"L’ITALIA FUORI DAI MONDIALI? L’UNICO VERO RESPONSABILE È TAVECCHIO" – DE LAURENTIIS MASSACRA IL NUMERO 1 DELLA FIGC: "SE FOSSI IN LUI MI DIMETTEREI PER NON FARE LA FIGURA DELLO STUPIDO. HA TENUTO UN TECNICO CHE IO AVEVO ESONERATO IN SERIE C. INSIGNE? È INUTILE CONVOCARE I NOSTRI GIOIELLI PER FARLI GIOCARE FUORI RUOLO: DOVREMMO CHIEDERE I DANNI ALLA FEDERCALCIO ADESSO?"

-

Condividi questo articolo

Da www.corrieredellosport.it

de laurentiis de laurentiis

 

«L'esclusione dai Mondiali? Tavecchio è unico vero responsabile, si dimetta per non fare la figura dello stupido. Insigne? Per lui una vetrina negativa». Aurelio De Laurentiis, a SkySport, attacca Carlo Tavecchio e Gian Piero Ventura dopo la mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali di Russia 2018. Al presidente del Napoli non è andata giù l'esclusione di Lorenzo Insigne, fuori dai titolari sia all'andata sia al ritorno contro la Svezia.

 

tavecchio tavecchio

«Tavecchio è l'unico vero responsabile di questa disfatta perché ha tenuto un allenatore che io avevo già esonerato in Serie C. Insigne fuori? Se uno gioca con il 4-2-4 non può far venire Insigne e farlo giocare nei quattro d'attacco. Insigne gioca nel 4-3-3, è lì che esprime il massimo delle potenzialità.

 

Se tu non metti i nostri gioielli, non solo quelli del Napoli ma anche quelli degli altri club, nelle possibilità di esprimersi al massimo del loro potenziale fai diventare queste occasioni una vetrina negativa. Chi guarda queste partite in maniera un po' più superficiale potrebbe pensare che i nostri giocatori non sono così bravi. E allora cosa dovrebbero fare le società? Dovrebbero chiedere i danni alla federcalcio?».

 

 

TAVECCHIO E IL FUTURO - Poi ancora su Tavecchio e sul futuro ct: «Se fossi Tavecchio mi dimetterei per non fare la figura dello stupido. Ma non deve pensarci solo lui, anche Uva e qualcuno al Coni. Non si arriva da Conte a Ventura, non sono stati capaci di mantenere l'ex ct. Chi vorrei vedere in panchina adesso? Un giovane di 35 anni».

DE LAURENTIIS DE LAURENTIIS

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal