MONCHI RESTA CHE PIANGERE - E’ STATO UN AFFARE VENDERE SALAH AL LIVERPOOL? RISPONDE IL DS GIALLOROSSO: "SONO STATO COSTRETTO DAI VINCOLI UEFA. L’OFFERTA ERA DI 30 E IO L’HO PORTATA A 50 MLN. MA E' CHIARO CHE NOI NON AVEVAMO SCELTA..." - VIDEO

-

Condividi questo articolo
 

monchi monchi

 
Gol dopo gol, assist dopo assist, Momo Salah nella gara di Anfield è tornato a far disperare i suoi ex tifosi. Non ha esultato, e queste sono cose che la gente apprezza, ma nella notte Champions a Roma riecheggiava una sola domanda: “Perché abbiamo venduto Salah?”. La risposta è arrivata la mattina dopo la gara dal direttore sportivo Monchi, artefice dell’operazione: "È vero, ho ceduto Salah, ma costretto dai vincoli Uefa. La spiegazione - ha detto alla trasmissione 'El Transistor' sulla spagnola Onda Cero - è che l’anno scorso siamo stati costretti a vendere entro il 30 giugno e se non lo avessimo fatto oggi non saremmo in semifinale di Champions. I nostri conti erano sotto un ferreo controllo dell’Uefa e quando sono arrivato io c’era un’offerta di 30 milioni per Salah. Poi con i bonus siamo saliti a 50, insomma abbiamo fatto il massimo che potevamo in quel momento".
 

salah 4 salah 4

MERCATO FOLLE — Il dirigente giallorosso fa poi un'analisi del mercato della passata estate, esploso per via delle astronomiche valutazioni di Neymar, Mbappé, Dembelé e poi Coutinho: "Non mi aspettavo che il mercato impazzisse - spiega Monchi -. Certo, Salah sta disputando una stagione fantastica, quindi complimenti al Liverpool per l’affare fatto, ma noi non avevamo scelta, né altre soluzioni, dovevamo vendere entro il 30 giugno. Salah comunque non è una scoperta, conosciamo il suo valore, lo conoscevo anche quando ero al Siviglia e lui quando giocava con la Fiorentina mi aveva fatto soffrire".

 

PALLOTTA MONCHI DI FRANCESCO PALLOTTA MONCHI DI FRANCESCO salah salah monchi monchi salah salah

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“ABBIAMO L’ACCORDO SUL DECRETO FISCALE: NON CI SONO SCUDI DI SORTA ALL’ESTERO” - GIUSEPPE CONTE ANNUNCIA L’INTESA DOPO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI: “NON CI SARA’ NESSUNA CAUSA DI NON PUNIBILITÀ: POTEVA PRESTARSI A EQUIVOCI. HO RIFERITO DELLE INTERLOCUZIONI CON MERKEL E MACRON, 50 MINUTI E NON IN PIEDI. IL CLIMA CHE ABBIAMO IN EUROPA È DI DIALOGO E DI DISPONIBILITÀ” - SALVINI RASSICURA I MERCATI: "NON ABBIAMO VOGLIA DI USCIRE DALL'UNIONE O DI USCIRE DALL'EURO" - DI MAIO LO SEGUE: "FINCHE' CI SARO' IO COME CAPO POLITICO DEL M5S, NON CI SARA' NESSUNO PROGETTO DI USCIRE DALL'EURO"

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute