“GIOCARE CON I PIEDI ROVESCIA IL MONDO” – SCONCERTI E L’IMPRESA DEL WIGAN CHE HA SBATTUTO FUORI DALLA “FA CUP” IL CITY: “UNA SORPRESA CHE VIENE DALLA NATURA STESSA DEL GIOCO: NON BASTA GUARDIOLA, NON BASTANO GLI SCEICCHI, C' È SEMPRE UN LATO OSCURO DELLA FORZA. QUESTA È L' ETERNA MODERNITÀ DEL CALCIO, CHE FA COME VUOLE, COME CAPITA…”

-

Condividi questo articolo

wigan city guardiola wigan city guardiola

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

Che una squadra di terza serie, il Wigan, elimini dalla Coppa d' Inghilterra la squadra forse più forte del mondo,il Manchester City, è una grande sorpresa che viene però dalla natura stessa del calcio.

 

Centocinquant' anni fa, nel gioco, la palla fu tolta dalle mani per passare in esclusiva ai piedi proprio per questo. Correre con la palla in mano fa vincere sempre la forza.

 

Giocare con i piedi rovescia il mondo, costringe al controllo, quindi al talento.

Nasce il dubbio del risultato. Succedono ormai raramente imprese come quelle del Wigan (ha tenuto il pallone cinque volte meno del City), ma accadono, sono chiuse nel destino di ogni partita. Fu proprioquesta incertezza che stancò i giovani universitari dell' aristocrazia inglese quando si accorsero intorno al 1880 che le squadre di operai e minatori cominciavano inopinatamente a batterli. Fu questo a far decidere a Harvard di rinunciare al calcio e a inventare il football americano: la paura di una mescolanza sociale, del caso dovuto a un pallone che se ne va sull' erba dimenticando la differenza tra classi.

È contro questo destino poco gestibile che sono state inventate tutte le tattiche.

 

SCONCERTI 4 SCONCERTI 4

Servivano e servono a dare un forte indirizzo, a mandare la partita non dove andava ma dove era utile andasse. La tattica accennava alla scienza che avrebbe dovuto limitare il caso. Non ci siamo riusciti, non è possibile. La palla rotola ancora indipendente. Non basta Guardiola, non bastano gli sceicchi, c' è sempreun lato oscuro della forza. Questa è l' eterna modernità del calcio, che fa come vuole, come capita. Una tattica si mostra, dopo venti volte che la vedi la conosci. E si ricomincia.

 

In Italia inventammo il catenacciocome una specie di socialismo controla forza delle grandi squadre. Se loro sono migliori, noi ci difendiamo e ripartiamo.

Fu uno straordinario modo di ridistribuire ricchezza tecnica. Tanto che alla fine giocarono così anche le grandi squadre, difendersi divenne quello che era sempre stato, un modo di essere. Il calcio è l' unico linguaggio universale perché non rappresenta un paese, rappresenta l' uomo. Viene da dentro, avrà sempremille interpretazioni, ma non lo leghi a niente. È questa la vera felicità:non sapere mai, giocare sempre. E poi vedere.

invasione tifosi wigan invasione tifosi wigan tifosi city tifosi city

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal