TAORMINA FATTA A MAGLIE - UNA VOLTA TANTO IL TAR INVECE DI BLOCCARE, SBLOCCA: LA MOSTRA CON I CAPOLAVORI DI ANTONELLO DA MESSINA RESTERÀ APERTA - IL SINDACO, DOPO AVER INCASSATO LE PHOTO OPPORTUNITY CON I LEADER MONDIALI DURANTE IL G7, AVEVA SBARACCATO TUTTO SENZA TANTI COMPLIMENTI, DANDO POI LA COLPA ALLA GIUNTA E AL VICESINDACO (CHE SI È DIMESSO)

-

Condividi questo articolo

 

 

Maria Giovanna Maglie per Dagospia

 

ANTONELLO DA MESSINA ANTONELLO DA MESSINA

Che faccio se sono un Comune che vive di turismo,  i riflettori di un evento internazionale mi hanno illuminato,  una mostra inaugurata in quei giorni ha prenotazioni  a migliaia? Sbaracco, che domande, segue scambio di accuse, ricorso al tribunale, e per fortuna è finita bene nonostante la gran figuraccia.

 

 Avevamo ragione noi di Dagospia a sostenere (Taormina fatta a Maglie) che fosse sbagliata e priva di senso alcuno la chiusura anticipata di una mostra che aveva riunito i capolavori di Antonello da Messina. Dopo i riflettori accesi dal G7  a Taormina, con tanto di  visita  delle first ladies alla mostra, con tanto di risonanza mondiale, e visitatori già prenotati  per settimane , la chiusura era avvenuta di prepotenza, senza preavviso e all'improvviso,  per una di quelle  prove di incapacità  e sordità  della pubblica gestione all'arte, al turismo, all'iniziativa privata e all'uso dei tesori del nostro paese.

 

melania trump Taormina melania trump Taormina

Ci ha pensato il Tar,  istituzione della quale spesso ci si lamenta ma che a volte interviene a proposito ed è costretto a farlo, che a Catania ha accolto l'istanza cautelare dell'avvocato Milena Mangalaviti, riconoscendo il diritto alla società Beni Culturali nei confronti del Comune di Taormina a proseguire la mostra Unescosites gia' in corso, e fissando la data per l'udienza cautelare  per il 5 luglio 2017, in modo che a nessuno venga in mente di fare altri scherzi.

 

Brigitte Macron a Taormina Brigitte Macron a Taormina

Dice l’ideatore dell'iniziativa, Roberto Celli: “ Dopo il grande successo di visibilita' del G7 e' davvero bello annunciare che la mostra rimarra' aperta, nonostante il clima di intimidazione esploso appena spenti i riflettori da parte di chi si e' adoperato solo a fare passerelle in conferenza stampa”.

 

melania trump a taormina melania trump a taormina

Ma perché a qualcuno a Taormina è venuto in mente il boicottaggio? A volte può più la stupidità burocratica del malaffare?

 

 Beni Culturali infatti  ha realizzato la mostra internazionale Unesco Sites in tre lingue, ha messo in sicurezza e a norma lo spazio espositivo di Palazzo Corvaja anticipando per conto del Comune  52mila euro, ha impreziosito la mostra, grazie al Comune di Genova, con l'arrivo del capolavoro di Caravaggio Ecce Homo, ha restaurato due dipinti, ha coprodotto con la Regione Sicilia l'arrivo di tre capolavori di Antonello da Messina:l’Annunciata, il Rritratto di Ignoto, e una tavoletta dipinta da entrambi le parti, da una parte è raffigurata la Madonna con Bambino e francescano in adorazione, dall'altra Cristo in Pietà .

 

roberto celli roberto celli

 

 Tutto inutile,  perché il comune, la Giunta, il sindaco, dopo aver insieme a tutte le autorità ospiti sgomitato in fotografie e servizi tv, scortando le first ladies, capitanate da Melania Trump e Bibi Macron, aveva sbaraccato senza tanti complimenti, nonostante l'accordo regolarmente sottoscritto di tenerla aperta fino al 30 giugno, perché aveva apparentemente firmato un altro accordo per gli stessi giorni per una mostra di Van Gogh.

 

Nell'incredibile pasticcio è finita sotto accusa l'intera giunta del Comune di Taormina, con il sindaco Eligio Giardina che si è chiamato fuori dalla contesa dicendo che lui di quella mostra non si era occupato, aveva troppo da fare con l'organizzazione del G7, e aveva delegato tutto al vicesindaco, Mario D'Agostino, il quale si è dimesso.

 

Eligio Giardina Eligio Giardina

 Unescosites rimarra' aperta tutti i giorni con i seguenti orari: dal lunedì al giovedì 10-19; venerdì, sabato domenica 10-22

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal