FOLLIA ULTRA’ - UN PULLMAN DI TIFOSI JUVENTINI PARTITO DALLA CAMPANIA SPERONATO DA UN SEDICENTE GRUPPO DI SOSTENITORI DEL NAPOLI SULL’AUTOSTRADA DEL SOLE – IL RACCONTO DEI PRESENTI: "NON SI E’ FATTO MALE NESSUNO MA IL BUS E’ STATO DANNEGGIATO CON SASSI E SPRANGHE"

Condividi questo articolo

Vincenzo Ammaliato per www.ilmessaggero.it

 

TIFOSI JUVE TIFOSI JUVE

Speronato da un sedicente gruppo di tifosi napoletani sull'autostrada del Sole un autobus con a bordo tifosi della Juventus provenienti dalla Campania e diretto allo stadio di Genova per l'incontro della loro squadra del cuore. Una volta fermo il mezzo è stato danneggiato con sassi e spranghe, rompendo alcuni vetri.

 

L'increscioso episodio si è verificato nel tratto autostradale fra Arezzo e Firenze. Sul posto la polizia di stato. Per fortuna, pare non ci siano feriti, solo tanta paura fra i tifosi della Juventus. 

 

 

PULLMAN DI TIFOSI DELLA JUVE SPERONATO DAI NAPOLETANI

Da www.tuttosport.com

 

 

Francesco era sul pullman dello Juventus Club di Afile (provincia di Caserta), aggredito dai tifosi del Napoli mentre stava andando a Genova. Ecco la ricostruzione di quanto è accaduto: «Non esageriamo troppo la cosa, alla fine è andata bene, nessuno si è fatto male. Ci sono solo danni al pullman».

 

La scena, tuttavia, è stata piuttosto paurosa. «Eravamo all'autogrill e i pullman è stato accerchiato mentre stava uscendo da due furgoni e due macchine. Sono scesi i tifosi del Napoli con mazze e cinghie e hanno iniziato a colpire il pullman, danneggiandolo in più punti e spaccando uno specchietto retrovisore. L'autista è stato molto bravo a non muoversi e non fare retromarcia, rischiando di investire gli aggressori, ma con un'abile manovra si è divincolato e ha guadagnato la strada.

TIFOSI JUVE 1 TIFOSI JUVE 1

 

Loro ci hanno inseguito per alcuni chilometri provando a speronarci, ma dopo pochi chilometri sono usciti dall'autostrada per raggiungere Empoli. Noi alla fine siamo riusciti ad arrivare a Genova e vederci la partita. L'autista ha sporto denuncia e noi abbiamo testimoniato con lui, ma non sappiamo se i tifosi che ci hanno aggredito siano stati fermati o meno».

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal