RADIOGOL! DALL'INIMITABILE CIOTTI ALLA NOTTE DI BERLINO, RICCARDO CUCCHI, STORICA VOCE DI 'TUTTO IL CALCIO', RACCONTA IN UN LIBRO 35 ANNI DI EMOZIONI ALLA RADIO - "LE POLEMICHE SU TREVISANI E ADANI? NON MI SCANDALIZZA IL LORO COMMENTO. I TEMPI CAMBIANO. MA SE SI SPARANO TUTTE LE CARTUCCE ALLA PRIMA PARTITA DI CHAMPIONS, COSA FARANNO SE L’INTER ARRIVA IN FINALE?” – E POI EZIO PASCUTTI, PUCCINI, CERONETTI E QUEL RIMPIANTO... – VIDEO

-

Condividi questo articolo

Francesco Persili per Dagospia

 

RICCARDO CUCCHI RICCARDO CUCCHI

“Spero che tu non faccia le radiocronache come giochi a carte”. Lo scopone non è mai stato il punto forte di Riccardo Cucchi. Lo scoprì, a sue spese, anche Sandro Ciotti sul volo di ritorno dalla finale di Coppa Campioni che il Milan di Capello aveva vinto sul Barcellona per 4-0. In compenso, la sua inconfondibile voce per 35 anni ha contribuito a scandire, e a scolpire, la storia di “Tutto il calcio minuto per minuto”.

 

A un anno e mezzo dall’ultima radiocronaca, Inter-Empoli a San Siro, Cucchi ha dedicato alla radio e al calcio “un atto d’amore” in forma di libro, “Radiogol” (Il Saggiatore, pagine 269). “Non è un’autobiografia - spiega il giornalista Rai a "Dagospia" - ma un libro di narrativa, una serie di racconti in cui però personaggi e partite sono reali”.

cucchi cover cucchi cover

 

Romanzo popolare in presa diretta. Un viaggio tra le parole (“Più breve sei, più bravo sei”, secondo la regola aurea di Mario Giobbe) e i ricordi di quelle domeniche messe in musica da Lucio Dalla a vedere “le partite contro il muro e non allo stadio”. Ancelotti dice: "A me piace la radio. Il calcio è più emozionante se lo ascolti”. Ma siamo nel tempo delle pay tv e del calcio spezzatino.

 

ciotti ciotti

“Eppure anche oggi la radio si può ritagliare uno spazio importante - spiega Cucchi - Non terrà come un tempo incollati alle radioline 25 milioni di appassionati ma ha una sua funzione specialmente ora che le partite sono distribuite in diverse fasce orarie nel fine settimana. Diventa impossibile seguirle tutte dal divano. E negli spostamenti può tornare utile la radiocronaca”.

 

SANDRO CIOTTI ENRICO AMERI SANDRO CIOTTI ENRICO AMERI

Scorrono storie, battute e aneddoti memorabili. “Ma si può essere più coglioni di così?, esclamò Enrico Ameri, esasperato dall’ennesima interruzione di Ciotti. Dualismo alla Coppi e Bartali. “Ameri era trascinante, Ciotti più letterario. Aveva uno stile inimitabile, ricchezza lessicale (“la ventilazione inapprezzabile…) cultura e ironia”, prosegue Cucchi. “A Bari la giornata è languida come gli occhi di Ornella Muti”. Oppure di fronte alla giornata storta del direttore di gara Lo Bello: “Ha arbitrato di fronte a 60 mila testimoni”. Ogni epoca ha i suoi narratori ma “il radiocronista perfetto resta quello che riesce a essere una sintesi tra Ciotti e Ameri”.

trevisani adani trevisani adani

 

Riccardo Trevisani e “Lele” Adani di Sky sono finiti nel tritacarne social per l’esultanza al gol del 2-1 dell’Inter contro il Tottenham. “Io appartengo a un’altra scuola ma non mi scandalizza il loro commento. I tempi cambiano. Oggi con lo stile di Martellini e Pizzul non si riuscirebbe a tenere gli spettatori ‘attaccati’ alla tv. Piuttosto mi chiedo se si sparano tutte le cartucce alla prima partita di Champions, cosa faranno se l’Inter arriva in finale?”

 

“Vediamo Cannavaro salire in piedi sul tavolino. La Coppa, eccola. L’alza al cielo, la bacia, è nostra. E’ nostra, è nostra, è nostra. E’ di tutti gli azzurri, è di tutti gli italiani”. Cucchi non ha dubbi: la notte di Berlino nel 2006 è stata "la più emozionante" della sua vita. “Prima di me alla radio erano stati solo Carosio, nel ’34 e nel ’38, e Ameri, nel 1982, a raccontare la vittoria azzurra ai Mondiali. Io sono stato il terzo. Essere tra i pochissimi mi rende orgoglioso. E mi trasmette un’emozione fantastica”.

RICCARDO CUCCHI RICCARDO CUCCHI

 

La radio racconta storie “e alla fine ti racconta le persone”. Tra tutte, Cucchi sceglie l’intervista a Ezio Pascutti che si ritrovò incasellato a causa della catastrofe contro la Corea nella dimensione degregoriana di quei “calciatori tristi che non hanno vinto mai”.

 

“Era un grandissimo attaccante, conquistò anche uno scudetto ma fu coinvolto nel 1966 nella partita simbolo del disastro azzurro e non fu mai in grado di superare quella delusione…”.

 

CANNAVARO 2 CANNAVARO 2

Dalla Corea alla Svezia, da Mondino Fabbri a Ventura, “che si è trovato in una situazione difficile”: “Oggi il problema della Nazionale non è il ct ma la qualità dei calciatori più bassa rispetto al passato”. Manca il direttore d’orchestra, il Pirlo, il Totti della situazione. Perché poi il calcio e la musica sono più vicini di quanto si creda. “Una buona squadra è frutto dell’armonia di 11 strumentisti che devono essere capaci di interpretare un’idea di gioco”, scrive Riccardo Cucchi, grande appassionato di opera lirica.

 

Nel libro c’è anche un’intervista immaginaria a Giacomo Puccini. “L’omaggio ha tratto ispirazione dalle interviste impossibili di Guido Ceronetti”. Sette Mondiali, otto Olimpiadi e un rimpianto. “Avrei voluto raccontare la maratona di Dorando Pietri, che ai Giochi di Londra del 1908 arrivò primo e poi fu squalificato perché tagliò il traguardo sorretto dai giudici di gara. A rendere immortale la sua impresa fu Arthur Conan Doyle, il papà di Sherlock Holmes". Elementare, Cucchi.

 

CUCCHI CUCCHI CUCCHI CUCCHI CERONETTI CERONETTI Guido Ceronetti Guido Ceronetti fabio cannavaro fabio cannavaro CALCIO TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO CIOTTI CALCIO TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO CIOTTI CIOTTI AMERI CIOTTI AMERI cucchi empoli cucchi empoli CUCCHI CUCCHI STRISCIONE CUCCHI STRISCIONE CUCCHI

 

dorando pietri dorando pietri

pascutti pascutti

ARTHUR CONAN DOYLE ARTHUR CONAN DOYLE ceronetti ceronetti

 

Condividi questo articolo

media e tv

VIDEO: CORONA IN AMBULANZA! MICA L'HANNO MENATO IN VENTI, ''FURBIZIO'' RACCONTA AGLI INFERMIERI CHE I GRAFFI SE LI È FATTI SUI ROVI: ''SONO CADUTO TRA LE PIANTE''. LORO VOGLIONO PORTARLO IN OSPEDALE MA LUI VORREBBE RECUPERARE IL TELEFONO. ''MI HANNO TENUTO IN QUATTRO PUNTANDOMI IL COLTELLO ADDOSSO. HO FATTO 6 ANNI DI GALERA MA…''  - ALLORA CORONA A QUALCOSA SERVE: È IN CORSO AL "BOSCHETTO DELLA DROGA" DI ROGOREDO UN CONTROLLO DEI CARABINIERI PER ABBATTERE LE BARACCHE DEI PUSHER

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute