IL TESORO DI RE GIORGIO - LA ARMANI SPA RAGGIUNGE GLI 800 MILIONI DI EURO E LO STILISTA SI STACCA UNA CEDOLA STRADORDINARIA DA 80 MILIONI - MAXI UTILE CIVILISTICO NEL 2016 PER LA SOCIETA’ CHE HA CHIUSO L’ULTIMO BILANCIO CON PROFITTI PER QUASI 200 MILIONI

-

Condividi questo articolo

Da Libero Quotidiano

 

ARMANI ARMANI

Maxi utile civilistico nel 2016 per la Giorgio Armani spa, che ha chiuso l' ultimo bilancio con 200 milioni (il dato consolidato è invece pari a 271 milioni). Per la precisione la cifra è di 199,5 milioni, destinati a riserva straordinaria. Gli utili non sono stati distribuiti come dividendi agli azionisti e quindi a Giorgio Armani che ha il controllo totale.

 

Lo stesso copione era già andato in scena lo scorso anno, un utile civilistico ancora più alto e aveva deciso di mettere fieno in cascina senza ricompensare i soci con cedole. Poi però, si scopre tra le righe del bilancio appena depositato che re Giorgio aveva deciso di distribuirsi un dividendo straordinario da 80 milioni. Farà la stessa cosa anche quest' anno?

giorgio armani in acqua giorgio armani in acqua ARMANI ARMANI ARMANI 1 ARMANI 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA PRIMA VOLTA NON SI SCOPA MAI! ESCORT MASCHI E FEMMINE RACCONTANO SU “REDDIT” LA PRIMA VOLTA AL LAVORO: POCO SESSO, TANTE CHIACCHIERE E GIOCHINI SADOMASO PER UN MUCCHIO DI SOLDI

«Un proprietario di un noleggio di limousine mi pagò 200 dollari per sculacciarmi nuda e per portarmi al guinzaglio in giro per la stanza». Un collega: «Avevo 20 anni, la mia cliente 45. Mi offrì 600 euro per passare la notte insieme e accettai. Anzi, le chiesi se aveva amiche che volessero fare lo stesso, così arrivarono giovani e anziane, single e sposate con mariti che non le toccavano più»...

politica

business

cronache

sport

cafonal