FURBETTI FOR LIFE - FIORANI INDAGATO PER RICICLAGGIO: L'EX BANCHIERE D'ASSALTO DELLA POPOLARE DI LODI FINISCE DI NUOVO NEI GUAI PER IL SUO RUOLO NEL GRUPPO DI GABRIELE VOLPI, POTENTE E RICCHISSIMO IMPRENDITORE LIGURE CON ATTIVITÀ DALLO SPORT AL PETROLIO NIEGERIANI

-

Condividi questo articolo

fiorani fazio fiorani fazio

 

Guido Bandera per ''il Giorno - il Resto del Carlino - la Nazione''

 

Una via crucis. La caduta, la lenta risalita e un nuovo crollo. Per Gianpiero Fiorani la finanza è un mestiere, incappare nella magistratura è un destino. L' ex furbetto del quartierino, il banchiere d' assalto che dalla sua piccola Lodi era arrivato a scalare Antonveneta e puntare al salotto buono della stampa, archiviati l' arresto e le condanne, qualche mese fa si era rimesso in affari e ora è di nuovo nei guai: indagato per riciclaggio.

 

Un' inchiesta della Procura di Genova lo accomuna all' amico Gabriele Volpi, 75enne imprenditore ligure, già uomo forte della Carige, lo stesso che alla vigilia di Natale, alla cena sociale dello Spezia Calcio, lo aveva pubblicamente incaricato di «ristrutturare il gruppo di famiglia in vista del debutto in borsa». Le attività spaziano dallo sport al petrolio nigeriano. Settemila dipendenti sparsi fra Africa e Italia e 47 società. Si cercava di «stabilizzare l' azienda», forse anche per questo sarebbero serviti soldi liquidi.

giuseppe fiorani e costantino giuseppe fiorani e costantino

 

Ma secondo l' accusa del pm genovese Marcello Maresca, che ha seguito la pista di pagamenti in nero ai giocatori della Pro Recco, i contanti rientravano dalla Svizzera nelle tasche di sicuri spalloni. Una sorta di scudo fiscale fai-da-te, che gli inquirenti ritengono frutto di tasse non pagate. Quanto basta per complicare la faticosa risalita di Fiorani, anomalo figlio di una terra cattolica e riservatissima.

gabriele volpi1 gabriele volpi1

 

E pensare che agli inizi puntava tutto sul lavoro di giornalista per Avvenire e il settimanale locale. Poi un giorno di 40 anni fa, ed è amara leggenda, la telefonata dell' allora patron della Popolare di Lodi. «Vieni a lavorare con me».

E Gianpiero pronto: «Fossi matto». Poi, la decisione muta. E comincia una carriera fatta di successi e tante, troppe, cadute. Questa, forse, sarà l' ultima.

 

GABRIELE VOLPI GABRIELE VOLPI Fiorani Fiorani

 

Condividi questo articolo

business