OH MY GHOSN! – A DUE MESI DALL’ARRESTO DEL SUPERMANAGER, SI INFITTISCE LA TRAMA DELLA FUSIONE TRA RENAULT E NISSAN: IL MINISTRO FRANCESE LE MAIRE SMENTISCE TRATTATIVE, MA GLI EMISSARI DI PARIGI STANNO FACENDO PRESSIONE – I DIRIGENTI DI NISSAN NON SONO D’ACCORDO: LE MALELINGUE DICONO CHE L’ARRESTO DI GHOSN (FAVOREVOLE ALLA FUSIONE) SIA STATO PILOTATO PER…

-

Condividi questo articolo

Leonardo Martinelli per “la Stampa”

BRUNO LE MAIRE CARLOS GHOSN BRUNO LE MAIRE CARLOS GHOSN

 

A due mesi dal clamoroso arresto a Tokyo di Carlos Ghosn, il supermanager che vent' anni fa riprese in mano Nissan per conto di Renault, per poi diventare l' uomo forte di entrambe le case automobilistiche, continuano le trattative serrate (più o meno esplicite) tra Francia e Giappone per salvare il salvabile e preservare il matrimonio Renault-Nissan.

CARLOS GHOSN NISSAN RENAULT CARLOS GHOSN NISSAN RENAULT

Ieri due media nipponici, in genere affidabili, hanno rivelato che emissari governativi francesi hanno chiesto ai vertici del gruppo giapponese di concretizzare un progetto definitivo di fusione, che però sarebbe stato rinviato al mittente.

 

A smentire, comunque, è intervenuto direttamente il ministro dell' Economia, Bruno Le Maire :La fusione non è un argomento sul tavolo delle trattative, sul tavolo c' è invece la governance di Renault».

 

CARLOS GHOSN CARLOS GHOSN

Attualmente l' alleanza si basa su partecipazioni incrociate, che conferiscono alla casa francese una posizione predominante. Renault detiene dal 1999 il 43% del capitale di Nissan, che in seguito si è assicurato il 34% di Mitsubishi, estendendo l' alleanza anche a questo costruttore. Nissan, invece, possiede solo il 15% di Renault e senza diritti di voto nel Cda. Quanto allo Stato francese, ha il 15,01% di Renault e il 22% dei voti: ne è, quindi, l' azionista di riferimento.

 

RENAULT 15-Nazionale RENAULT 15-Nazionale

Ebbene, giovedì scorso Martin Vial, direttore di un organismo pubblico, l' Ape (Associazione delle partecipazioni di Stato), ed Emmanuel Moulin, alla guida del gabinetto di Le Maire, hanno incontrato i vertici di Nissan a Tokyo. E lì, secondo il quotidiano economico Nikkei, avrebbero evocato lo scenario di una fusione, che, a quanto riporta l' agenzia di stampa Kyodo, sarebbe l' opzione preferita da Emmanuel Macron.

 

nissan nissan

Ma per il Nikkei, i dirigenti di Nissan si sarebbero detti contrari a tale eventualità. Da sottolineare: proprio Ghosn da mesi stava lavorando a una fusione definitiva dei due gruppi, che avrebbe tradotto una volta per tutte nella nuova entità gli attuali rapporti di forza, a favore dei francesi. È risaputo che i giapponesi, per lo stesso motivo, non fossero d' accordo: dai tempi in cui Ghosn riuscì a salvare Nissan da un probabile fallimento, diventando una sorta di eroe nazionale, l' azienda giapponese si è risollevata e nel 2017 ha commercializzato 5,81 milioni di vetture contro i 3,76 di Renault.

 

Carlos Ghosn e Emmanuel Macron renault Carlos Ghosn e Emmanuel Macron renault

Le malelingue dicono che proprio Nissan avrebbe pilotato l' emergere delle frodi fiscali e dei raggiri finanziari, di cui è accusato Ghosn, per costringere i francesi a rinunciare alla fusione o almeno a rivederla con condizioni più vantaggiose.

 

MACRON LE MAIRE MACRON LE MAIRE

Ieri Le Maire a cercato di gettare acqua sul fuoco. La fusione non sarebbe «sul tavolo» del negoziato in corso fra Parigi e Tokyo. La questione, comunque, prima o poi dovrà essere affrontata. Le Maire ha invece invocato «una governance solida e stabile» per Renault, che è necessaria per gestire questa fase delicatissima. Insomma, Ghosn, per il momento messo da parte come presidente di Renaut solo temporaneamente, deve essere silurato in maniera definitiva nei prossimi giorni. Il Consiglio d' amministrazione del gruppo dovrebbe riunirsi a breve.

 

Fra i favoriti per sostituire l' ex uomo forte, ci sono Jean-Dominique Sénart, ora alla guida di Michelin (ma in scadenza a maggio), e Didier Leroy, numero due di Toyota, manager francese che conosce molto bene il Giappone.

 

Condividi questo articolo

business