PROFUMO DI MANOVRE – IL PRESIDENTE DELLA COMPAGNIA SAN PAOLO VUOLE STEFANO FIRPO COME SEGRETARIO GENERALE – ED IL DIRIGENTE DEL MISE CERCA LA SPONSORIZZAZIONE DI CALENDA – IN CORSA ANCHE LICIA MATTIOLI, VICE PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA E GIA’ CON UN PIEDE NELLA FONDAZIONE…

-

Condividi questo articolo

 

DAGONOTA

 

Francesco Profumo Francesco Profumo

Si avvicina il momento della scelta del nuovo segretario generale della Compagnia San Paolo. E per capire quanto la nomina sia “di peso”, basta ricordare che la Compagnia è il primo azionista dI Banca Intesa.

 

STEFANO FIRPO STEFANO FIRPO

Francesco Profumo, attuale presidente della Fondazione, ha promesso il posto a Stefano Firpo, che oggi guida una delle direzioni più importanti al ministero per lo Sviluppo economico; e che ieri faceva il “ghost writer” di Corrado Passera, sempre in via Veneto.

CARLO CALENDA1 CARLO CALENDA1

 

Firpo, però, sa bene che pur essendo apprezzato come economista ha poca dimestichezza con le banche. Così, sta cercando di ottenere la sponsorizzazione da parte di Carlo Calenda. Per carità, quel pariolino soprannominato "Bokassa" che si sente ministro è sull’uscio del ministero. Ma sono in molti a scommettere che anche dopo le elezioni continuerà a salire lo scalone di marmo dello Sviluppo economico. Ed ottenere un sostegno dal nipote di Comencini è importante.

 

licia mattioli licia mattioli

Il giovane (e rampante) Firpo, però, se la dovrà vedere con una donna “di peso” per il posto segretario generale della Compagnia. A Torino si racconta che quella posizione sia stata messa nel mirino da Licia Mattioli, vice presidente “per l’internazionalizzazione” di Confindustria e vice presidente del Comitato di gestione della stessa Compagnia.

 

Condividi questo articolo

business

CONCESSIONI AUTOSTRADALI, UN INDECENTE SEGRETO DI STATO - CHE SI POSSANO REVOCARE O NO, L'INCIDENTE DI GENOVA PUNTA UN FARO SULLA GESTIONE DELLE AUTOSTRADE CHE STAVOLTA SARÀ DIFFICILE NASCONDERE - DELRIO SI È FATTO BELLO DELL'AVER 'DESECRETATO' GLI ACCORDI? PECCATO CHE RIMANGANO GLI OMISSIS SU: REMUNERAZIONE DEL CAPITALE, REVISIONE DELLE TARIFFE, PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO, OPERE DA REALIZZARE, RECUPERO DEGLI INTROITI PER GLI INVESTIMENTI NON REALIZZATI O RITARDATI, INADEMPIENZE

IL GOVERNO PUÒ DAVVERO REVOCARE LA CONCESSIONE AI BENETTON? ECCO TUTTI I PROBLEMI DELLA MOSSA, DI GRANDE EFFETTO POLITICO, MA COMPLESSA A LIVELLO GIURIDICO - NON È LA PRIMA MAGAGNA DI AUTOSTRADE: SONO CROLLATI CAVALCAVIA E PENSILINE, SONO USCITI DI STRADA BUS, C'È LA SENTENZA SULLA CONTRAFFAZIONE DEL TUTOR. MA LA ''GRAVE INADEMPIENZA'' BISOGNA DENUNCIARLA. E LA CONTROPARTE PUÒ OFFRIRSI DI RIMEDIARE: PER QUESTO I FURBETTI HANNO PROMESSO DI RICOSTRUIRE IL PONTE IN 5 MESI (NON POTEVANO FARLO PRIMA?)