UN "MARQZIANO" IN AUSTRALIA – A PHILLIP ISLAND UN FISCHIATISSIMO MARQUEZ TRIONFA DAVANTI A ROSSI E IPOTECA IL TITOLO – DOVIZIOSO SOLO 13ESIMO – LO SPAGNOLO DELLA HONDA HA 33 PUNTI DI VANTAGGIO SUL PILOTA DELLA DUCATI A 2 GARE DAL TERMINE – LA “FANTASTICA” GARA DI VALE TRA CARENATE E SORPASSI: "LE HO PRESE E LE HO DATE. I NUOVI ARRIVATI GIOCANO DURO? E ALLORA GIOCHIAMO…”- VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Chiara Cossalter per www.sport.sky.it

marquez rossi 10 marquez rossi 10

Marc Marquez aveva dimostrato di avere un ottimo feeling con la moto a Phillip Island e ha confermato le proprie aspettative in gara. Dopo aver rinunciato al primo posto solo nelle seconde prove libere (dove a centrare il miglior tempo è stato Aleix Espargaró), infatti, lo spagnolo della Honda ha conquistato la terza vittoria in Australia dopo quelle del 2010 in 125 e del 2015 in MotoGP, tutte raggiunge partendo dalla pole position.

Marquez si è imposto nella 16esima tappa del Motomondiale davanti a Valentino Rossi (al podio numero 191 nella top class), che si è riscattato nonostante i problemi alla spalla causati dalla caduta di Motegi. Ma per la Yamaha la gioia è stata doppia: è Maverick Vinales (nono in Giappone, ora a -50 da Vinales) a completare il podio. E il pubblico ha decisamente apprezzato il risultato del Dottore, accompagnato sul podio da cori e applausi, mentre al vincitore della gara sono stati riservati fischi di disapprovazione...

Le brutte notizie sono arrivate dalla Ducati: male tutte le Rosse. La migliore è stata quella di Redding, undicesimo, solo 13esima quella di Andrea Dovizioso (ora a -33 dalla vetta). Scattato dalla 11esima posizione, dopo un errore Dovi è scivolato addirittura al 20esimo posto, senza poter mai lottare con i big. 15esimo Lorenzo, 21esimo Petrucci.

marquez rossi 1 marquez rossi 1

Si sono dati invece battaglia per il podio Andrea Iannone e Johann Zarco, tra i protagonisti del GP: il pilota della Suzuki ha chiuso sesto, due gradini più sotto della Yamaha del francese.

Marquez allunga a +33 da Dovizioso

A questo punto i piani di rimonta della Ducati si complicano: a due gare al termine Dovizioso si trova a 33 punti di distanza da Marquez, sempre più leader del Mondiale. Rientra nella battaglia, ma per quella del secondo posto, Maverick Vinales: terzo in classifica a 50 dalla vetta. Prossimo appuntamento in Malesia il 29 ottobre, il gran finale è fissato per il 12 novembre a Valencia.

Le interviste dei piloti

rossi 21 rossi 21

Honda, Marquez: "Sapevo che sarebbe stata una giornata importante. Dovizioso ha avuto qualche problema, io mi sentivo bene già nelle prime Libere. Ho aspettato per quasi tutta la gara, poi negli ultimi giri ho aperto il gas e il duello è stato davvero divertente. Ho alcuni graffi proprio come Valentino, ci siamo toccati...E' stata una bellissima battaglia".

Yamaha, Rossi: "Mi è piaciuta un sacco questa gara, è stata fantastica. Tutti i piloti sono stati molto aggressivi, devi essere più stupido e aggressivo di loro per vincere... Ci ho provato fino alla fine, sono contento di questo secondo posto, ringrazio il team per l'ottimo lavoro svolto nell'intero weekend. Non vedo l'ora di rivedere la gara. Quelli che hanno fatto lo sforzo di svegliarsi alle 7 in Italia sono stati ripagati... Quante botte in questa gara, le ho prese e le ho date. Gli ultimi piloti arrivati in MotoGP hanno alzato molto il livello di aggressività, e se il gioco è questo sono pronto, giochiamo! E' un risultato molto importante per me e per tutto il team, arrivavamo da una gara disastrosa. Iannone alla curva 4 mi è entrato e ho perso decimi su Marquez, peccato... Avere messo la media ha funzionato, sono contento. Ma non abbiamo risolto i nostri problemi, dobbiamo continuare a lavorare per migliorare".

marquez dovizioso rossi marquez dovizioso rossi

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal