia Lega che Movimento 5 Stelle, ora è il sindaco di Milano Giuseppe Sala a minacciare di far saltare il banco. 

malagò malagò

 

«Per spirito di servizio al Paese, Milano conferma la sua disponibilità, ove richiesto, solo come venue di gare o eventi», ha scritto in una lettera al numero uno del Coni Giovanni Malagò, «in quanto, stante le attuali condizioni, non ritiene praticabile una sua partecipazione alla governance del 2026». 

 

 

zaia cortina 2026 zaia cortina 2026

La rabbia di Milano deriva dalla scelta del Coni di non indicare una città capofila, ma tre sullo stesso piano così da non scontentare Torino e il Veneto, oggettivamente più deboli. Ma il sindaco milanese, unico esponente del Pd a governare una grande città, che è riuscito pochi giorni fa a ottenere sulla candidatura ufficiale di Milano il voto del Consiglio Comunale – con solo due astenuti, il Movimento Cinque Stelle – non ci sta a finire triturato nelle dinamiche del governo giallo-verde.

 

«Con rammarico constato che nella scelta della candidatura per i Giochi le ragioni della politica stanno prevalendo su quelle sportive e territoriali. E qualora la nostra posizione non sia ritenuta accettabile accoglieremo di buon grado le decisioni del Coni e, certamente, faremo il tifo per la candidatura italiana selezionata».

sala fontana malagò sala fontana malagò

 

 Nella serata di ieri la sindaca di Torino Chiara Appendino aveva incassato il sì della sua maggioranza – non senza difficoltà – per partecipare al tridente voluto dallo stesso Malagò che vorrebbe una candidatura italiana formata da Milano-Torino-Cortina.

malagò carraro letta malagò carraro letta

 

Condividi questo articolo

media e tv

MILANOSPIA! - TUTTI PAZZI DELLE PERFORMANCE EROTICHE DELLA MARINI. MA TRA LEI E L'AITANTE SPAGNOLO C'È DI MEZZO UN TRUCCATORE. MA IL FLIRT CE L'AVEVA LEI O IL TENTATORE IBERICO? - FRECCERO VERSO UNA POLTRONA IMPORTANTE IN RAI - LA STAR DELLE SFILATE? SONA! - IL MATRIMONIO CHE UNIVA UN'EX DIRETTORA E UN GIORNALISTA PARE CHE SIA SCOPPIATO A CAUSA DI UNA DI LUI SCAPPATELLA - IL SENATORE PD E LA MOGLIE SONO MOLTO AMICI DI UN DISCUSSO OLIGARCA - IL GIORNALISTA EPURATO PASSA LE NOTTI TRA "PIATTI CALDI" E SONNIFERI. TROVERA' PACE? - IL FIGLIO DELLA NOTA IMPRENDITRICE E' IL CLIENTE PIU' AMATO DALLE TRANS MILANESI - LA COMPAGNA DEL POLITICO DI FARSA ITALIA E' SEGRETAMENTE LESBICA. E CON UNA SHOWGIRL...

politica

business

cronache

sport

cafonal