INFRONT A TE! “I SOLDI ALLA LEGA SONO SPRECATI MA DARLI ALLA JUVE SAREBBE ANCORA PEGGIO”: COSÌ LA LOBBY DEL CALCIO TRAMAVA CONTRO I BIANCONERI E NON FACEVA GLI INTERESSI DELLE SQUADRE DI SERIE A – LA QUESTIONE DEI DIRITTI TV PER I SITI DI SCOMMESSE ON LINE, GLI AFFARI DI SILVA E L’ASSE BOGARELLI-GALLIANI

Condividi questo articolo

SILVA NASSER SILVA NASSER

Estratti dall’articolo di Giuliano Balestreri e Francesca Brunati per businessinsider.com

 

L’ordine della Lega calcio era chiaro: salvare il soldato Riccardo Silva. A ogni costo. Anche se “ha pisciato fuori dal vaso” come dice l’ex direttore generale di Infront, Giuseppe Ciocchetti. Dalle indagini della Guardia di Finanza sulla lobby del pallone emergono altri dettagli inquietanti come quello che riguarda la cessione dei diritti tv per i siti di scommesse online: un prodotto che la Serie A non aveva commercializzato, ma che Silva aveva comunque ceduto.

DYBALA AGNELLI DYBALA AGNELLI

 

Con il benestare dell’advisor Infront. A dimostrazione che la massimizzazione del ritorno per le squadre italiane non è mai stato il vero obiettivo dei consulenti della Serie A. Per gli imprenditori era importante guadagnare il più possibile, anche a costo di non seguire le regole del gioco. “I soldi alla Lega sono sprecati” dice nelle intercettazioni l’avvocato di Infront, Antonio D’Addio secondo cui darli alla Juve sarebbe ancora peggio, meglio quindi “spenderli con Infront” che – almeno in teoria – dovrebbe aiutare il calcio a crescere e guadagnare di più….(…)

 

INFRONT INFRONT DIRITTI TV DIRITTI TV CALCIO DIRITTI TV CALCIO DIRITTI TV DIRITTI TV DIRITTI TV DIRITTI TV DIRITTI TV GALLIANI BOGARELLI INFRONT GALLIANI BOGARELLI INFRONT

 

Condividi questo articolo

media e tv

DIO PERDONA, FELTRI NO: “SELVAGGIA LUCARELLI, FORMIDABILE SCRITTRICE CHE SI DISTINGUE PER NON DIRE NIENTE DI INTELLIGENTE, SCRIVE CHE SONO UN NONNO RINCOGLIONITO. PER OFFENDERE UN ANZIANO BASTA RAMMENTARGLI DI ESSERLO. UNA TECNICA MISERABILE. C'È CHI SI RIFÀ LA REPUTAZIONE E CHI SI RIFÀ LE TETTE. LA LUCARELLI NON È IN GRADO DI RIFARSI LA PRIMA PERCHÉ NON L'HA MAI AVUTA, LE TETTE SE LE È GIÀ RIFATTE CON RISULTATI MEDIOCRI. SUL SUO CERVELLO NON MI ESPRIMO, NON L'HO SCOVATO”

politica

business

cronache

sport

cafonal