PAZZA INTER: UNA RIMONTA DA CHAMPIONS – VECINO DI TESTA RIBALTA LA LAZIO E REGALA IL QUARTO POSTO A SPALLETTI – BIANCOCELESTI DUE VOLTE AVANTI: IL PRIMO PARI E’ DI D’AMBROSIO, IL SECONDO DI ICARDI SU RIGORE (PROCURATO DAL FUTURO INTERISTA DE VRIJ MA L’AZIONE NASCE DA UN ERRORE DI STRAKOSHA) - ESPULSO LULIC

-

Condividi questo articolo

Luca Taidelli per gazzetta.it

 

vecino vecino

Incredibile all'Olimpico! L'Inter nell'ultimo quarto d'ora di una gara pazzesca ribalta una Lazio che fin lì aveva strameritato il vantaggio e con un 3-2 da far west si guadagna il ritorno in quella Champions che non gioca dal 2012.

 

La ciliegina la mette Icardi, che dopo due errori è glaciale al 72' nel trasformare il rigore - procurato dal futuro interista De Vrij - che riapre i giochi (e gli permette di agganciare Immobile in vetta alla classifica marcatori) prima dell'apoteosi firmata Vecino, al terzo gol stagionale, tutti contro la romane. Nel primo tempo c'erano stati il gollonzo di Marusic, il pareggio di D'Ambrosio e una fiammata di Felipe. Grande Inter ma massimo onore alla Lazio, crollata sul traguardo anche per colpa dell'espulsione di Lulic.

 

LAMPO FELIPE — Nessuna sorpresa negli undici iniziali. Inzaghi punta su Murgia al posto dell'infortunato Parolo e dà fiducia a De Vrij, promesso sposo nerazzurro. Spalletti recupera Miranda e sceglie Vecino come sostituto di Gagliardini per affiancare Brozovic. Dopo una svirgolata di Icardi su assist di Perisic, è la Lazio a prendere in mano il match. Al 7' Luiz Felipe manda in curva un babà di Immobile, poi Milinkovic di testa impegna Handanovic e sugli sviluppi è decisivo nel difendere palla e toccarla dietro per Marusic, il cui destro andrebbe verso la bandierina se non incocciasse il volto di Perisic per il vantaggio laziale.

 

icardi 7 icardi 7

Gol fortunoso nella dinamica, ma figlio di un'organizzazione migliore. L'Inter accusa il colpo, non è abituata a ballare sui cross avversari e soprattutto non trova Rafinha per verticalizzare. Serve un break di Cancelo al 22', ma Icardi strozza il destro in modo indegno. E al 25' solo il palo salva un Handanovic di gesso sulla punizione di Milinkovic, l'uomo che fa la differenza e che Vecino non prende quasi mai. Spalletti ne ha visto abbastanza e vira al 4-4-2 con Candreva a sinistra, Perisic libero di svariare e Rafinha a destra, ma pronto ad accentrarsi per favorire gli inserimenti di Cancelo. Il pareggio arriva però in modo quasi casuale, con D'Ambrosio che da corner al secondo tentativo sfrutta un'incertezza di Strakosha. Il match torna in equilibrio anche psicologicamente, ma su un altro corner l'Inter al 41' si fa infilare in contropiede, con Lulic bravissimo a innescare la corsa di Felipe che trova l'angolino per il 2-1 che spezza le reni ai nerazzurri.

 

lazio inter milinkovic lazio inter milinkovic

RIBALTONE — Nessun cambio nell'intervallo e anche il copione varia poco. Inter a ruminare un gioco troppo spesso orizzontale e Lazio pronta a ripartire con le sue frecce. Perisic si avventa su un paio di traversoni e al 15' è bravo Strakosha in uscita bassa perché Brozovic aveva trovato l'imbucata giusta. Spalletti ci prova prima con Eder per un evanescente Candreva e poi con Karamoh per un Rafinha troppo leggero per i colossi avversari, ma la musica non cambia e l'illusione di riaprirla arriva solo quando al 27' Rocchi fischia un rigore per fallo di mano di Milinkovic. Il Var però gli fa cambiare idea e l'Inter non sembra avere personalità, idee e gamba per risalire.

 

lazio inter felipe anderson lazio inter felipe anderson

Inzaghi toglie Immobile (avanzando Milinkovic) per Lukaku e Radu per Bastos. Invece al 32' il penalty c'è tutto per l'entrata di De Vrij - sin lì perfetto malgrado la situazione psicologica non facile - su Icardi, freddissimo dal dischetto. Tornano a caricare i 12mila interisti, anche perché Lulic viene espulso per secondo giallo dopo un'entrata su Brozovic. E al 36' il mondo in effetti si ribalta, visto che sul corner di Brozovic non Ranocchia - buttato dentro per i centimetri - ma Vecino va in cielo per trovare l'angolino opposto. Un finale surreale. Da Pazza Inter. Con tanti saluti al 5 maggio.

FESTA INTER FESTA INTER DE VRIJ DE VRIJ ZHANG IN LACRIME ZHANG IN LACRIME

spalletti 10 spalletti 10 spalletti spalletti spalletti spalletti spalletti spalletti

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MALETTON! - DI MAIO ATTACCA IL PD E GLI RINFACCIA DI AVER PROROGATO LA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE PER L’ITALIA “DI NOTTE” CON UNA “LEGGINA” INSERITA NELLO “SBLOCCA ITALIA” NEL 2015. E LASCIA INTENDERE CHE BENETTON AVREBBE FINANZIATO I PARTITI E LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI DEM - RENZI LO ACCUSA DI ESSERE UN “BUGIARDO” E UNO “SCIACALLO” – SAREBBE ANCHE INTERESSANTE SAPERE CON QUANTA PUBBLICITÀ BENETTON HA “SEDOTTO” STAMPA E TV, VISTO CHE NON SI VEDE MAI UNA LORO FOTO IN PRIMA PAGINA...

business

cronache

sport

cafonal