FUGA PER LA SCONFITTA - VENTURA SI CONSOLA A ZANZIBAR, A MOLLO CON DUE RAGAZZI DEL POSTO (UNO CON MAGLIA DELLA ROMA) - IN UNA SUITE STRARISERVATA CON LA GIOVANE MOGLIE, OCCHIALI SCURI PER NON FARSI RICONOSCERE DAGLI ITALIANI. QUALCUNO LO FERMA, MA LUI NON VUOLE PARLARE. DELUSO DA TAVECCHIO, È GIÀ IN POLE PER UNA NUOVA PANCHINA…

-

Condividi questo articolo

 

Alberto Abbate per ‘Il Messaggero

GIAN PIERO VENTURA A ZANZIBAR FOTO DAL MESSAGGERO GIAN PIERO VENTURA A ZANZIBAR FOTO DAL MESSAGGERO

 

Fuga per la sconfitta, verrebbe da dire. Già, perché dopo il ko con la Svezia e l'esonero da parte di Tavecchio, Ventura è tornato a Bari, ha raccolto la moglie Luciana ed è scappato in Africa per trovare rifugio. Già prima del disastro mondiale era totalmente sparito, tanto che i giocatori dubitavano del fatto che avrebbe allenato persino l'ultima partita. Adesso l'ex ct è scomparso di nuovo, nemmeno il presidente del Torino riesce a rintracciarlo: «Ho provato a telefonare a Ventura per un saluto le parole Urbano Cairo qualche giorno fa a Radio Deejay - ma non mi risponde».

 

Il cellulare squilla a vuoto, poi entra una segreteria estera. Giampiero ha addirittura cambiato continente per provare a tornare sorridente. Chi l'ha visto? Gli indizi sono chiari: 69 anni, stempiatura, capelli bianchi e molte rughe. Nemmeno l'acqua e le barche possono nascondere certe sfumature. Così lo abbiamo scovato a Zanzibar, in una suite strariservata del villaggio Veratour Sunset Beach. Occhiali scuri (come testimonia la foto), con tutto il corpo immerso nel mare per provare a non farsi riconoscere dagli altri italiani in villeggiatura. Nessuno ci casca, qualcuno lo ferma, ma lui non vuole parlare. Resta in silenzio di fronte a qualunque domanda dei connazionali.

 

NO ITALIA

ventura ventura

Quello che aveva da dire, lo ha detto subito dopo la cacciata di Tavecchio: «Sono stati giorni difficili e di profondo dispiacere. Provo una sensazione di incompiutezza dal momento in cui non ho raggiunto il traguardo russo. Guidare la Nazionale mi ha trasmesso senso di appartenenza ed orgoglio mai provati prima perché non ci può essere niente di più grande. Ho lavorato con tutto me stesso, con serietà e professionalità. Non sono riuscito là dove ero convinto di farcela alla guida di un gruppo di ragazzi che non smetterò mai di ringraziare. Ma le sconfitte, soprattutto quelle più dolorose, non si possono spiegare con una sola verità».

niccolo de vitiis le iene gian piero ventura niccolo de vitiis le iene gian piero ventura

 

Così Ventura aveva gettato ombre su tutto il resto della Federazione, prima che si scatenasse il terremoto pure sulla presidenza. Adesso il tecnico si vuole scaricare da solo tutto l'azzurro dalla coscienza. Nessun contatto con la madre patria, al momento. A Zanzibar Giampiero preferisce passare le sue giornate con i residenti del luogo. E pensare che in Nazionale si lamentava di non poter attingere dai vivai italiani perché pieni di stranieri.

 

INGHILTERRA

tavecchio tavecchio

Si è sentito il capro espiatorio, non ha gradito lo scaricabarile di Tavecchio e del resto del Bel Paese. E' normale in fondo che adesso non voglia averci più nulla a che fare. A meno che non sia uno dei suoi ex sostenitori dall'Inghilterra a chiamare. La famiglia Pozzo potrebbe infatti trascinarlo al Watford. Marco Silva, attuale allenatore delle Hornets, è il lotta per l'Europa in Premier, sta facendo benissimo a Vicarage Road.

 

Talmente bene che ha attirato su di sè le attenzioni dell'Everton, pronto a comprarlo per 10 milioni per la prossima stagione. Ed ecco che Ventura diventa un papabile successore. Giampiero deve però prima scrollarsi di dosso le scorie mondiali dentro al mare. Almeno lì è dolce naufragare.

tavecchio ventura tavecchio ventura

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal