AHO, MANCO FOSSERO I CASAMONICA! - 170 AGENTI HANNO PERQUISITO LE SEDI DI DEUTSCHE BANK, DECINE DI PULMINI DELLA POLIZIA A SIRENE ACCESE PER ORE SOTTO LA SEDE DI FRANCOFORTE. L’ACCUSA È DI RICICLAGGIO, E L’INDAGINE PARTE DAI ‘PANAMA PAPERS’. C’ENTRANO LA PRIMA BANCA DANESE, L’AZERBAIJAN E 8 MILIARDI DI FONDI TRANSITATI PER I DUE ISTITUTI. E PURE LA MORTE DI DAPHNE CARUANA GALIZIA: TUTTI I DETTAGLI

-

Condividi questo articolo

 

DEUTSCHE BANK:CALO IN BORSA (-2%) CON INDAGINE SU DIPENDENTI

 (ANSA) - Deutsche Bank in calo in Borsa a Francoforte. La banca tedesca cede il 2,2% a 8,11 euro, all'indomani delle perquisizioni di alcuni uffici in Germania nell'ambito di una indagine su due dipendenti che avrebbero aiutato dei clienti a fondare società offshore in paradisi fiscali.

DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE

 

 

1 – GRANDE RETATA A DEUTSCHE BANK L' ACCUSA È DI RICICLAGGIO A PANAMA

Gianluca Baldini per “la Verità

 

Le prime foto della sede principale di Deutsche Bank a Francoforte emerse ieri mostravano una lunga fila di auto della polizia parcheggiate con le luci lampeggianti accese. Con un blitz, 170 inquirenti della polizia tedesca hanno perquisito le diverse sedi dell' istituto. Il sospetto è che la banca abbia aiutato i clienti a costituire entità offshore in paradisi fiscali, soprattutto le British Virgin Island, e non abbia adeguatamente allertato le autorità sul possibile riciclaggio di denaro.

 

L' indagine, iniziata nell' agosto di quest' anno, si concentra su due impiegati di 50 e 46 anni dell' istituto di credito e «su altri funzionari di cui non è stata resa nota l' identità», ha sottolineato la Procura di Francoforte.

 

«Le misure sono relative a sei uffici fra Francoforte (quartier generale del gruppo, ndr), Eschborn e Gross-Umstadt e coinvolgono un totale di circa 170 funzionari del Bundeskriminalamt, della Guardia di finanza e della polizia federale», ha commentato il procuratore Nadja Niesen che ha spiegato anche che gli inquirenti ieri hanno perquisito la residenza privata di uno dei sospettati. Le indagini riguardano attività avvenute tra il 2013 e il 2018.

 

DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE

Dal canto suo, Deutsche Bank ha assicurato piena collaborazione. «Per quanto ci riguarda, abbiamo già fornito alle autorità tutte le informazioni relative ai Panama papers», ha fatto sapere il gruppo. La banca «coopererà strettamente» in questa recente indagine «poiché è anche nostro interesse chiarire i fatti», continua la nota del colosso tedesco.

 

I sospetti della Procura tedesca sono nati infatti dopo aver esaminato con attenzione il contenuto dei Panama papers, il fascicolo composto da 11,5 milioni di documenti confidenziali creato dallo studio legale panamense Mossack Fonseca.

 

Nel dossier sono presenti informazioni dettagliate su oltre 214.000 società offshore, includendo le identità degli azionisti e dei manager. Inoltre, la Procura tedesca avrebbe iniziato a maturare dei sospetti sull' istituto guidato da Christian Sewing anche dopo aver visionato email e documenti segreti emersi con l' inchiesta chiamata Offshore leaks nel quale si fanno i nomi di 130.000 correntisti e 122.000 società di oltre 170 Paesi.

 

DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE

D' altronde solo nel 2016, riporta la stampa in Germania citando come fonte il pubblico ministero, oltre 900 clienti con un volume d' affari da 311 milioni di euro sarebbero stati assistiti nel compiere attività illecite da una sede di Deutsche Bank registrata nelle Isole Vergini Britanniche.

Ieri il numero uno del gruppo in Italia, Flavio Valeri, contattato a margine di un evento ha risposto «non ne so nulla» a chi gli chiedeva se l' inchiesta in corso in Germania potesse coinvolgere anche l' Italia.

 

Di certo tutto il fragore scatenato dalle indagini non è piaciuto agli investitori in Borsa. Il titolo ieri ha chiuso a 8,3 euro perdendo il 3,4%. Non poco rispetto agli 8,59 della seduta precedente. Anche il prezzo del prestito obbligazionario emesso da Deutsche Bank con scadenza ad aprile 2019 ieri ha toccato il minimo annuale in seguito alle accuse.

 

Sebbene non sia chiaro dove porterà questo filone di indagini, Deutsche Bank si conferma istituto perennemente nell' occhio del ciclone. Dal 2008 ad oggi, ha sborsato, per multe e dispute legali, qualcosa come 18 miliardi di dollari. In Europa, solo Royal Bank of Scotland Group ha fatto peggio, con un esborso di 18,1 miliardi. Un fattore che sta logorando la credibilità del gruppo, che da tempo appare inceppato. Nel terzo trimestre 2018 l' istituto tedesco ha comunicato conti con utili in calo del 65% a 229 milioni, un valore più basso rispetto alle attese degli analisti che stimavano una chiusura del periodo a quota 240 milioni di euro.

DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE DEUTSCHE BANK PERQUISIZIONI A FRANCOFORTE

 

Per questo il nuovo ceo arrivato ad aprile, Christian Sewing, sta continuando nell' opera di ristrutturazione iniziata dal suo predecessore John Cryan. Un progetto che prevede onerosi tagli del personale e un notevole abbattimento dei costi.

