OMOSESSUALI IN BATTAGLIA - COSA SIGNIFICA ESSERE GAY O TRANS PER UN SOLDATO AMERICANO? L’ARTISTA CHELSEA KLEIN RACCOGLIE LE STORIE DEI VETERANI OMOSESSUALI E TRASFORMA I LORO SOGNI IN ARTE

“Among Dreams” (Tra i sogni) esplora i traumi, le storie e i sogni di soldati gay e bisex americani, ognuno alle prese con le proprie guerre interiori. L’artista li ha scovati, fotografati e intervistati. Ha attinto alle loro biografie e le ha confuse con i sogni e le speranze, inserendole in una dimensione nebbiosa, ipnotica, alla soglia tra il sonno e la coscienza...

Condividi questo articolo

Da http://hyperallergic.com

klein12 klein12

 

La mostra di Chelsea Rae Klein sarà esposta a San Francisco fino a metà novembre. L’artista ha trascorso due anni girando in lungo e in largo per gli Stati Uniti, alla caccia di veterani e militari omosessuali e transessuali.

 

Li ha scovati, fotografati e intervistati. Ha attinto alle loro biografie, le ha narrate in chiave quasi documentaristica. Poi ne ha fatto un collage trasponendole in una dimensione onirica, confondendole con i loro sogni e le speranze, in un’atmosfera nebbiosa, ipnotica, alla soglia tra il sonno e la coscienza.

klein10 klein10

 

Le opere abbracciano dal collage, ai testi, insegne al neon e video. A parte un piccolo numero di immagini più crude, il sogno e l’irrealtà vengono utilizzati come mediatori per divulgare i traumi di storie terribili e umilianti.  

 

La mostra è accompagnata da un archivio online dove ci si può tuffare più profondamente nelle storie dei soggetti di Klein. Come lo stupro del giovane soldato Ashley o quella di un membro della Marina bersaglio di una brutale caccia alle streghe. Ogni storia offre racconti strazianti di che cosa vuol dire essere gay nel mondo militaresco statunitense e non solo.

klein08 klein08

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

DIO PERDONA, FELTRI NO: “SELVAGGIA LUCARELLI, FORMIDABILE SCRITTRICE CHE SI DISTINGUE PER NON DIRE NIENTE DI INTELLIGENTE, SCRIVE CHE SONO UN NONNO RINCOGLIONITO. PER OFFENDERE UN ANZIANO BASTA RAMMENTARGLI DI ESSERLO. UNA TECNICA MISERABILE. C'È CHI SI RIFÀ LA REPUTAZIONE E CHI SI RIFÀ LE TETTE. LA LUCARELLI NON È IN GRADO DI RIFARSI LA PRIMA PERCHÉ NON L'HA MAI AVUTA, LE TETTE SE LE È GIÀ RIFATTE CON RISULTATI MEDIOCRI. SUL SUO CERVELLO NON MI ESPRIMO, NON L'HO SCOVATO”

politica

business

cronache

sport

cafonal