ESSELUNGA ALLUNGA IL PASSO: SFIORATI GLI 8 MILIARDI DI VENDITE - IL GRUPPO DEI CAPROTTI DIMEZZA IL DEBITO E PREPARA IL RIASSETTO PER LIQUIDARE GIUSEPPE E VIOLETTA E MANTENERE IL 100% IN MANO A GIULIANA E MARINA - LE VENDITE ONLINE CRESCONO DEL 28%, MENTRE I SUPERSTORE SONO ARRIVATI A 158, CON OLTRE 23MILA DIPENDENTI

-

Condividi questo articolo

Teodoro Chiarelli per "la Stampa"

 

Anche il 2018 vede Esselunga in crescita. Lo scorso anno le vendite del gruppo dei supermercati hanno toccato i 7.914 milioni di euro, con un incremento del 2,1% sul 2017. L' e-commerce è balzato del 28%, superando i 236 milioni. Il che significa che ogni 100 euro di ricavi, 3 sono realizzati on-line. Numeri che iniziano a essere importanti. Sono stati investiti 258 milioni, con l' apertura di tre nuovi store a Pistoia, Vimercate e Milano Famagosta, oltre alla riapertura di Verona. Il che porta la rete Esselunga a 158 superstore distribuiti fra Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e Liguria, per un totale di oltre 23 mila dipendenti. Si tratta di dati preliminari: per conoscere l' utile bisognerà aspettare febbraio.

giuliana albera caprotti, vincenzo mariconda e marina sylvia caprotti giuliana albera caprotti, vincenzo mariconda e marina sylvia caprotti

 

Entro giugno, invece, si dovrebbe definire la procedura che porterà la vedova di Bernardo Caprotti, Giuliana Albera Caprotti, e la figlia Marina, a salire al 100% della holding Supermarkets Italiani, liquidando i figli del primo matrimonio del fondatore, Violetta e Giuseppe, che oggi controllano il 30% del capitale.

 

Il risultato 2018 viene considerato doppiamente positivo nella sede di Pioltello, in provincia di Milano, per almeno tre buone ragioni. Innanzitutto perché Esselunga ha scelto l' anno scorso di mettere sugli scaffali prodotti a prezzi costanti, sterilizzando l' inflazione. La crescita del fatturato, inoltre, è un risultato in controtendenza, visto il calo dei consumi registrato nella seconda parte del 2018 in Italia. Infine, è un aumento di ricavi raggiunto a perimetro quasi invariato, visto che non ci sono state significative nuove aperture di punti vendita.

GIULIANA ALBERA CON IL MARITO BERNARDO CAPROTTI E LA FIGLIA MARINA SYLVIA GIULIANA ALBERA CON IL MARITO BERNARDO CAPROTTI E LA FIGLIA MARINA SYLVIA

 

Ma, soprattutto, a dicembre, grazie a una forte generazione di cassa, Esselunga ha dimezzato a 436 milioni l' indebitamento finanziario netto che a fine 2017, dopo l' acquisto di Villata Partecipazione e l' emissione di bond per 1 miliardo, era arrivato a 848 milioni. Un' operazione, quella dell' acquisto della società che ha in pancia gli immobili del gruppo, che è stata fondamentale nel riassetto che ha suggellato la pace tra gli eredi di Caprotti. Ora all' orizzonte c' è la conclusione di quell' operazione.

 

Pochi giorni fa Giuliana Albera e Marina hanno esercitato il diritto di acquisto del 30% di Supermarkets Italiani ancora in mano a Violetta e Giuseppe. A determinare il prezzo d' acquisto sarà un collegio arbitrale, ma la conclusione della procedura è attesa non prima della metà dell' anno. Secondo alcune fonti il pacchetto potrebbe valere oltre 3 miliardi di euro.

 

esselunga esselunga

Una volta ottenuto il controllo totale dell' azienda, Giuliana e Marina Caprotti avranno mano libera sul futuro del gruppo. Le opzioni sul tavolo sono diverse, a partire dalla quotazione in Borsa . A seguire le diverse opzioni è in prima fila la boutique d' affari inglese Zaoui & Co.

 

Condividi questo articolo

business