AMAZON PIGLIATUTTO - CONOSCETE "AWS"? FORSE NO, EPPURE È LA GALLINA DALLE UOVA D’ORO DI JEFF BEZOS: LA MEGA NUVOLA FORNISCE SERVIZI ALLE IMPRESE E FRUTTA LA METÀ DEI PROFITTI DEL GRUPPO (PIÙ DI UN MILIARDO E MEZZO NEL SECONDO TRIMESTRE 2018) - NEGOZI FISICI, PUBBLICITÀ E ABBONAMENTI: ECCO COME AMAZON STA CONQUISTANDO IL MONDO (DAVVERO)

-

Condividi questo articolo

Maria Teresa Cometto per “l’Economia - Corriere della Sera”

JEFF BEZOS AMERICAN GOTHIC JEFF BEZOS AMERICAN GOTHIC

 

La vera «macchina» macina-profitti di Amazon è invisibile agli occhi degli oltre 100 milioni di abbonati al suo servizio Prime e agli altri milioni clienti.

 

È l' enorme infrastruttura informatica di Aws (Amazon web services) specializzata nei «servizi nella nuvola» alle imprese: la gestione via Internet di una serie di funzioni - compresi l' analisi di Big data, le applicazioni dell' intelligenza artificiale e il machine learning - che fa realizzare grandi risparmi ai clienti rispetto al tradizionale sistema sui computer aziendali. Fra i nuovi clienti spiccano il gigante americano telecom Verizon, la Major league baseball e la Formula uno.

 

JEFF BEZOS POMPATISSIMO JEFF BEZOS POMPATISSIMO

E così oltre la metà dei profitti operativi del secondo trimestre 2018, cioè 1,6 miliardi su 3 miliardi di dollari, è stata generata proprio da Aws, il cui fatturato rappresenta solo l' 11,5% del totale. Ma il business della «nuvola» ha il margine di profitto più alto fra tutte le attività di Amazon: il 27% contro il 5,6% del totale.

 

I grandi investimenti che negli anni scorsi Jeff Bezos ha deciso, ignorando le critiche di chi si lamentava per le spese sostenute e le perdite accumulate, stanno producendo risultati: da tre anni Amazon non ha più chiuso un bilancio in rosso e lo scorso trimestre è stato il terzo di fila con profitti superiori al miliardo di dollari.

whole foods whole foods

 

Le vendite online continuano a fare la parte del leone con un fatturato trimestrale di 27,2 miliardi di dollari sul totale di 52,9. Ma anche nell' ecommerce contano sempre di più i servizi: quelli ai venditori «terzi» che usano la piattaforma di Amazon per pubblicizzare e distribuire i loro prodotti e che sulle proprie vendite devono pagare il 15% ad Amazon.

 

Le vendite in negozi fisici hanno raggiunto i 4,3 miliardi di dollari lo scorso trimestre, quasi tutti realizzati dalla catena americana di supermercati Whole foods comprata da Bezos nell' agosto 2017: è il 16% in più del fatturato che da sola Whole foods aveva raggiunto un anno fa.

 

amazon echo con alexa amazon echo con alexa

Un aumento dovuto agli sconti offerti da Amazon agli abbonati al suo servizio Prime che hanno iniziato a fare la spesa in quei supermercati. E che ora negli Usa pagano 119 dollari l' anno - il 20% in più di prima - per un pacchetto di benefit come la consegna gratuita a domicilio delle merci comprate e l' accesso a video e musica in streaming.

JEFF BEZOS JEFF BEZOS

 

Altro business è la pubblicità digitale, che ha raggiunto circa 2 miliardi di fatturato trimestrale, oltre il doppio di un anno fa. È ancora poco, ma preoccupa già i leader di questo settore, Google e Facebook, perché il sito di Amazon è sempre più usato in alternativa a Google da chi cerca un prodotto e agli inserzionisti offre il vantaggio di sapere quanti reali acquisti la pubblicità genera davvero.

reso amazon reso amazon

 

L' unico punto debole sono le attività internazionali, ancora in rosso, pur con meno perdite operative: 494 milioni contro i 724 del secondo trimestre 2017.

 

Ma non per questo Bezos rinuncia al suo sogno di conquistare l' intero mondo.

amazon jeff bezos amazon jeff bezos

Nei prossimi mesi arriverà anche in Italia, Spagna e Messico lo speaker «intelligente» Echo con l' assistente virtuale Alexa, già disponibile in altri Paesi, dalla Gran Bretagna al Giappone.

 

Wall Street applaude: le quotazioni di Amazon sono raddoppiate negli ultimi 12 mesi (mentre l' indice di Borsa del Nasdaq è cresciuto solo del 25% e il Dow Jones del 15%) e oscillano attorno ai massimi storici. Il suo valore in Borsa, a 925 miliardi, sta avvicinandosi alla soglia del trilione, superata finora solo da Apple.

 

amazon amazon

E grazie a questo Bezos è diventato l' uomo più ricco al mondo con 112 miliardi di dollari di fortuna personale, sfidando gli scettici. Che non smettono però di sottolineare la grande differenza fra Apple e Amazon: il prezzo di un' azione è 19 volte i profitti per la Mela e 152 volte per Amazon. Un livello quanto a lungo sostenibile?

andreas gursky amazon centre phoenix andreas gursky amazon centre phoenix l impero di amazon jeff bezos l impero di amazon jeff bezos amazon healthcare amazon healthcare amazon amazon amazon palinsesto amazon palinsesto Amazon Amazon amazon in car delivery amazon in car delivery

 

Condividi questo articolo

business