DRAGHI, BASTONATA E CAROTINA: ‘LE POLITICHE INSOSTENIBILI ALLA FINE CONDUCONO AD AGGIUSTAMENTI SOCIALMENTE DOLOROSI E PIÙ AUSTERITÀ. MA SONO FIDUCIOSO CHE SI TROVI L’ACCORDO SULL’ITALIA, C’È UN DIALOGO CON L’UE’ - E IL BAZOOKA? ‘LA FINE DELL’ACQUISTO DEGLI ASSET È CONFERMATO PER DICEMBRE. MA LO STIMOLO MONETARIO È TUTTORA NECESSARIO. UNA PARTE DEL RALLENTAMENTO DELL’ECONOMIA PUÒ ESSERE TEMPORANEA’

-

Condividi questo articolo
  1. DRAGHI: POLITICHE INSOSTENIBILI ALLA FINE PORTANO A PIÙ AUSTERITÀ

Da www.ilsole24ore.com

 

«Politiche insostenibili conducono alla fine ad aggiustamenti socialmente dolorosi e finanziariamente costosi che possono minare la coesione dell'Unione monetaria». Lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi al Parlamento Ue.

mario draghi mario draghi

 

«I dati disponibili dalla mia ultima visita a settembre sono stati più deboli delle attese. Un graduale rallentamento è normale mentre l'espansione matura e la crescita converge verso il potenziale di lungo termine. Parte del rallentamento può essere anche temporaneo. Allo stesso tempo, i rischi legati al protezionismo, vulnerabilità nei mercati emergenti e volatilità nei mercati finanziari resta prominente».

 

«Il Consiglio dei governatori continua ad anticipare che, soggetto ai prossimi dati sulle prospettive d'inflazione a medio termine, gli acquisti netti di asset finiranno alla fine di dicembre. Allo stesso tempo le attuali incertezze richiedono tuttora pazienza, prudenza e persistenza nel calibrare il profilo della nostra politica monetaria», ha aggiunto Draghi, secondo il quale «un significativo stimolo di politica monetaria è tuttora necessario per sostenere l'ulteriore aumento delle pressioni dei prezzi interni e gli sviluppi nel medio termine». E ha aggiunto che «ci sono buone ragioni per avere fiducia di un aumento dell'inflazione ‘core».

 

CONTE JUNCKER CONTE JUNCKER

  1. BCE: DRAGHI, FINE ACQUISTI ASSET DICEMBRE, MA STIMOLO MONETARIO SEMPRE NECESSARIO (RCOP)

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - 'Il Consiglio dei governatori continua ad anticipare che, soggetto ai prossimi dati sulle prospettive d'inflazione a medio termine, gli acquisti netti di asset finiranno alla fine di dicembre. Allo stesso tempo le attuali incertezze richiedono tuttora pazienza, prudenza e persistenza nel calibrare il profilo della nostra politica monetaria'. Lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi all'audizione in corso all'Europarlamento presso la commissione problemi economici. Draghi ha aggiunto che 'un significativo stimolo di politica monetaria e' tuttora necessario per sostenere l'ulteriore aumento delle pressioni dei prezzi interni e gli sviluppi nel medio termine'. E ha aggiunto che 'ci sono buone ragioni per avere fiducia di un aumento dell'inflazione 'core'.

conte juncker 3 conte juncker 3

 

  1. BCE: DRAGHI, UNA PARTE DEL RALLENTAMENTO ECONOMIA PUO' ESSERE TEMPORANEA

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Una parte del rallentamento dell'economia 'puo' essere temporaneo'. Cosi' il presidente della Bce Mario Draghi in audizione all'Europarlamento in merito ai segnali di rallentamento economico citando la dinamica del settore auto e la stabilizzazione del commercio globale a un livello piu' basso. Tuttavia i rischi relativi al protezionismo, le vulnerabilita' nei mercati emergenti e la volatilita' dei mercati finanziari 'restano importanti'.

 

  1. DDL BILANCIO: DRAGHI, FIDUCIOSO CHE SI TROVI ACCORDO SULL'ITALIA, C'E' DIALOGO CON UE

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - 'La situazione attuale e' che c'e' un dialogo, sono sempre fiducioso che si possa arrivare ad un accordo'. Cosi' ha risposto il presidente della Bce Mario Draghi a una domanda sull'Italia e il confronto con Bruxelles sulla legge di bilancio. 'Non vedo l'opportunita' di commentare la situazione italiana, ho detto sempre che i Paesi con un alto debito devono ridurlo, se lo riducono si rafforzano', ha aggiunto Draghi.

TRIA E MOSCOVICI TRIA E MOSCOVICI

 

 

Condividi questo articolo

business