LA VOLATA CHAMPIONS SECONDO MARIO SCONCERTI: “COSA DISTINGUE ROMA, LAZIO E INTER? L’INTER È QUELLA CHE È MIGLIORATA DI PIÙ - ALLA LAZIO MANCA EQUILIBRO, LA ROMA FRA LE TRE È LA PIÙ PRONTA E CREDO ARRIVERÀ TERZA. RESTA DA VEDERE COME GESTIRÀ LA CHAMPIONS…”

-

Condividi questo articolo

Mario Sconcerti per il “Corriere della Sera”

 

SCONCERTI 4 SCONCERTI 4

Cosa distingue Roma, Lazio e Inter? L' Inter è quella che è migliorata di più. Già adesso ha 63 punti, uno in più rispetto a tutto lo scorso anno. Ha perso la metà delle partite di Roma e Lazio, 4 contro 7, ha la seconda miglior difesa. La Lazio ha gli stessi punti dell'anno scorso, la Roma 11 in meno, l' Inter 7 in più. I numeri dell' Inter sono abbastanza sorprendenti: ha una media gol di 1.63 a partita, non altissima ma con questa media avrebbe vinto 20 degli ultimi 60 scudetti.

 

LUCIANO SPALLETTI LUCIANO SPALLETTI

Il suo problema è che segnano solo pochi giocatori. Candreva, Borja Valero, Gagliardini, Miranda, Vecino, Karamoh, D' Ambrosio, lo stesso Joao Mario finché c' è stato, Rafinha, hanno segnato in tutto 2 reti.

 

Qualche spicciolo in più Eder, Skriniar e Brozovic. Questa rarità dell' uomo gol è stato il limite dell'Inter. Molto difficile diventare squadra se segnano solo in due, Icardi e Perisic, mancano le fondamenta stesse del gioco. Eppure l'Inter nei risultati squadra lo è stata. Solo 4 sconfitte, un anno fa Allegri ha vinto lo scudetto perdendo 5 volte. Credo sia stato lento ma bravo soprattutto Spalletti.

 

di francesco di francesco

Per la prima volta in tanti anni qualcosa è stato costruito. Il suo merito è essere rimasto attaccato a squadre più adulte come Roma e Lazio. Fino a poterle ancora raggiungere. In questo momento non c'è una terza o una quinta, restano tre squadre non equivalenti ma dentro la stessa classifica. Era molto tempo che non accadeva all' Inter. La Lazio è la squadra più diversa, le manca una riserva di Immobile e un Milinkovic più continuo.

 

simone inzaghi simone inzaghi

Anderson è stato il miglior rinforzo di gennaio apparso sul mercato di tutti. Prende troppi gol, 43, il doppio dell' Inter, ma segna tantissimo, 79 reti. Anche alla Lazio manca l'equilibrio ultimo. La Roma va per definizione a ondate, Di Francesco si ispira inconsciamente più alle visioni di Zeman che al rigore di Sacchi. Ha molti giocatori rapidi (Under, El Shaarawy, Perotti, Florenzi, Bruno Peres) che allungano gli avversari.

 

Poi ha la classe di Dzeko, ma anche la forza di Nainggolan e l' esperienza di Kolarov, De Rossi, Strootman. La Roma è la più completa, anche se discontinua, ha però tanti giocatori che decidono le partite. Fra le tre è la più pronta e anche quella che pretende di più da se stessa. Resta da vedere come gestirà la Champions. Credo arriverà terza, il resto sarà fra la consapevolezza della Lazio e le sorprese dell' Inter.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal