IL TORO SBANCA L’OLIMPICO 1-3: FURIA LAZIO CONTRO L’ARBITRO GIACOMELLI – DISASTRO VAR: NEL FINALE DI PRIMO TEMPO VIENE IGNORATO UN TOCCO DI IAGO CON LA MANO. POI IMMOBILE COLPISCE BURDISSO – L’ARBITRO NON DECRETA IL RIGORE E ESPELLE L’ATTACCANTE – INZAGHI PROTESTA: "E’ UNO SCANDALO" – IL RESPONSABILE COMUNICAZIONE DEL CLUB ARTURO DIACONALE TUONA: "LA LAZIO DA' FASTIDIO. CE LO DICANO, COSI' GIOCHIAMO SOLO IN EUROPA LEAGUE"

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

lazio torino lazio torino

 

La furia della Lazio si abbatte sull'arbitro Giacomelli. Da un possibile rigore a favore, i biancocelesti si ritrovano pochi secondi dopo in dieci uomini, per l'espulsione di Ciro Immobile. La sfida dell'Olimpico tra i biancocelesti e il Torino vive nell'ultimo minuto del primo tempo il momento più nervoso e decisivo, sul risultato ancora di 0-0 (alla fine i granata si impongono 3-1).

 

Nella stessa azione, si susseguono due episodi dubbi, con il direttore di gara che ricorre alla Var e fa inviperire i biancocelesti. Su cross di Immobile, Iago tocca da distanza ravvicinata il pallone con la mano; Giacomelli lascia proseguire e nella stessa azione l'attaccante prima centra il palo, poi cade nelle provocazioni di Burdisso e lo colpisce con un abbozzo di testata. Dopo il silent check e la Video Assistant Referee arriva la decisione di Giacomelli: niente rigore per la Lazio (ritenuto involontario il tocco col braccio dello spagnolo) e rosso per Immobile.

 

lazio torino 1-3 lazio torino 1-3

INZAGHI: "UNO SCANDALO" — Al rientro in campo dopo l'intervallo, Simone Inzaghi non si è placato e ha continuato nelle sue proteste: "E' uno scandalo - ha urlato il tecnico - e l'hanno pure rivista".

 

"ANCORA UNA VOLTA PENALIZZATI" — Già a fine primo tempo, Luis Alberto, intervistato da Premium, se l'era presa con l'arbitraggio: "E’ incredibile, anche dopo quello che è successo con la Fiorentina. Il rigore è nettissimo, è mano di Iago Falque. Burdisso ha detto che Ciro non l’ha toccato ma l’arbitro può fare tutto: così non si può giocare a calcio. Siamo penalizzati, sono successe cose contro di noi in molte partite, forse non piace che la Lazio sia quarta". Già contro la Fiorentina, la Lazio aveva protestato veementemente dopo il pari in extremis viola, con un rigore di Babacar assegnato dalla Var.

 

DIACONALE: NON CREDIAMO ALLA BUONA FEDE

Da www.gianlucadimarzio.com

 

Lazio sconfitta contro il Torino, tra le polemiche per il rigore non concesso e per la successiva espulsione di Ciro Immobile. Portavoce del pensiero della società biancoceleste è Arturo Diaconale, Responsabile della Comunicazione:

 

“E' stata una partita segnata da un pregiudizio grave e inquietante, che ha determinato l'andamento di questa partita - ha dichiarato in mixed zone - Non si può credere alla buona fede, rispetto a delle immagini che sono inequivocabili. Mi dispiace, ma evidentemente la posizione della Lazio dà fastidio. La buona fede presuppone tutt'altro, evidentemente la Lazio dà fastidio.

 

Ce lo dicano, così giochiamo soltanto in Coppa Uefa. Non si possono accettare cose di questo genere. Lo dico al nome della società, del presidente e della squadra. E' un episodio che segue tanti altri, sempre con qualche interprete ricorrente. Allora qualcosa non funziona e se non funziona c'è qualcosa che rischia di compromettere il campionato. Il VAR? E' un mezzo tecnico, non dà interpretazione. Ma se le persone lo fanno in maniera strumentale, danneggiano anche lo strumento

iago immobile lazio-toro iago immobile lazio-toro

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute