IL CREDITO VALTELLINESE (CREVAL) PERDE MENO DEL PREVISTO, MA HA CHIUSO IL 2017 CON UN ROSSO DI 332 MILIONI – I REQUISITI PATRIMONIALI SUPEREREBBERO EVENTUALI STRESS TEST, MA E’ LA CENERENTOLA DELLE BANCHE ITALIANE – L’AUMENTO DI CAPITALE DA 700 MILIONI SI DOVREBBE CHIUDERE IN TEMPO PER LE ELEZIONI 

-

Condividi questo articolo

 

Elena Del Maso per www.milanofinanza.it

 

credito valtellinese credito valtellinese

Il Creval  ha chiuso il 2017 con una perdita netta di 332 milioni, in calo dello 0,38% rispetto ai 333,1 milioni dello stesso periodo 2016. Banca Imi però si era attesa un rosso di 429 milioni di euro. Intanto il titolo cede a Piazza Affari lo 0,85% a 10,55 euro alle ore 10:55, mentre tutti gli indici continuano a viaggiare in perdita. Il margine di interesse nel 2017 cala a 392 milioni (-7% anno su anno), anche in questo caso gli analisti di Banca Imi si erano aspettati una cifra leggermente inferiore, 388 milioni.

 

Scende anche la raccolta diretta a 19,6 miliardi dai 21,1 miliardi nel 2016. Quella indiretta si attesta a 11,3 miliardi registrando una flessione del 3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. I proventi operativi raggiungono 508 milioni di euro a fronte di 708 milioni di euro del periodo di confronto. Gli oneri operativi totalizzano 492 milioni di euro rispetto a 590 milioni di euro del 2016.

palazzo sertoli sede credito valtellinese palazzo sertoli sede credito valtellinese

 

In attesa dell’avvio dell'aumento di capitale da 700 milioni di euro, che dovrebbe concludersi entro le elezioni del 4 marzo prossimo, il patrimonio netto di pertinenza del gruppo al 31 dicembre 2017 cala a 1,442 miliardi di euro rispetto a 1,753 miliardi al 31 dicembre 2016. Il patrimonio netto tangibile al 31 dicembre 2017 è di 1,398 miliardi rispetto a 1,708 miliardi di euro al 31 dicembre 2016 e a 1,316 miliardi del 30 settembre scorso.

 

Il Cet 1 ratio phased in è al 10,6% così come il Tier 1, mentre il Total  capital ratio si attesta al 12,5%, dati superiori rispetto ai requisiti patrimoniali specifici minimi Srep stabiliti per il gruppo Creval , ma sotto la media di mercato degli istituti italiani. Al 30 giugno il Cet 1 di Mediobanca  si assestava al 13,5%, quello di Bper  al 13,17%, Intesa Sanpaolo  era al 13%, Unicredit  al 12,8%.

 

credito valtellinese credito valtellinese

Venerdì sera a mercati chiusi il Creval  ha comunicato che Commerzbank  e Jefferies in qualità di Senior Joint Bookrunners e Keefe, Bruyette & Woods ed Equita  Sim in qualità di Joint Bookrunner, sono entrati a far parte del consorzio di garanzia dell'aumento di capitale previsto dal nuovo piano industriale del gruppo per un importo massimo di 700 milioni di euro, sottoscrivendo un accordo di pre-underwriting in linea con quello sottoscritto dalle altre banche già presenti nel consorzio.

 

Condividi questo articolo

business

BANG! DUELLO IN CASA BENETTON - IL FUOCO HA COVATO SOTTO LE CENERI PER 15 ANNI E ORA È ERUTTATO. QUANDO NEL 2006 LUCIANO BENETTON CHIESE A TUTTI I FAMILIARI DI FARE UN PASSO INDIETRO DALLA SOCIETÀ DI FAMIGLIA, FRANCA BERTAGNIN, FIGLIA DELLA SORELLA GIULIANA, NON LA PRESE BENE. E ORA E' FINALMENTE GIUNTO IL MOMENTO DELLA VENDETTA - FRANCA, CONSIGLIATA DALL’EX MION?, HA PROPOSTO AL PRESIDENTE FABIO CERCHIAI E ALL’AD MARCO PATUANO UN RINNOVO PER UN SOLO ANNO, ANZICHE' I TRE PREVISTI DALLO STATUTO