 

In più, secondo indiscrezioni di stampa, Tom Patrick, numero uno di Deutsche Bank negli Usa nominato da Cryan, potrebbe lasciare l' incarico, probabilmente entro fine anno. Del resto, proprio al di là dell' oceano dove il gruppo tedesco è particolarmente esposto, Deutsche Bank ha fallito lo stress test condotto dalla Fed.

 

deutsche bank 1 deutsche bank 1

Ora con tutti questi problemi e queste indagini in corso (di recente ne è emersa un' altra legata a Danske Bank) gli analisti hanno paura che il gruppo possa vacillare ancora di più e la dirigenza sia costretta a tagliare altri posti di lavoro.

 

 

2 – MILIARDI DI RUBLI INGUAIANO L' ISTITUTO

Alessandro da Rold per “la Verità”

 

Per chi ha seguito in questi anni le inchieste per riciclaggio su Danske Bank e Deutsche Bank, quella di ieri è stata la giornata della quadratura del cerchio. Perché se sulla prima banca danese ora è ufficiale l' indagine per riciclaggio, come scritto dalla polizia danese, le perquisizioni nella sede di Francoforte della seconda riportano le lancette indietro di ameno cinque anni, quando iniziò a comparire sui quotidiani il presunto scandalo sulla più grande operazione di riciclaggio di denaro delle ex repubbliche dell' Unione Sovietica.

 

Christian Sewing Deutsche Bank Christian Sewing Deutsche Bank

Nel 2014 fu Occrp, Organized crime and corruption reporting project, a parlare per la prima volta dei collegamenti bancari tra le banche russe, la Moldavia e la Lettonia, con il presunto riciclaggio di 20 miliardi di euro. Al centro dell' inchiesta spuntò fuori pure Igor Putin, cugino del presidente e nel board di Rzb Bank.

 

Ma è sempre Occrp nel 2017 a dare seguito a a una nuova inchiesta che questa volta riguarda l' Azerbaigian. Si parlò di Azerbaijani Laundromat, circa 16.000 operazioni bancarie realizzate da società nel Regno Unito ma controllate nei paradisi fiscali (Isole Marshall, Belize e Isole Vergini britanniche), che avrebbero fatto transitare in Europa circa 2,5 miliardi di euro tra il 2012 e 2014.

 

Da dove sarebbero transitati?  Dalla filiale estone di Danske Bank. E a chi sarebbero andati questi soldi? A diversi politici - come scritto da Elena Gerebizza, cofondatrice dell' associazione Re:Common - tra cui il tedesco Eduard Lintner, ex parlamentare e sottosegretario di Stato della Csu (alleato della Cdu di Angela Merkel). Fino al 2010, Lintner è stato vicepresidente e membro del Comitato di monitoraggio dell' Assemblea parlamentare del Consiglio d' Europa.

 

L' inchiesta attuale su Danske Bank riguarda altri 8 miliardi di euro sospetti transitati dalla filiale estone, tra il 2007 e il 2015. Quello che è emerso in queste ore è che la stessa Deutsche Bank era a conoscenza di quello che stava facendo la filiale estone di Danske. «Non ci vuole molto per rendere gli investitori della Danske Bank nervosi in questi giorni», ha detto a Bloomberg Mikkel Emil Jensen, analista di Sydbank.

DEUTSCHE BANK DEUTSCHE BANK

 

«Il raid della Deutsche potrebbe essere collegato a Danske, ma c' è molta incertezza. E sappiamo che c' erano collegamenti tra le transazioni di Deutsche e Danske». Del resto la grande banca danese ha utilizzato Deutsche, Jp Morgan Chase & Co. e Bank of America per convertire fondi sospetti in dollari ed euro. E sempre secondo gli analisti di Bloomberg Intelligence, le tre banche «potrebbero essere soggetti a multe significative da parte delle autorità statunitensi».

 

Ma allo stesso tempo Deutsche «potrebbe essere quella più esposta» perché ha mantenuto con Danske il rapporto più solido in questi anni. Non a caso, proprio una settimana fa la banca tedesca aveva diramato un comunicato dove annunciava di aver chiuso i rapporti con la filiale Estone già nel 2015, per movimento sospetti. Jp Morgan invece aveva deciso di interrompere ogni tipo di collaborazione già nel 2013, perché già sospettava operazioni sospette.

Daphne Caruana Galizia Daphne Caruana Galizia

 

Deutsche Bank invece ha continuato tranquillamente a effettuare bonifici in dollari per conto dei clienti della filiale estone di Danske. La domanda che si fanno gli investigatori è per quale motivo Deutsche abbia continuato a operare nonostante già Jp avesse già chiuso i rubinetti. Del resto, l' istituto di credito tedesco era già stato costretto a pagare una multa di 630 milioni di dollari con le autorità di New York per chiudere le accuse di aver riciclato denaro di magnati russi.

 

Secondo le accuse, i dipendenti dell' istituto avevano aiutato ricchi cittadini compaesani di Dimitry Medvedv a spostare il denaro all' estero. Il New York department of financial services impose una sanzione da 425 milioni di dollari, mentre fu di 163 milioni di pound, pari a 204 milioni di dollari, quella comminata dalla Financial conduct authority.

 

danske bank danske bank

Stando al dipartimento Servizi finanziari, i clienti compravano azioni di imprese russe in rubli e la filiale londinese della banca dava poi ordine di rivenderle immediatamente allo stesso prezzo. I proventi venivano registrati da società basate in paradisi fiscali. Lo stesso schema utilizzato con Danske. L' indagine prosegue. E non è detto che possa di nuovo emergere il ruolo degli azeri, impegnati in Italia per il gasdotto Tap.

danske bank 2 danske bank 2 danske bank 1 danske bank 1

 

Condividi questo articolo

business