CARA TI COST LA LOW COST - ''HO FATTO UN PASTICCIO, SCUSATEMI'': IN UN VIDEO IL CAZZONE MICHAEL O'LEARY SI PRENDE LA RESPONSABILITÀ PER IL DISASTRO RYANAIR - MA DOPO AVER LASCIATO A TERRA CENTINAIA DI MIGLIAIA DI ITALIANI PER LA CANCELLAZIONE DEI VOLI (CAUSA FUGA DEI PILOTI, MICA FERIE), LE SUE CHANCES PER ALITALIA PRECIPITANO: TORNANO IN TESTA LUFTHANSA ED EASYJET

-

Condividi questo articolo

1.RYANAIR: O'LEARY A DIPENDENTI, 'HO FATTO PASTICCIO, SCUSATE'

RYANAIR RYANAIR

 (ANSA) - "Abbiamo fatto un pasticcio e per questo chiedo scusa, personalmente, a ognuno di voi". Lo afferma Michael O'Leary, amministratore delegato di Ryanair, in un video, che dura poco più di 3 minuti e 40 secondi e ottenuto dal Corriere della Sera, inviato alla rete interna dell'azienda venerdì 22 settembre. L'ad parla "dal centro operativo di Dublino di Ryanair" e si scusa "per gli inconvenienti causati a ognuno di voi per i problemi di disponibilità del personale" e con i 315 mila viaggiatori.

 

"Stiamo facendo di tutto per risolvere la questione e fare in modo che non accada mai più". Poi si rivolge ai piloti: "Grazie a quelli di voi che sono tornati a lavorare rinunciando a parte del loro periodo di riposo annuale - continua O'Leary -. Abbiamo chiaramente fatto male i calcoli con il personale e soprattutto sbagliato la distribuzione delle 4 settimane di stop previste per legge", dice parlando poi di chi "ci aveva assicurato di avere per la stagione estiva (che in aviazione finisce il 28 ottobre, ndr) un numero sufficiente di piloti, cosa che chiaramente non era vera".

 

O'Leary poi annuncia: "Scriveremo a tutti voi piloti chiedendovi di tornare a lavorare in una delle quattro settimane di riposo che potrete recuperare entro la fine dell'anno e garantendovi le altre tre" e afferma di essere disposto ad ascoltare le richieste della rappresentanza sindacale. "Quando sbagliamo lo ammettiamo e per questo vi chiedo scusa personalmente - conclude- Mi spiace la reputazione di Ryanair sia stata danneggiata e che questo abbia finito per danneggiare anche voi".

 

 

 

  1. VENDITA ALITALIA, ORA È CORSA A DUE LUFTHANSA IN POLE EASYJET LA SFIDA

Umberto Mancini per ''Il Messaggero''

 

Non sarà facile per Ryanair recuperare terreno nella corsa ad Alitalia. Data per favorita nello sprint finale, insieme a Lufthansa per rilevare la parte aviation della ex compagnia di bandiera, ora ha il vento contrario. Ad accorgersene il vulcanico ceo della compagnia Michael ÒLeary che, sotto il peso di 2.100 voli cancellati in 6 settimane e più di 300 mila passeggeri coinvolti, ha chiesto scusa, impegnandosi a velocizzare i rimborsi.

michael o leary all assemblea degli azionisti ryanair michael o leary all assemblea degli azionisti ryanair

 

Un passo obbligato dopo aver incassato le durissime critiche dei sindacati (che mettono sotto accusa le condizioni di lavoro delle low cost), quelle tecniche dell'Enac (preoccupato per i disagi causati ai viaggiatori) e i dubbi del governo sull'approccio aggressivo degli irlandesi al mercato. L'elemento centrale, all'attenzione dell'esecutivo, resta l'affidabilità complessiva del vettore sia sul fronte delle tutele di piloti e hostess che su quello dei diritti dei passeggeri.

 

La soppressione di migliaia di voli, annunciata con poco preavviso e il caos che ne è seguito, hanno gettato ombre evidenti. Un vantaggio per Lufthansa, grande favorita nella volata finale, ma anche per EasyJet che a fari spenti vuole crescere sul mercato, magari alleandosi con un altro vettore di lungo raggio, dopo l'intesa con il fondo Elliot. La low cost sta affilando le armi per approfittare della proroga di due settimane concessa da Luigi Gubitosi, Enrico Laghi, Stefano Paleari per la presentazione delle offerte. Anche se resta ferma, almeno per ora, la scadenza del 5 novembre per perfezionare l'accordo definitivo.

 

A FARI SPENTI

michael o leary ryanair michael o leary ryanair

Proprio EasyJet vuole differenziarsi radicalmente da Ryanair, adottando un profilo istituzionale e sobrio. L'obiettivo è battere in volata il concorrente irlandese, sulla carta molto più forte e aggressivo. Del resto la sentenza della Corte di giustizia Ue che invita la compagnia di OLeary a non imporre la legislazione irlandese agli equipaggi che sono basati in altri Stati membri, può rappresentare un ostacolo non da poco nello volata per acquisire Alitalia.

 

Vincerà la partita, è evidente, il piano che darà le maggiori garanzie sul fronte occupazionale e su quello industriale. Il che significa, al di là dei tatticismi, che lo scopo dei commissari, è quello di mantenere i livelli retributivi attuali e di personale, almeno nel settore volo.

 

ALITALIA EASY JET ALITALIA EASY JET

Una posizione, quella garantista, ribadita recentemente proprio dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio, molto freddo in questi giorni nei confronti di Ryanair, e ben nota ai tre commissari. Del resto nell'intesa finale i paletti sulle tutele saranno scritte nero su bianco. Per arrivare al closing si dovrà comunque aspettare luglio. La corsa è ancora lunga e i commissari ci tengono a tenere tutti sulla corda. Maggiore è la competizione, più possibilità ha la vecchia Alitalia di salvarsi.

Alitalia_Ryanair Alitalia_Ryanair

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal