"IBRAHIMOVIC NON TORNA AL MILAN" - LEONARDO CHIUDE LA TELENOVELA: "IL MERCATO? DOBBIAMO FARE I CONTI CON L'UEFA, MA POTREBBERO ARRIVARE…” - PARI DEI ROSSONERI COL TORO, LA SERIE A E' MALATA DI "PAREGGITE", SCONCERTI: "TOLTE LE PRIME, SONO IN FORTE AUMENTO I PAREGGI (UN TERZO PIU’ RISPETTO A UN ANNO FA). RESTA DA DECIDERE SE QUESTO EQUILIBRIO SIGNIFICA FORZA O MODESTIA" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

milan torino milan torino

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

l Torino è la squadra che con la Fiorentina ha pareggiato di più, 7 partite su 15, dopo il Cagliari a quota 8. Questo introduce un fatto nuovo da capire: sono in forte aumento i pareggi, un terzo in più rispetto a un anno fa.

 

Perché? Cosa sta accadendo di diverso?

E molto interessante notare che i pareggi aumentano con il tempo, sono un risultato più ambito via via che si va avanti nel calendario. Ma una cosa è non disprezzare il pareggio, altra ottenerlo. In poche parole il pareggio che cresce è un sintomo dell' equilibrio che tocca le squadre di seconda e terza fascia. Non pareggiano le prime cinque, pareggiano tutte le altre. Vuol dire che il campionato non ha certezze, c' è un equilibrio complessivo che esclude solo Juventus e Napoli. Resta da decidere se questo equilibrio significa forza o modestia.

 

milan torino milan torino

A me sembra si giochi meglio, Milan-Torino è stata forse un esempio corretto. Si è visto gioco solvibile a lungo e quasi mai un grande gioco. Per sbloccare il pareggio sarebbe servito una prodezza che non è nelle corde delle due squadre. Meglio organizzato il Torino che deve però cominciare a chiedersi cosa stia succedendo al suo centravanti, due gol su azione quest' anno, promettente sempre e sempre un po' elementare nelle esecuzioni. È questo che fa la differenza fra un pareggio e una possibile vittoria.

leonardo leonardo

 

Abituandosi al Milan si osserva invece sempre più qualcosa di elementare, senza Higuain, con Suso bravo e sempre uguale a se stesso, con gli assenti che cominciano a pesare, con un gioco che resta legato più a chi manca che a chi è rimasto. Non c' è crescita, sei il 7° nel campionato dei pareggi ma pareggi anche tu molte volte. Salva tutto il quarto posto buono per la Champions.

 

È questo il nuovo livello del calcio, essere buoni quarti? È questo il Milan di Elliott e Gazidis? E se non è questo qual è, quali sono eventualmente i mezzi a disposizione, le idee, i progetti, le astuzie? Elliott con il Milan ha comunque già fatto un grande affare. È tempo di capire come possono farlo i clienti di Elliott, i milanisti.

 

 

 

zlatan ibrahimovic zlatan ibrahimovic

2. LEONARDO

Da www.gazzetta.it

 

"Ibrahimovic non tornerà al Milan. Sarebbe stata una bella storia, ma non accadrà. Resterà ai Los Angeles Galaxy. Ci avevamo pensato e anche lui ci pensava, ma alla fine non si farà". La confessione è di Leonardo, direttore dell'area tecnica e sportiva del Milan. Finisce così una telenovela di mercato che sembrava a lieto fine. E invece no, niente ritorno di Ibra, a meno di clamorosi dietrofront.

 

TRA UEFA E MERCATO — Il Milan comunque si muoverà a gennaio. "A questa squadra potrebbe servire un centrocampista d'esperienza e magari un'opzione in più in attacco. Fabregas? Stiamo vedendo, ma non abbiamo fatto nessun affondo". Elliott e i rossoneri devono però fare i conti con i paletti imposti dall'Uefa, in attesa di sapere a che sanzione andrà incontro il club per il triennio precedente. "Il Fair play finanziario è un puzzle difficile da risolvere e anche se questa proprietà ha voglia di fare grandi cose, bisogna crescere piano piano, passo dopo passo". Ultime parole su Gattuso: "Sarebbe bello un giorno vincere qualcosa con Rino in panchina. Per il Milan sarebbe davvero una gran cosa".

IBRAHIMOVIC IBRAHIMOVIC MINO RAIOLA E IBRAHIMOVIC MINO RAIOLA E IBRAHIMOVIC ibrahimovic ibrahimovic

 

Condividi questo articolo

media e tv

LET'S TWEET AGAIN! - NEANCHE IL TEMPO DI ANDARE IN ONDA E “ADRIAN” RACCOGLIE PERNACCHIE SU TWITTER - “HEIDI NEL 1976 ERA ANIMATO MEGLIO”, “CHE CATEGORIA DI YOUPORN E’?”, “E’ UNA GRAN PRESA PER IL CULO”, “CREDO SIA IL PRIMO PROGRAMMA AL MONDO DI CUI NON SI SAPEVA NULLA PRIMA CHE ANDASSE IN ONDA. E NEMMENO DOPO”, “NON SI TRATTA DI PRODOTTO ALTO, BASSO, ELEGANTE, TRASH, ALLEGRO, NOIOSO. MA CHE ‘ADRIAN’ È BRUTTO FORTE. QUELLO SÌ…” - GIUSEPPE CANDELA: “RICORDIAMO I COSTI: QUASI 20 MILIONI DI EURO. PIÙ DI SANREMO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute