PREPARATE LE ARANCE PER IL MAGRO BERNESCHI - L'EX PRESIDENTE DI CARIGE TRASFERITO DAI DOMICILIARI IN CARCERE SU RICHIESTA DELLA PROCURA DI GENOVA: HA CERCATO DI MUOVERE SOMME DI DENARO DA QUANDO E' STATO ARRESTATO LA SCORSA SETTIMANA

La posizione dell’ex numero uno della Carige si fa sempre più complicata, e a conferma dell’attenzione che gli inquirenti stanno ponendo su Berneschi è arrivata nel primo pomeriggio la notizia di un nuovo blitz nella sua casa. Berneschi si sarebbe riservato di rispondere «in altra sede» ai pubblici ministeri…

Condividi questo articolo

Matteo Indice per "Il Secolo XIX"

GIOVANNI BERNESCHI FOTO INFOPHOTOGIOVANNI BERNESCHI FOTO INFOPHOTO

L'ex presidente di Carige, Giovanni Berneschi, sarà trasferito in carcere su richiesta della Procura: Berneschi avrebbe cercato di movimentare somme di denaro anche durante la detenzione domiciliare.

L'ex numero uno della banca genovese è stato ascoltato questa mattina in tribunale, dove è stato accompagnato dai carabinieri.

BerneschiBerneschi

Berneschi, assistito dall'avvocato torinese Maurizio Anglesi , è arrivato in tribunale questa mattina per l'interrogatorio di garanzia davanti al giudice Adriana Petri. La posizione dell'ex numero uno della Carige si fa sempre più complicata, e a conferma dell'attenzione che gli inquirenti stanno ponendo su Berneschi è arrivata nel primo pomeriggio la notizia di un nuovo blitz nella sua casa. A quanto pare Berneschi si sarebbe riservato di rispondere «in altra sede» ai pubblici ministeri e dunque si presume che l'interrogatorio proseguirà nei prossimi giorni.

Berneschi è accusato di riciclaggio e associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni di Carige. Intanto, precisazione un po' polemica del procuratore Michele Di Lecce: «A Genova non c'è alcuna talpa. In 7 mesi di indagine su Carige non c'è stata alcuna interferenza da parte di alcuno», ha detto. «Se ci sono stati comportamenti censurabili sono relativi a altre sedi e ad altri procedimenti».

CARIGECARIGE

 

CARIGECARIGE

 

Condividi questo articolo

business

SALTO CARIPLO – DOPO 22 ANNI FINISCE L’ERA DELLA PRESIDENZA GUZZETTI ALLA FONDAZIONE CARIPLO, MA A DECIDERE SULLA SUCCESSIONE È SEMPRE “L’ARZILLO VECCHIETTO”: LE CANDIDATURE SONO ARRIVATE E SI MEDIA PER ARRIVARE AL TERZETTO FINALE – CI SARÀ UN PRESIDENTE E DUE VICE FORTI TRA FERRUCCIO DE BORTOLI, L’EX RETTORE DELLA BOCCONI ANDREA SIRONI E IL DOCENTE DI SOCIOLOGIA MAURO MAGATTI – IL RUOLO DELLA LEGA NELL’ENTE LOMBARDO, CHE GESTISCE, “PER LASCIARLO AI POSTERI”, UN PATRIMONIO DA 8 MILIARDI…