CHI MORDE ER VIPERETTA? - I CINEMA ROMANI DI MASSIMO FERRERO MESSI ALL'ASTA DAI GIUDICI: ''NON LI MOLLERÒ MAI. LA CAUSA? PROBLEMI CON UN MUTUO MA LI RISOLVEREMO. I DIPENDENTI POSSONO STARE TRANQUILLI'' - TRA TUTTI, IL PEZZO PIÙ PREGIATO È L'ADRIANO, CHE DA SOLO È VALUTATO 27 MILIONI, MA CI SONO ANCHE IL REALE, L'AMBASSADE E L'ATLANTIC

-

Condividi questo articolo

Lorenzo De Cicco per il Messaggero

 

PIAZZA CAVOUR CINEMA ADRIANO PIAZZA CAVOUR CINEMA ADRIANO

Del ghigno da mattatore, della sparata sempre sul filo del fuorigioco politically correct, dell' esuberanza come stile di vita, stavolta non c' è traccia.

 

Stupisce un po', ma d' altronde la vicenda è seria e anche il tono di Massimo Ferrero, in qualche modo, si adegua. Il Tribunale civile di Roma, come ha raccontato ieri Il Messaggero, ha messo all' asta quattro delle undici sale cinematografiche in mano al vulcanico patron della Sampdoria, ora effervescente protagonista della scena pallonara, che ha costruito la sua fortuna in un altro mondo, quello del cinema: cominciò da comparsa, poi produttore e alla fine i cinema se li è comprati, e tanti. Ecco perché, ora che rischia di perderne una buona fetta, dice «mi batterò fino alla morte, perché ho ragione».

 

«SONO NATO NEL CINEMA»

massimo ferrero one man show al premio colalucci (11) massimo ferrero one man show al premio colalucci (11)

Il pezzo pregiato delle sale messe all' asta dal Tribunale è lo storico Cinema Adriano di Roma, che da solo varrebbe almeno 27 milioni di euro, così hanno scritto i periti nel provvedimento di «vendita forzata» per risarcire un creditore, provvedimento che comprende anche l' Atalantic, il Reale e l' Ambassade. L' asta è già stata fissata per il 16 ottobre; messi insieme i vari lotti valgono almeno 43 milioni di euro. Ferrero, quando accetta di commentare la vicenda, si dice tranquillo, ma dosa le parole. «Sono nato nel cinema e fino a quando ci saremo noi - assicura - l' Adriano non chiuderà mai».

 

Non solo perché lui è il primo ad avere qui, nel complesso inaugurato nel 1898 come teatro, il suo ufficio romano. «Penso anche ai dipendenti, voglio dire con chiarezza che non ci sono problemi per quanto riguarda i posti di lavoro, che difenderemo sempre, questo è l' importante. Per l' Adriano mi batterò fino alla morte, perché ho ragione.

massimo ferrero a miss italia 35 massimo ferrero a miss italia 35

E lo stesso vale per le altre sale».

 

«CAUSA IN CORSO»

Sulla vicenda giudiziaria, che nasce dal contenzioso con una società che si occupa del recupero dei crediti deteriorati per conto di banche e industrie, Ferrero non si addentra perché, spiega più volte, «la causa è ancora in corso». Insomma la partita è aperta. «La verità è che c' è un contenzioso in atto su un mutuo ereditato, siamo fiduciosi, stiamo trattando per chiudere questo contenzioso». E i debiti? «Ma no, la situazione debitoria è in linea».

 

«LA SAMP NON C' ENTRA»

massimo ferrero massimo ferrero

Una volta rassicurati i dipendenti delle sue multisale, sparpagliate dal Padovano a Ragusa, passando per Bologna e la provincia di Pisa, come aveva fatto il nipote Giorgio che segue per conto della famiglia il ramo cinema, Ferrero scaccia le ombre anche dal settore che lo ha reso famoso in tutta Italia, quello calcistico: «La Sampdoria con questa storia non c' entra nulla, i tifosi possono stare tranquilli. Dei cinema non me ne occupo più io personalmente. E questa situazione che è, come dire, in transito non incide minimamente sulle altre attività, che sono in ottima salute e che hanno gestioni separate».

CINEMA ADRIANO CINEMA ADRIANO

 

Condividi questo articolo

business